Petto di Pollo ripieno agli spinaci con formaggio
Petto di Pollo ripieno agli spinaci con formaggio – Latte di Mandorla blog Copyright © All Rights Reserved

 

Petto di Pollo ripieno agli spinaci con formaggio

Il Petto di Pollo ripieno agli spinaci con formaggio senza lattosio o Pollo con tasca agli spinaci e’ un’ottima alternativa al solito petto di pollo cucinato alla piastra o in padella, dal colore alquanto anemico. Il Pollo con tasca agli spinaci e’ una ricetta facile e veloce da preparare ed inoltre puo’ essere un’idea per servirlo ai nostri amici a cena cosi evitate il solito polpettone dall’aria sbrigativa 🙂 …buon appetito!

Il petto di pollo viene considerato una fonte di proteine molto alta e contemporaneamente viene catalogata come secondo piatto molto leggero perche’ e’ carne bianca, quindi non grassa.

La carne di pollo, come tutte le carni bianche, e’ caratterizzata da un basso contenuto di grassi, da un’equilibrato contenuto in acidi grassi saturi ed insaturi e da un’elevato contenuto proteico che e’ indispensabile per rinnovare i tessuti e per la formazione degli ormoni, degli enzimi, degli anticorpi. Avendo la carne di pollo minor tessuto connettivo e’ molto digeribile e cio’ rappresenta un’altra caratteristica positiva per coloro vogliono mantenersi in forma; inoltre i grassi del pollo si trovano soprattutto nella pelle e nel sottocutaneo, per cui volendo, e’ facile eliminarli.
Le proprieta’ nutrizionali del pollo sono ottime dal punto di vista del contenuto in ferro;la morbidezza della carne offre la possibilita’ di una buona masticazione e digestione; il valore calorico di 100 gr di pollo corrisponde a 110 kcal senza pelle.

Gli spinaci si presentano di colore verde molto intenso, hanno forma e dimensioni a seconda della varieta’; si possono consumare cotti o crudi, all’insalata. Gli spinaci in commercio si trovano freschi, congelati e debbono essere preparati quasi nell’immediato altrimenti la foglia si ingiallisce.Sono ricchi di ferro per cui sono indicati per chi ha problemi di carenza da ferro o anemia. Hanno come proprieta’, oltre anti-anemiche, anche depurative e lassative. Ricchi di calcio, fosforo e magnesio per indurire le ossa; contengono anche acido ossalico per cui sono controindicati per chi ha problemi di artrite.

PARMAREGGIO stagionato 36 mesi , grazie al processo di stagionatura cui vengono sottoposti, hanno un minor contenuto di lattosio e quindi e’ un’ alimento generalmente ben tollerato; ha anche il vantaggio di essere una ottima fonte di calcio (100 grammi ne forniscono 1340 milligrammi) e, quindi, consumato nelle giuste quantità (ma attenzione ai grassi) può coprire i fabbisogni di calcio non soddisfatti dal mancato consumo di latte.

E’ un formaggio a pasta dura e a lunga stagionatura, ricco di proteine, vitamine e minerali e privo di lattosio. Grazie agli aminoacidi essenziali è facilmente assimilabile e gli enzimi contenuti lo rendono altamente digeribile, adatto anche a persone intolleranti alle proteine del latte vaccino.

Pensate che 50-60gr di Parmigiano Reggiano, magari una bella scaglia di Parmareggio 30 mesi consumata a pasto, forniscono 16gr di proteine, cioè quelle contenute in circa 100gr di pesce o carne per cui, a parità di apporto proteico, si ha anche un livello di colesterolo notevolmente inferiore della carne di vitello o delle carni bianche comunemente consigliate nelle diete.
Gli intolleranti al lattosio devono orientarsi su formaggi stagionati, perché la stagionatura riduce o elimina la percentuale di lattosio. In questa ricetta e’ stato utilizzato il formaggio EMMENTALER DOP che contiene meno dello 0,01% di lattosio pertanto può essere contemplato anche nelle diete di chi presenta tale intolleranza.
Quello originale, garantito dal Consorzio, lo si riconosce dal marchio Emmentaler accompagnato dal bollino DOP presente sulla crosta o sulle confezioni.
Inoltre sulla crosta potete trovare un numero iscritto in un’ovale: attraverso questo numero si può risalire al caseificio che ha prodotto quel pezzo di formaggio, garantendo in questo modo la tracciabilità del prodotto.

 

 

RICETTA: Petto di pollo ripieno agli spinaci e formaggio

 

Ricetta e Foto:Latte di Mandorla Copyright ©
Informazione Ricetta: Ricetta Senza Lattosio
Categoria: Secondo piatto a base di pollo
Dosi ricetta (o persone): 4
Tempo Preparazione: 15 minuti
Tempo Cottura: 30 minuti
Difficolta’: semplice

 

 

INGREDIENTI:

– un petto di pollo intero
– 400 gr di spinaci freschi o surgelati
– 50 gr di emmentaler, formaggio senza lattosio
– un uovo
sale e pepe
olio extravergine di oliva
– parmareggio grattugiato e stagionato 36 mesi, senza lattosio

 

 

 

 

Come si prepara il  Petto di pollo ripieno agli spinaci e formaggio:

– dal vostro macellaio fate incidere il pollo creando una tasca per poter creare un petto di pollo ripieno
– sbollentate gli spinaci e poi scolateli
– tagliate a dadini il formaggio emmentaler
– sbattete con la forchetta l’uovo, salate e pepate
– in una ciotola unite l’uovo, gli spianci scolati dalla loro acqua, il formaggio senza lattosio, un filo di olio, parmareggio grattugiato stagionato 30 mesi, amalgamate tutti gli ingredienti e riempite la tasca del petto di pollo
– chiudete la tasca con gli stuzzicadenti
– oliate tutto il petto di pollo
– foderate con carta da forno una teglia, adagiate il pollo
– infornate a 180° per circa 20 minuti, vedrete che si formera’ una crosticina dorata
– sfornate, tagliate a fette e servite in un piatto da portata
– buon appetito con il  Petto di pollo ripieno agli spinaci e formaggio

 

Cerchi altre ricette senza lattosio? Visita il blog Cucina Passione e Gusto, clicca QUI

Vieni a visitare il Gruppo su FacebookForum di Intolleranza al Lattosio, clicca QUI

Se vuoi ricevere le ricette sul tuo profilo di Facebook, clicca MI PIACI, sulla pagina di Intolleranza al lattosio

 

 

FOTO E RICETTA: Copyright © “Latte di Mandorla” All Rights Reserved

NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle alcuno spazio della rete, che siano forum o altro, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.