Quando la tradizione fa da re’ il peposo

  • muscolo di manzo o altra carne compatta, 500 gr.
  • vino rosso se possibile Chianti in abbondanza
  • 6 spicchi di aglio
  • 3 pomodori maturi o un barattolo di pelati o  conserva
  • un mazzetto di odori salvia, rosmarino, alloro
  • pepe nero, un cucchiaio almeno
  • sale,
  • pane  toscano
  • olio  ex verginTaglia la carne a pezzi non troppo piccoli. Trita l’aglio, spella i pomodori e tagliali a pezzi grandi scartando i semi, per eliminare l’acidità. Riunisci tutti gli ingredienti in un tegame, meglio se di coccio. Aggiungi il mazzetto di erbe, il sale ed il pepe. Copri con il vino e fai cuocere a fuoco lento per due o tre ore(ma anche più a lungo, se la fame lo consente, durante le quali occorrerà girare gli ingredienti ogni tanto ed aggiungere altro vino se il peposo si asciuga eccessivamente. Per chi non teme i sapori forti, a cottura quasi ultimata si può aggiungere ancora un po’ di pepe.
    Il peposo può essere accompagnato   con del    pane  toscano  arrostito  in  griglia, passato  con aglio  disporlo nel coccio  e mettere sopra  il peposo  servire con  un  chianti  corposo  sentire il profumo  del peposo in  cucina  ..
  • Difficoltà:
    Media
  • Costo:
    Medio

Preparazione

Questo articolo è stato pubblicato in Ricette da inpuntadcoltello . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su inpuntadcoltello

Medaglia d'oro presso il ristorante il faro. Premio biennale, premio accademico eno gastronimico il gusto del mediterraneo . Riconoscimento prestigioso ,come premio qualita della citta di arezzo per 7 anni consecutivi. Riconoscimento prestigioso come miglior chef della toscana rilasciato da Carlo Re. Diploma come miglior intagliatore rilasciato dal maestro docente Momo Hasbun. Risconoscimento e recensione rilasciata dal giornalista Marco bellettani di chefilandia. Recensione del giornalista marco botti sul settimanale di Arezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*