Risotto alla Guinness, speck e rocher di caprino

“Se la vita ti offre limoni fai una limonata” ma se qualcuno ti regala una cassa di Guinness, prepara pure un super risotto!

Questa è una mia rivisitazione del classico risotto Guinness e speck. Ve lo consiglio vivamente, fate solo attenzione a dosare l’amaro della Guinness con la dolcezza dello speck.

Cheers!

Sponsorizzato da Risi Preziosi

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    50 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Riso Karbor o Carnaroli 190 g
  • Birra Guinness 1 lattina
  • Speck 6 fette
  • Brodo vegetale 1 l
  • Scalogno 1
  • Burro 50 g
  • Grana Padano DOP Grattugiato 50 g
  • Caprino q.b.
  • Nocciole tostate tritate q.b.
  • Olio extravergine d’oliva 2 cucchiai
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. Iniziamo con la polvere di speck: adagiamo 6 fette di speck su una carta da forno e mettiamole in forno preriscaldato a 120°C per 45 – 50 minuti, dovranno essere belle secche senza tracce di umidità. Frulliamole in un minipimer e otterremo la nostra polvere.

  2. Scaldiamo il brodo vegetale, portiamolo a bollore e teniamolo sempre bello caldo.

  3. Tritiamo lo scalogno e soffriggiamolo in una padella a bordi alti con un po’ di olio extravergine a fiamma bassa senza farlo bruciare.

  4. Alziamo leggermente la fiamma, aggiungiamo il riso e tostiamolo per 2-3 minuti, fino a quando diventerà di un bianco trasparente. Sfumiamo con metà bicchiere di Guinness.

  5. Lasciamo sfumare la birra e aggiungiamo il brodo man mano che si asciuga, portando il risotto a cottura (15 – 17 minuti).

  6. 5 minuti prima della cottura aggiungiamo a piccole dosi la birra rimasta e abbassiamo leggermente la fiamma per far assorbire meglio il sapore al riso.

  7. Mentre il riso cuoce dedichiamoci ai rocher: tagliamo due pezzi di caprino larghi due dita ciascuno, modelliamoli con le mani fino a creare due sfere e rotolatele nel trito di nocciole. Ricopriamo per bene le sfere, dopodichè teniamole in frigo fino alla guarnizione finale.

  8. Quando il risotto è pronto, assaggiamo, aggiustiamo di sale se serve e togliamolo dal fuoco.

  9. Mantechiamo prima grana grattugiato e poi con il burro, mescoliamo energicamente e lasciamo riposare 2 minuti. Se il risotto risulta troppo asciutto, allunghiamolo con un po’ di brodo vegetale.

  10. Impiattamento: in un piatto da portata versiamo al centro poco alla volta il risotto, con il palmo battiamo energicamente sotto il piatto per distendere il riso in modo uniforme. Formiamo una linea con la polvere di speck e inseriamo il nostro rocher di caprino. Io ho utilizzato anche dello speck a julienne come da foto.

Senza categoria
Precedente Risotto al Prosecco, panettone, glassa al limone e salsa di pere Successivo Risotto al Campari, pompelmo rosa e gambero rosso di Mazara

Lascia un commento