Ravioli ricotta ed erbette su vellutata di fave e Fior di Mugello

Oggi vi propongo una ricetta delicata e primaverile, i ravioli ricotta ed erbette su vellutata di fave e Fior di Mugello. Sembra un piatto complicato, ma in realtà è di facile esecuzione anche se strutturato. L’ingrediente di base è il formaggio Fior di Mugello, un saporito formaggio a pasta liscia e compatta della Fattoria Il Palagiaccio, che ben si abbina ai baccelli primaverili. L’ho accompagnato, infatti, alle prime fave fresche di stagione e, per restare in tema di primavera, alle erbette selvatiche che iniziano a spuntare nel mio giardino, uttilizzate per il ripieno dei ravioli. Ho bilanciato i sapori e le consistenze ottenendo un piatto elegante e gustoso, che vi farà fare bella figura con i vostri ospiti, anche nelle occasioni speciali. Basterà decorare il piatto con fiorellini eduli per renderlo più allegro e colorato.

Ora non vi resta che assaggiarlo! Buona primavera!

Ingredienti per 4 persone (circa 20 ravioli di media dimensione)

Per la pasta fresca all’uovo

  • 150 g di farina 0
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • sale

Per il ripieno

  • 150 g di ricotta vaccina
  • 50 g di Fior di Mugello
  • 100 g di erbette selvatiche (cicoria, tarassaco, vitalba, spinacino, ecc.)

Per la vellutata

  • 400 g di fave fresche (già sgusciate)
  • 100 g di Fior di Mugello
  • sale
  • olio di oliva
  • panna fresca
  • aglio

Per il condimento e la decorazione

  • 160 g di Gran Mugello grattugiato
  • olio di oliva
  • basilico
  • granella di pistacchi
  • fiorellini eduli (opzionale)

Ravioli ricotta ed erbette su vellutata di fave e Fior di Mugello

Ravioli ricotta ed erbette su vellutata di fave e Fior di Mugello

Preparazione

  • Lavate per bene le erbette selvatiche, eliminando radici e terriccio, quindi lessatele in acqua leggermente salata per circa 20 minuti, poi scolatele, fatele raffreddare e strizzatele.
  • Frullate le erbette in modo da ottenere una purea, poi aggiungete la ricotta e il Fior di Mugello, continuando a frullare fino ad ottenere un composto denso e asciutto. Tenete il ripieno da parte.
  • Sgranate le fave, lavatele e scottatele in acqua bollente per un paio di minuti. Scolatele, fatele intiepidire per non scottarvi ed eliminate la pellicina esterna. Ultimate la cottura in padella con un filo d’olio e mezzo spicchio di aglio, che eliminerete a fine cottura. Passate le fave al setaccio, in modo da ottenere una purea liscia e tenetela da parte.
  • Preparate le cialde di formaggio. Sistemate in un padellino un pezzetto di carta forno ed un coppapasta, distribuite dentro circa 40 g di Gran Mugello grattugiato e sciogliete sul fuoco. Togliete il coppapasta, facendo attenzione a non scottarvi, sollevate la carta forno e ribaltatela sul fondo di una ciotolina sferica, bloccando con lo stesso coppapasta o con un altra ciotola in modo da far prendere forma. Proseguite con il resto del formaggio formando 4 cialde. Una volta raffreddate e solidificate toglietele dalla carta forno. Non preparatelo troppo in anticipo perchè potrebbero inumidirsi e diventare morbide perdendo la forma.

Cialda di formaggio

  • Preparate la pasta fresca all’uovo, mescolando farina, uova e sale. Stendete la pasta ricavando delle sfoglie molto sottili, distribuite con un cucchiaino o con un sac a poche dei mucchietti di ripieno ben distanziati tra loro, poi coprite con un altro strato di pasta e ritagliate i ravioli con la rotellina dentata.

pasta-fresca-ravioli

  • Cuocete i ravioli in abbondante acqua salata e quando vengono a galla scolateli e versateli in una padella con un filo d’olio e qualche foglia di basilico fresco, fateli insaporire per pochi minuti.
  • Nel frattempo, poco prima di terminare la cottura dei ravioli, preparate la vellutata. Versate in una padella un filo d’olio e la purea di fave, aggiungete il formaggio tagliato a cubetti, due cucchiai di panna fresca e due cucchiai di acqua di cottura dei ravioli, mescolate con un cucchiaio di legno fino al completo scioglimento del formaggio.
  • Distribuite la vellutata ancora calda nelle fondine, sistemate la cialda di formaggio accando al bordo, adagiate sulla vellutata 4 o 5 ravioli e decorate con granella di pistacchi e, se volete, con fiorellini eduli.

Ravioli ricotta ed erbette su vellutata di fave e Fior di Mugello

 

Ravioli ricotta ed erbette su vellutata di fave e Fior di Mugello

Ravioli ricotta ed erbette su vellutata di fave e Fior di Mugello

Con questa ricetta partecipo al contest Latti da mangiare

Latti da mangiare

Copyright © iocucinocosi

Precedente Minestrone invernale Successivo Cavoletti di Bruxelles alla panna

Lascia un commento

*