Brioches siciliane col tuppo e granita al cioccolato

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi ricordo di avervi parlato tempo fa delle mie origini siciliane, anche se non lo avessi fatto sono sicura che l’avreste capito da soli..

Nella tradizione siciliana non possono mancare le brioche, quelle che si prendono calde al bar per accompagnarle alla granita o al gelato: profumate, soffici e invitanti.

Collage BRIOCHES

Visto il caldo di questi giorni ho deciso di preparare una cena solo a base di granita e brioche, beh si.. per farlo ho acceso il forno e quindi in cucina c’erano 40° gradi.. ma questa è un’altra storia…

La pasta brioche è meravigliosa, soffice e profumata. Aromatizzata alla vaniglia, limone e rhum. Nel mio caso ho seguito la ricetta del maestro pasticcere Luca Montersino adattandola al mio li.co.li, per voi scriverò entrambe le versioni.

  • 500 gr farina manitoba
  • 80 gr latte fresco intero
  • 100 gr li.co.li rinfrescato
  • 175 gr uova intere
  • 70 gr zucchero semolato
  • 175 gr burro
  • 15 gr miele
  • 10 gr rhum bianco
  • qb vaniglia
  • qb buccia di limone
  • 8 gr sale

Per spennellare

  • 1 tuorlo
  • 20 gr latte

Iniziate sciogliendo il lievito madre nel latte, aggiungete miele, uova, il rhum, gli aromi (cioè scorza di limone e vaniglia), lo zucchero e la farina.

Iniziate ad impastare fino ad avere un impasto il più possibile liscio ed omogeneo.

A questo punto incorporate il burro morbido ed il sale.

Continuate ad impastare fino a che l’impasto non risulterà liscio e ben incordato. Naturalmente questo sarà più facile se lavorate con un’ impastatrice, ma anche a mano otterrete un ottimo risultato con un pò di pazienza.

P1020583

Fatto questo, dovrete mettere l’impasto a lievitare fino a che non sarà raddoppiato di volume, il tempo dipende dalla vostra pasta madre che solo voi conoscete. Nel mio caso ho messo l’impasto in forno chiuso (che in questi giorni è più fresco della mia cucina), in due ore l’impasto è raddoppiato di volume.

Formate le palline di circa 150 gr e una più piccola di 50 gr per il tuppo. Con queste dosi sono venute 6 brioche.

Mettete nuovamente le brioche a lievitare fino al raddoppio.

Prima di infornare spennellate la superficie con un tuorlo e un pò di latte e infornate a 180° per circa 15 min.

Con il lievito di birra la preparazione varia ma non molto: utilizzate 450 gr di farina manitoba, invece che 500 gr e al posto del lievito madre 15 gr di lievito di birra. Naturalmente i tempi di lievitazione saranno ridotti e purtroppo ne risentiranno anche morbidezza e sofficità. In ogni caso vista la dose di lievito ridotta avrete cmq un buon risultato.

P1020589

Noi abbiamo gustato subito due brioches per cena, le altre le ho surgelate per prova. Il giorno dopo le abbiamo scongelate con microonde funzione scongelamento e alla massima potenza per 10 sec. Ottime, come appena sfornate! In ogni caso con il lievito madre si conservano bene anche chiuse in un sacchetto ermetico.

Noi le abbiamo gustate con la granita al cioccolato preparata nel bimby:

  • 120 gr zucchero
  • 500 gr acqua
  • 3 cucch. cacao amaro

Nel boccale inserite acqua e zucchero e fate uno sciroppo di zucchero: 5 min, 60°, vel 1.

Aggiungete poi l’acqua e il cacao: 2 min, 37°, vel. 1.

Lasciate raffreddare e mettete in congelatore per una notte.

Il giorno seguente tagliate a pezzi il composto che avrete ottenuto e mantecatelo nel bimby: 20 sec, vel.8 e 30 sec. vel. 6 spatolando.

E’ una ricetta economica e rinfrescante perfetta per il caldo estivo, potrete prepararla anche per la merenda dei vostri bambini. Ha una consistenza simile a quella di un gelato.

Ora ditemi…chi ne vuole un pò??

P1020591

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email
Precedente Glassa a specchio facile, copertura per torte Successivo Collaborazione, molino Pivetti