CARTELLATE PUGLIESI AL VIN COTTO SENZA LATTOSIO LIEVITO UOVA

Le cartellate al vin cotto sono un dolce tipico pugliese, una ricetta tradizionale che si prepara durante le festivita’ natalizie.

Le cartellate sono dei dolci di pasta frolla preparate con il vino bianco nell’impasto per conferire un aroma particolare (il vino puo’ essere sostituito anche con il limoncello o cognac, whiscky) e condite con il vin cotto pugliese. Nella procedura della ricetta vi spiego sia la cottura tradizionale fritta che al forno.

Le cartellate al vin cotto sono una ricetta indicata per chi segue una dieta senza latticini o un’alimentazione senza lattosio, inoltre e’ un dolce senza uova e senza lievito.

 

 

CARTELLATE PUGLIESI AL VIN COTTO SENZA LATTOSIO LIEVITO UOVA
CARTELLATE PUGLIESI AL VIN COTTO SENZA LATTOSIO LIEVITO UOVA|Latte di Mandorla | Copyright © All Rights Reserved

 

RICETTA: Cartellate pugliesi al vin cotto senza lattosio

Ricetta e Foto: Latte di Mandorla Blog Copyright ©

Categoria: Dolci di natale
Dosi ricetta (o persone): 50 cartellate
Tempo Preparazione: 10 minuti di lavorazione+ 30 minuti di riposo
Tempo Cottura:  20 minuti circa
Difficolta’: Ricetta media difficolta’

INGREDIENTI:

  • 1 kg. di farina 00
  • 200 gr. di olio extravergine di oliva
  • vino bianco secco q.b. circa 300 ml
  • olio di arachidi per friggere
  • vin cotto pugliese (oppure mosto di fichi o miele)

 

 

Cartellate pugliesi dolci di natale

 

 

Come si preparano le Cartellate pugliesi al vin cotto:

  1. Disponete la farina a fontana sulla spianatoia
  2. fate un foro centrale, inserite l’olio di oliva extravergine tiepido a poco alla volta e impastate
  3. aggiungete poi il vino bianco tiepido, continuate ad impastare fino ad ottener un’impasto liscio ed omogeneo
  4. formate un panetto e tirate una sfoglia molto sottile (utilizzate il mattarello o la macchinetta della pasta)
  5. poi tagliate, con la rotella dentellata, delle strisce lunghe 15 cm e larghe 3
  6. pizzicatele ogni 3-4 cm e arrotolatele su se stesse formando delle rose
  7. adagiatele su un canovaccio pulito
  8. per visualizzare le foto passo passo clicca qui

PROCEDURA CARTELLATE FRITTE:

  1. friggete le cartellate da entrambi i lati, in abbondante olio di arachidi e toglietele quando diventeranno dorate
  2. scolatele con un mestolo forato e adagiatele su carta assorbente da cucina perche’ perdano l’unto in eccesso
  3. servite le cartellate con il vin cotto oppure con il miele
  4. trasferitele su un piatto da portata e servite dopo qualche giorno
  5. le cartellate si conservano per un paio di settimane

PROCEDURA CARTELLATE COTTE AL FORNO:

  1.  Disponete le cartellate in una teglia foderata da carta da forno
  2. infornate a 180 gradi per circa 10/15 minuti, dovranno diventare dorate
  3. sfornate e fate raffreddare su una gratella
  4. servite le cartellate con il vin cotto oppure con il miele

 

Ciao, alla prossima ricetta! Immacolata

Se ti piacciono le mie ricette, segui la mia pagina Facebook Clicca MI PIACE per essere aggiornato sulle ultime novità ;) a presto!

 

 

LEGGI ANCHE

  1.  Focaccine senza lievito cotte in padella
  2. Pane Azzimo senza lievito in padella
  3. Torta sofficissima con olio extravergine di oliva,
  4.  biscotti senza zucchero uova latte e lievito 
  5.  Torta al cacao con farina integrale senza zucchero burro latte 

Ricette Senza, si! Ma con Gusto

 

 

 

 

UNISCITI AI FOLLOWERS SUI SOCIAL NETWORK

 

 

ATTENZIONE: I consigli dietetici forniti sono puramente indicativi e non debbono essere considerati sostitutivi delle indicazioni del medico, in quanto alcuni pazienti possono richiedere adattamenti della dieta sulla base della situazione clinica individuale. Pertanto  non devono in alcun modo essere interpretate come diagnosi e/o sostituirsi in alcun modo ad una accurata visita presso centri medici specializzati.

FOTO E RICETTA: Copyright © “Latte di Mandorla” All Rights Reserved

NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle alcuno spazio della rete, che siano forum o altro, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.