Cantucci di Prato

I  cantucci di Prato sono un dolce originario della Toscana e tipico del periodo delle feste natalizie.  I cantucci di Prato vengono serviti da inzuppare nel famoso Vin Santo toscano, un vino liquoroso e molto profumato che ammorbidisce i cantucci stessi.
cantuccini di prato con mandorle

RICETTA: Cantucci di Prato

Ricetta adatta per chi e’ intollerante al lattosio ti spiego come realizzare i Cantucci di Prato.

Vieni a visitare il Forum di Intolleranza al Lattosio, clicca QUI
INGREDIENTI PER 8 PERSONE
• 500 g di farina 00
• 500 g di mandorle sgusciate
• 500 g di zucchero
• 4 uova
• 1 cucchiaino di buccia d’arancia grattugiata
• 1 bustina di vanillina
• 1/2 cucchiaino di lievito per dolci
• burro alla soia o margarina vegetale,  per la placca
• farina per la placca
• sale
PREPARAZIONE
Portate il forno a 180 °C; distribuite le mandorle su una placca e fatele tostare per qualche minuto. Sfornatele, lasciatele raffreddare bene e tritatele molto grossolanamente, tenendone qualcuna intera.
Versate la farina a fontana sulla spianatoia; unitevi le uova sgusciate, il lievito, lo zucchero, la vanillina, la buccia d’arancia e una presa di sale. Impastate bene il tutto fino a ottenere una pasta perfettamente liscia e omogenea, poi aggiungete le mandorle, cercando di distribuirle in modo uniforme nella pasta.
Con l’impasto ottenuto formate delle piccole sfere, che poi tirerete con il palmo delle mani fino a ottenere dei lunghi cilindri; metteteli su una placca da forno imburrata e infarinata e fate cuocere per circa 15 minuti.
Sfornateli, fateli raffreddare e con dei tagli in senso diagonale ricavate delle fettine di 1 cm di spessore. Ripassate i cantucci in forno, sempre a 180 °C, ancora per 25 minuti, in modo che risultino ben dorati e croccanti. Sfornateli, fateli raffreddare prima di staccarli dalla placca e serviteli.

2 Commenti su Cantuccini di Prato

  1. Ciao,
    solo oggi ho scoperto l tuo sito.
    Complimenti hai delle ricette bellissime e sicuramente buonissime.
    Mi metto subito al lavoro(anche se dovro’ sostituire lo zucchero con il
    fruttosio ) e ci sentiamo a presto.

I Commenti sono chiusi.