Gingerbread House con Ghiaccia Reale

Al lavoro: “Rita, abbiamo comprato da Ikea un set di biscotti per fare una Gingerbread House, ce la decori??”

Ehm.. come dirvi che non ho mai fatto una ghiaccia reale in vita mia? Ma comunque, colgo la palla al balzo per fare questa nuova esperienza e via, sul web in cerca della ricetta più attendibile!
Per fortuna mi sono già creata una rete di foodbloggers di fiducia ma di varianti sulla ricetta della ghiaccia ce ne sono tante, con o senza albume, limone, aceto o cremor tartaro.

Alla fine la maggioranza delle ricette vedeva questi 3 semplici ingredienti: albume, limone (o aceto) e taaaanto zucchero a velo. Quindi ho provato questa, con successo!

gingerbread house

  • PRONTO IN: 10 minuti
  • PORZIONI: 1 sac à poche colma
  • DIFFICOLTA’: bassa
  • COSTO: basso

INGREDIENTI
1 albume
1 cucchiaino di limone
210 gr. di zucchero a velo

PREPARAZIONE
Montate per pochi secondi l’albume con il limone.
Appena comincerà a diventare spumoso aggiungete poco alla volta lo zucchero setacciato.
sbattete con un frullino, planetaria o fruste elettriche a velocità minima per evitare di far incorporare aria al composto. Questo per evitare che si creino bollicine che deformerebbero le vostre decorazioni.

Se non usate immediatamente la ghiaccia reale, copritela con della pellicola per non far seccare la superficie (che tende ad asciugarsi velocemente).

Se volete utilizzarla come collante per le casette di pandizenzero, controllate che sia abbastanza spessa, altrimenti pote aggiustarla con qualche goccia d’acqua o dello zucchero a velo aggiuntivo per ottenere la consistenza desiderata.

Per farvi un’idea, molto utile è la “regola dei 10 secondi” di Sweetopia dopo i quali capirete che tipo di ghiaccia avete ottenuto.

Una volta la ghiaccia reale pronta, e i biscotti a disposizione per l’assemblaggio, bisognerà scegliere quale base usare per la casa (vassoio di cartone o altro) e cominciare con l’attaccare ad una facciata le 2 perpendicolari e subito dopo l’ultima faccia, pressare delicatamente il tutto per dargli la forma definitiva e lasciar seccare per almeno 3 ore con dei supporti pesanti ai lati dei muri (tipo scatolette o barattoli pieni di acqua).

gingerbread house 2

Qui uno dei video tutorial della Wilton e quello di Sweetopia che ho seguito, vi schiariranno le idee 😉

piccolo consiglio: decorate le facciate e fatele asciugare prima dell’assemblaggio, così da rendere più facile la decorazione!

gingerbread house 1

 

Precedente Cake soffice cioccolato e uvetta (per un compleanno "fondente")