Ciambella soffice a lievitazione naturale

Quando mi regalano un nuovo libro di ricette il mio primo pensiero è: “da quale ricetta inizio?” , vorrei farle tutte e così la ricerca della prima ricetta da provare è davvero difficile. Sono sicura che capita anche a voi, a me capita sempre!

10171637_10202930800582712_307501464_n

Dopo che una mia carissima amica mi ha regalato il libro “la pasta madre di Antonella Scialdone”, ho iniziato come al solito a sfogliarlo ripetutamente, alla fine ho scelto questa come prima ricetta da provare, ovviamente ho apportato delle modifiche.

E’ un dolce davvero semplice, perfetto per colazione. La versione che vi propongo io è alla nutella, ma ovviamente esistono infinite varianti (con amarene, semplice con zucchero a velo, con crema, con una pallina di gelato o una mousse al cioccolato e perchè no? una ganache!)

  • 60 gr farina manitoba
  • 140 gr farina 00
  • 70 gr latte
  • 65 gr pasta madre rinfrescata
  • 1 uovo
  • 2 gr sale
  • 75 gr zucchero
  • 70 gr burro
  • vanillina

La sera prima preparate l’impasto, se avete la possibilità di usare un’impastatrice per fare incordare l’impasto procedete facendo sciogliere la pasta madre nel latte tiepido e aggiungendo in ordine tutti gli ingredienti, in ultimo il burro ammorbidito a temperatura ambiente. L’impasto dovrà risultare liscio ed omogeneo. Se impastate a mano fate la fontana con le farine, al centro aggiungete il latte e la pasta madre spezzettata e in ordine tutti gli ingredienti, in ultimo sempre il burro. Lavorate energicamente l’impasto per almeno 1o min. su una spianatoia infarinata. Potete anche preparare questo dolce con il bimby, in quel caso procedete aggiungendo gli ingredienti come nel caso dell’impastatrice, lavorate 3 min a vel. spiga.

Procedete con una serie di pieghe (foto) e lasciate riposare l’impasto in frigo per una notte avvolto nella pellicola per alimenti (10-12 ore).

Scansione pieghe

Il giorno seguente tirate fuori l’impasto e portatelo a temperatura ambiente lasciandolo fuori dal frigo per almeno un’ora.

Successivamente sistemate l’impasto nella tortiera, se volete aggiungere pezzi di frutta o gocce di cioccolato questo è il momento di farlo. Mettere la tortiera in luogo tiepido e attendete il raddoppio dell’impasto (da 4 a 6 ore, in base al vostro lievito).

In ultimo cuocete in forno già caldo a 180°-190° per 30-40 min. Lasciar raffreddare completamente prima di farcire e spolverare con zucchero a velo.

P1020422

FAQ

Perchè dovrei scegliere questo dolce?

  1. Prima di tutto perchè è un dolce semplice, che piace a grandi e piccini. Potrebbe essere un perfetto sostituto alle brioches per la merenda dei vostri figli, ricche di conservanti.
  2. E’ un dolce molto profumato e la sua caratteristica fondamentale è la morbidezza. Se non avete mai provato a preparare un dolce con il vostro lievito madre vi consiglio di farlo, è davvero molto difficile spiegare a parole cosa vi state perdendo.
  3. Anche se può sembrare lungo nel procedimento, vi assicuro che è un dolce comodo da preparare anche e soprattutto per chi lavora, preparate l’impasto la sera prima e lo lasciate riposare in frigo, il giorno dopo non vi resterà che metterlo a lieviatare prima di andare al lavoro e infornare al vostro ritorno.

Io ho il li.co.li e non la pasta madre, come mi comporto?

Puoi procedere con la ricetta, sostituendo lo stesso quantitativo di pasta madre con il li.co.li e aggiungendo +50gr di farina all’impasto.

Posso preparare questo dolce anche con lievito chimico?

Ovviamente premetto che il risultato sarà molto lontano dall’originale ma si, al posto del lievito madre puoi aggiungere una bustina di lievito chimico e infornare immediatamente la ciambella.

 

Per quanto tempo si mantiene la ciambella?

La ciambella rimane morbida anche dopo 3 gg, ovviamente state attenti nel caso in cui usiate creme con uova crude per farcirla.

NB: Le dosi che vi ho dato, che sono uguali a quelle del libro, sono per una ciambella piccola di dimensioni, se volete potete direttamente raddoppiarle.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email
Precedente Le "pesche dolci" Successivo "Dolci e pani", una nuova collaborazione