Fagiolini – la ricetta della mia famiglia

 

I fagiolini (da noi, in dialetto si chiamano “vaianedda”) sono i baccelli immaturi del fagiolo, vengono considerati degli ortaggi e non dei legumi perchè raccolti e consumati con i semi ancora in embrione, ancora immaturi.

In questo periodo dell’anno vengono raccolti e consumati in grande quantità in tutta italia, ogni regione però ha la propria ricetta della quale esistono poi infinite varianti.

E’ chiaro che non esiste una sola ricetta per regione, proprio perchè sono molto versatili. (io ad esempio li abbino bene al pesto alla genovese, facendoli bollire insieme all’acqua per la pasta).

La ricetta che vi propongo oggi è quella più comune alla mia famiglia che mangio da quando ero piccola.

Servono:

  • 500 gr fagiolini
  • 1 zucchina
  • 1 patata grande o 2 piccole
  • pomodori ciliegino
  • aglio
  • sale e pepe
  • basilico
  • olio evo
Pulite i fagiolini eliminando le due estremità del baccello, tagliate a cubetti la zucchina e la patata e lavate il tutto, io li metto nello scolapasta per facilitare questa operazione.
Mettete il tutto in una pentola con dell’acqua, salate e lasciate bollire per 30/40 min.
Intanto, in un’altra padella prepariamo il sugo con il pomodoro fresco: tagliate i pomodori in quattro (dopo averli lavati) e metteteli un padella con lo spicchio d’aglio schiacciato,l’olio evo, sale e pepe. Fate cuocere per 5/10 min e appena pronto aggiungete il basilico in modo che sprigioni il suo sapore e non venga danneggiato dalla cottura.
Trascorso il tempo indicato aggiungete gli spaghetti nella pentola con i fagiolini.
Scolate al dente il tutto e saltate in padella con il pomodoro fresco.
Io, una volta impiattato, completo il tutto con un filo d’olio a crudo.
E ora qualche informazione in più sui fagiolini, lo sapevate che i fagiolini sono un alimento a basso potere calorico, ricchi di sali minerali, fibre, vitamina A e potassio? sono molto impiegati nelle diete ipocaloriche, rinfrescano e svolgono azione diuretica. (fonte web)
State attenti che almomento dell’acquisto si spezzino facilmente con le mani e producano un rumore secco, saprete in questo modo che il prodotto è fresco.
La conservazione dei fagiolini deve avvenire in frigorifero chiusi in un sacchetto di plastica per alimenti, per massimo 4-5 giorni se provvisti di picciolo; oppure in freezer dopo essere stati scottati e previa mondatura.
Vi consiglio di acquistarne molti in questo periodo e fare la scorta per l’inverno, come avete visto è un alimento completo e ricco di proprietà interessanti.
E poi come ho già detto sono molto versatili, potrete sperimentare moltissime ricette anche se siete a dieta!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email
Precedente Il mio lievito madre o pasta madre, lievito naturale, pasta acida...va beh avete capito! Successivo Insalata di riso?? No..Insalata d'orzo!