Lumaconi gratinati al pane grattugiato, aglio,prezzemolo e vernaccia

улитки

Ingredienti:

1 ½ kg di lumaconi

2 dl di Olio extravergine di oliva

2 o 3 rametti di rosmarino fresco

10 spicchi d’aglio

Un mazzo di prezzemolo freschissimo

Un bicchiere e mezzo di Vernaccia di Oristano

Pane grattugiato q.b.

Sale grosso (un grosso pugno, come per cuocere la pasta)

Sale q.b.

Lavate benissimo le lumache sotto l’acqua corrente e assicuratevi che non ve ne sia nessuna già morta.

Mettete in una pentola capiente le lumache e coprite d’acqua fredda in modo che vi siano 4 dita d’acqua sopra le lumache.

Accendete il fornello a fiamma bassissima e fate cuocere fino a che non vedete che le lumache non si muovono più. A questo punto aggiungete il pugno di sale e sollevate la fiamma in modo da portare l’acqua a bollore.

Aggiungete 7 grossi spicchi d’aglio e i rametti di rosmarino e lasciate bollire per circa tre quarti d’ora. Le lumache svilupperanno in cottura della schiuma che voi dovrete togliere con una schiumarola man mano che si forma.

Quando le lumache sono cotte, scolatele bene con uno scolapasta e togliete gli spicchi d’aglio, cercando di non schiacciarli.

In una padella, larga e dal bordo alto, mettete l’olio d’oliva e le lumache.

Aggiungete l’aglio restante e il prezzemolo tritati finemente, lasciando rosolare, e mescolate con cura in modo da non rompere i gusci delle lumache.

Dopo circa cinque minuti versate sopra le lumache la vernaccia e mescolate con delicatezza in modo che il sughetto di olio, aglio, prezzemolo e vernaccia possa penetrare all’interno dei gusci.

Quando vi rendete conto che la Vernaccia ha perso l’alcol, salate e cospargete le lumache di pane grattugiato finché tutto il liquido non viene assorbito, senza lasciare che il pane si secchi. Mescolate ripetutamente fino a quando il pane entra nei gusci e quello rimasto fuori diventa ben dorato.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Be Sociable, Share!
Questa voce è stata pubblicata in Antipasti, Secondi e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.