Verdi segreti

Verdi segreti per la rubrica “I rimedi della nonna” oggi parliamo di trucchi per mantenere vivaci i colori di verdure ortaggi e legumi.

Verdi segreti

Verdi segreti

Vi siete mai chiesti i segreti delle verdure ed ortaggi? Ma di quali segreti parliamo vi state chiedendo! 

Ovvero i segreti ottimali per la cottura di alcune verdure ed ortaggi, come mantenere i colori vibranti dopo la cottura. Ma durante la cottura cosa avviene alle nostre splendide verdure?

Durante la cottura le verdure o alcuni legumi, cambiano colore per via delle modificazioni organolettiche, specie se si scelgono cotture errate. Si può ridurre il cambiamento di colore scegliendo la cottura a vapore. Dopo i 60° avviene questo cambiamento di colore, tutte le verdure bollite superando i 100° inevitabilmente cambiano di colore.

  • Il colore verde diventa più forte quando è in ambiente alcalino, mente diventa più opaco in ambiente acido.
  • Il rosso, viola ed il bianco diventano invece più vibranti in ambienti acidi.

I Verdi segreti: consigli utili per mantenere i colori vividi.

Ma in parole povere, cosa si può fare per evitare di di avere verdure spente?

  • I fagiolini quando vengono bolliti perdono il loro colore vibrante, tendendo ad un verdino sbiadito. Per donare brillantezza e non perdere colori vivi, una volta cotti vanno scolati immediatamente e passati in acqua fredda corrente, o addirittura nel ghiaccio. Questo passaggio consente di bloccare la cottura ed aiutano a non perdere il colore vibrante.
  • Quando cucinate i broccoli o le verze potreste fare la stessa cosa, ma non sempre vengono utilizzati per involtini o altro. Spesso vengono utilizzati per cotture miste, tipo verza e patate,  pasta con i broccoli. Quindi che fare? Mio padre mi diceva sempre metti l’aceto durante la cottura, così non si espande la puzza dentro la casa, e restano verdi accesi.
  • Per i cibi bianchi, viola o rossi o tendente al rosso basta aggiungere un poco di limone, come per esempio nelle fragole quando fate la marmellata, diventerà di un rosso brillate e vivace. Per alcuni cibi non si usa il limone, su una melanzana grigliata può non piacere, dipende dai gusti. 
  • Il limone viene utilizzato non solo per rendere più brillanti i colori, (come con il pepe), per coprire i sapori di cibi cotti antecedentemente. Personalmente non mi fido mai di cibi contenenti troppo pepe o troppo limone. Pepe e limone possono far male allo stomaco, specie se si soffre di ernia jatale o gastrite. Inoltre se i cibi sono leggermente andati non si comprende bene il sapore, quindi si rischia anche di avere un brutto mal di pancia. Non sempre il pepe serve per modificare il sapore dei cibi, ad esempio la gricia, che è molto pepata, particolarità del piatto romano. O fragole banane e limone! Chi non mette tanto limone? Dona un sapore fresco, potete provare anche il lime, ovviamente ricordando di zuccherare il tutto, meglio se con zucchero superfino.

I rimedi più conosciuti sono quelli delle nonne, a volte quelli dei nonni, in questo caso sono quelli di mio padre. Peccato non poterlo avere ancora accanto, avevo ancora molto da imparare.

Per oggi abbiamo parlato del cambiamento di colore di alcune verdure, non perdetevi la prossima rubrica! Parleremo anche di altro!  Come ogni settimana ci vediamo mercoledì prossimo alle 19:30!! Non mancate vi aspetto! 

Vuoi seguire i mie aggiornamenti da facebook? Sequimi, clicca qui per la fan page!

Be Sociable, Share!
 

Lascia un commento