E tu che foodblogger sei?

E tu che foodblogger sei? Si ve lo chiedo, perché io personalmente mi sono scocciata di sentirmi inadeguata a causa di gente che non so se è invidiosa o altro. Oggi ho messo un post nel mio profilo privato e ho riscontrato che molte persone la pensano come me. Vi ripropongo qui quello che ho scritto, sicuramente c’è qualche errore ortografico, ma ho copiato quello che ho scritto apposta, del resto tutti sanno fare copia ed incolla no?

Stampa

E tu che foodblogger sei? 

Da oggi torno alle mie origini, il mio blog per me è una rubrica di ricette che amo e che ho provato. Mi sono solamente stufata di leggere cose assurde, come chi è su giallozafferano è una sottocartella…ma siate serie, se vi comprate il dominio, e comunque fate ricette ovvie e soprattutto con foto che nel piatto tutto sembra tranne che cibo, vi pensate di essere chissà chi? Per avere un foodblog non serve un dominio personale, ma solo una cosa, avere passione per la cucina, SAPER CUCINARE, cosa che noto sempre meno…a momenti si diventa fotografi ma cucina zero, con piatti immangiabili. Preferisco pubblicare meno ricette, ma pubblicare la qualità. Lo faccio per passione, per hobby. Se un futuro avrò un dominio, sarà perché lo farò per lavoro, ma questo è il mimo blog e questo resterà! Al massimo sul mio sito ci sarà il rimando al mio blog! E siate seri…..smontatevi la testa! Forse scrivendo questo mi metterò molte persone contro. La mia è sotto inteso non è invidia…ma vedo tanti invidiosi, che pur di screditarti se ne inventano di tutti i colori! Conosco molti blogger sia con dominio che senza che sono bravissimi, ho avuto l’onore di conoscere alcune di queste persone ho avuto l’onore di cucinare con loro, e posso dire che sono uguali a come sono online, che sanno veramente cucinare e sono veramente persone umili. Queste persone voglio ringraziarle dominio o non dominio, non fa la differenza o l’avevate o no siete fantastiche! Le foto aiutano ma se non c’è la sostanza non ci sta nulla! Cran Berry Silvia Sissina Cinzia Ceccolin Elena CastiglioneZibaldone Culinario Carla Emilia Cogo Marina Riccitelli con alcune di voi ho semplicemente partecipato ad un concorso, con altre ho cucinato, ma so solo una cosa, ci unisce la passione per la cucina! E spero che queste sciocchezze passino dalle teste di tante persone. il Grazie per l’ascolto!

In seguito è continuata una bella discussione con alcune amicizie, qui potete leggere il resto se volete. Ora vi chiedo, siete BLOGOCHE o lo fate per passione? Il mio è quasi un grido disperato, di chi ha bisogno di lavorare. Di chi con la sua passione sta cercando di fare del proprio meglio per migliorare, ma molte persone sanno solo giudicare, sanno solo vedere da fuori, e sanno giudicare senza le minime conoscenze, come si dice da me ciucci ed ignoranti! Chiunque può essere foodblogger, ma non tutti sono all’altezza?

Secondo me ci sono delle notevoli differenze tra blogger:

  1. Food blogger per passione, mette le sue ricette online come una rubrica di ricette di famiglia, dove prendere le ricette migliori, le ricette delle nonne e delle mamme, delle zie, queste secondo me sono le più genuine perché partono senza troppe pretese e le ricette sono tra le migliori, semplici alla portata di tutti, senza dover cercare spezie in capo al mondo.

  2. Food blogger che vogliono solo condividere le ricette con amiche lontane o fare nuove amicizie.

  3. Food blogger/fotografe, che sono molto più belle le foto delle ricette però sono così attraenti, come del resto si sa si mangia anche con gli occhi, e di questi tipi ce ne sono due, tutto fumo e niente arrosto, oppure arrosto e fumo insieme ottimo no? E la seconda categoria è data da esperienza nel settore.

  4. FB. che se la “tirano”, e si ci sono pure quelle, purtroppo è un mondo cattivo, ma tutti stanno zitta per paura di restare isolati, del resto io sono abituata a dire quello che penso, e quindi preferisco avere pochi amici ma buoni! C’è da dire che a volte sembrano che se la tirano, ma magari sono le migliori ed aiutano tutti, quindi prima di parlare o di dare ascolto a chi parla per invidia è meglio conoscere le persone.

  5. FB. che prima aprono su una piattaforma poi comprano un dominio…che magari non sono ancora pronti però vogliono camminare con le loro gambe, e fino a 5 minuti prima eri la loro migliore amica, ma appena cambiano piattaforma o comprano dominio sei la nemica numero uno, la rivale da abbattere. A volte il contrario, alcune FB lasciano una piattaforma e di solito vengono isolate da tutte…il che non è bello.

  6. FB. che pensano di intrufolarsi dappertutto, sono a tutti gli eventi, ma non perché li invitano ma perché non hanno nulla da fare o vogliono diventare famosi e vivere con il proprio blog….non sapendo che se non sei nessuno, nessuno resti, se non hai le conoscenze non vai da nessuna parte, nessuno ti regala nulla. Le cose vanno meritate. Poi conosco anche FB. che vanno ad eventi ma lo fanno per imparare o per conoscere nuove persone, magari perché sono disoccupati, ma questa è un’altra categoria.

  7. FB. tuttologi. E si sanno tutto loro, i classici ciucci ed ignoranti, ma sanno tutto loro, per fortuna sono molto rari. Però vogliono avere sempre ragione, dettano legge, non puoi fare varianti a ricette regionali, e se in casa tua o nella tua zona li fai sei tu l’ignorante….e si beati loro. Poi ci sono alcuni invece che studiano e tanto e sono veramente bravi e ricercati provocando invidie varie.

  8. FB che pubblicano una ricetta al giorno, a volte sono bravi a volte meno, ma provocano molta invidia o rispetto ed ammirazione, dipende dai casi, o se ti metti contro qualcuno….

  9. Poi ci sono le fooblogger arrabbiate nere, e si avete letto bene, quella sono Io. In realtà sono molto ironica, quindi ho ironizzato su tutto, aspettando che arrivavate alla fine per leggere. Mi piacerebbe vedere ora la vostra espressione…ora se state ridendo, specie chi mi conosce, avete capito che ho ironizzato un mondo difficile, dove in realtà si dovrebbe restare umili per andare avanti. Ma non tutti lo capiscono. Dove se tu sei brava a fare le foto ed io sono brava ad esempio a ritoccarle, ci possiamo aiutare perché no! Molte blogger mi chiedono consiglio, le aiuto a sistemare le foto con software tipo gimp (software free), del resto non tutti siamo grafici no? Persino io che ho studiato uso software alternativi o per studenti. Tranne quando lavoravo in ufficio e potevo usare i software più conosciuti.

  10. Se siete arrivati alla fine vi ringrazio, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate se vi sentite in qualche categoria o magari ne troviamo altre, ironizziamo cari, perché la vita è dura, e siamo sempre in mezzo alle critiche nel bene e nel male. Un amico mi ha detto che i blogger saranno il futuro. Se è vero dobbiamo essere un ottimo futuro! Io magari non sono bravissima a scrivere, amo scrivere, ma non ho mai detto di esserlo. Qualcuno mi ha detto di si, e che scrivo in maniera semplice che arriva al cuore. Personalmente amo utilizzare spesso termini ricercati, ma credo che una foodblogger debba scrivere in termini semplici e facili da comprendere, altrimenti non è un blog di cucina no?

 

32 thoughts on “E tu che foodblogger sei?

  1. Eh cara Evuccia questo è un mondo difficile!
    Poi hai dimenticato la categoria “malate di contest”!
    Ci sono blogger che lottano come pazze per vincere un contest e se per loro una ha fatto una ricetta che potrebbe vincere l’attaccano in ogni modo.
    O peggio, ci sono le blogger che passano in altri blog tenendo l’anonimo solo per offendere o criticare come hai detto le ricette regionali e non!
    Non sai quante me ne sono capitati per le ricette della nostra bella rubrica regionale!
    Su su Evuccia, noi tiriamo avanti perchè la passione VERA per noi c’è!

    • ah vero!! ahhaha è vero! ma quello all’inizio lo sono un po’ tutte dai ahahah anche chi fa molte collaborazioni! poi capisci che è bene fare il proprio bene!

  2. Eva
    parole sante
    che dire nel mondo c’e di tutto
    basta camminare a testa alta
    ed essere sempre tu stessa e non farti condizionare da niente ne da nessuno
    :D
    non farsi prendere troppo la mano della realtà della vita
    contente loro che mi frega
    brava Eva :D

    • e si! ma almeno io dico quello che penso, non sto zitta come le percorelle! Forse per questo che ho pochi amici, e poche foodblogger con cui parlare, ma è una mia scelta. Non amo i lecchinismi, non amo le falsità!

  3. Ciao Eva ho piacere di conoscerti, io sono una bloggerellina entrata in punta di piedi e mano larga… hahaha mi sono subito sentita come Alice nel paese delle meraviglie, sono entrata in questo mondo solo e soltanto per la mia passione ai fornelli , il problema che tu hai posto non l’ho mai intravisto sul mio percorso sono fortunata ? oppure non mi guardo abbastanza intorno ? non so ..! certo è che quando vedo belle ricette e foto mozzafiato con tanto di vassoi chic o magari ceppi di legno con tanto di tovagliati a quadretti, resto sbalordita nel senso che mi dico non l’invidio per nulla evidentemente hanno più tempo a disposizione ..non ti nascondo che qualche volta chò provato…ma ho avuto poi il brontolio di mio marito e i miei figli che aspettavano con le posate in mano..hahaha quindi mia cara credo di far parte della schiera del punto 1 e ne sono felice …basta guardare il sorriso dei miei cari a tavola per rendermi orgogliosa e ritenermi Super Chef della mia casa. Perdonami per tutte ste chiacchiere … grazie per avermi aggiunta nella tua pagina Ciao e buona serata.

    • Ho adorato leggerti…e si leggerti…ho adorato leggere quello che avevi da dire. Sei stata gentile a rispondere. Adoro le blogger genuine semplici senza pretese. Anche io amo vedere le foto chic delle altre, ma non ho molte tovagliette ecc, del resto non lavoro e non me lo posso permettere, tranne quando me le realizzo io con quello che ho. Sto imparando per me stessa per migliorarmi, perché amo fotografare amo cucinare e mi piace diffondere quello che amo fare, per infondere anche ad altri la passione! Benvenuta!

  4. Ciao Eva, credo di rientrare in parte nella categoria 1, abbastanza pasticciona, tant’è come sai il mio blog si chiama appunto “I pasticci di casa mia”. Non ho alcuna pretesa, ogni tanto mi piace sperimentare cose nuove, per il mio piacere. Nella categoria 9 ci sono stata all’inizio, proprio perché mi rispecchiavo in toto nella cat. 1. Le mie foto non erano mai abbastanza appetibili, erano sempre un obbrobrio, non ero competitiva, non potevo far parte della piattaforma GZ, dovevo mettermi nell’angolino e stare a guardare tutte le brave blogger che si affannavano ad ingraziarsi la condiscendenza di qualcuno. Mi sono fortemente arrabbiata anzi ero incazzata nera, poi mi sono fatta scivolare addosso tutto. Pubblico per il mio piacere personale e mi diverto insieme ad altre blogger, sicuramente molto più brave di me, a chiacchierare, a scambiarci ricette e consigli. Mi piace girovagare negli altri blog e se vedo qualcosa che mi piace lascio un commento, ma mai una critica. Io ad ogni ricetta penso che ognuno di noi cerca di fare del suo meglio e ci mette fatica, ingegno, fantasia, non vedo perchè dovrei criticare il lavoro degli altri. Scusami mi sono dilungata troppo. Eva ascolta una persona molto più grande di te: fatti scivolare tutto addosso. Dante disse: Non ragioniam di lor, ma guarda e passa :)

    • Ma cara, io non sono arrabbiata perché nessuno mi nota, anzi non ho questo problema, ho molti fan che mi seguono. Il problema è che non sopporto più chi critica per il gusto di farlo…l’aria fritta resta tale e prima o poi si eclissa… Ma qualcuno lo doveva dire, la gente deve imparare ad essere civile anche in questo mondo.

  5. Eva, scusami credo di non essermi spiegata, ti h raccontato ciò che mi è successo all’inizio dell’apertura del mio blog, solo per farti capire che critiche nel bene o nel male ce ne sono sempre e non val la pena fare sangue acido. Se tu sei tranquilla del tuo modo di essere e di fare e non solo di quanto tu possa essere brava in cucina, ignora le critiche sterili e fai tesoro di quelle costruttive. Ci sono tante persone che ti amano e ti stimano ed è questo l’importante e come dici tu … l’aria fritta resta tale e prima o poi si eclissa. Alla conclusione giungiti tu :)

  6. se siamo convinte di quel che facciamo delle invidie altrui non diamoci peso…
    stasera ad un corso di formazione per un programma di controllo del peso ho conosciuto uno chef che quando ha saputo del mio blog su gz mi ha chiesto spiegazioni techiche sulla piattaforma… quindi chi è serio nella sua professione non ha bisogno di giudicare ma ascolta e si informa…

    • infatti così si dovrebbe essere, invece è più facile puntare il dito…a causa delle proprie frustrazioni poi!

  7. Ossignur…mi sembra di essere tornata indietro alla mia adolescenza…cioè non molti anni fa :-D ho 57 anni eh…mi spiego meglio, quando mi sono affacciata in internet non nel mondo del food..ma in newsgroup dapprima poi in blog personale (ma sempre su piattaforma “libero” per intenderci) ho notato che alcune persone erano troppo prese dal loro “apparire” che per carità anche a me piaceva in qualche modo mettermi in mostra, ma in senso buono diciamo…poi ho capito che non ho capito…scusate il giro di parole, mi sono spessa chiesta…se avessero una vita fuori dal web a me sembravano matte…ma sto parlando di altro ambito sebbene sempre in rete…mentre da quando ho aperto il blogghino di ricette,,,dapprima ho visto , almeno mi è sembrato un mondo solidale, molto ben disposto ad aiutare…però devo essere sincera non ho ancora ben inquadrato la situazione perchè il mio problema è che non voglio più assolutamente che il blog rubi troppo tempo alla mia vita privata, ma proprio per una questione di mie priorità..all’inizio mi son data tamto da fare..tanto..o meglio…mi sono impegnata di più, le foto se riguardo indietro sono orrende…e quindi mi è servito guardare imparare e prendere dimestichezza , anche se le foto restano sempre delle foto , alcune carine devo dire ma nulla a che fare con quelle fatte con apparecchi professionali è ovvio…ma di tutto il resto, di chi si affanna a postare su ripostare e postare ancora..io le ammiro, ma ogni tanto mi chiedo : m come cacchio fanno? io non ho tempo e non ho un lavoro ! ma se lavorassi! figurarsi…..ho il mio da fare questo si, ma …per quello che riguarda le invidie o i trionfalismi..onestamente te lo dico col cuore a me fanno sorridere queste cose…ma proprio perchè le ho già vissute viste sperimentate come dicevo in altro settore…non ha motivo di essere..o meglio il motivo c’è…ed è che io penso che anche se si tenta di celare la propria “vera”identità…in rete le persone poi finiscono per comportarsi esattamente come fanno nella vita reale..e quando mi accorgo di questo…io come nella vita reale..mando tanti saluti e baci..e via….sembrerò distante ma non è così, è che do valore a ciò che lo ha…almeno per me.baciotti

    • ahhahah come ti do ragione cara! io ho i miei tempi e mi piace curare il blog, ma non a discapito della mia vita personale.

  8. Eva ti hanno fatto davvero arrabbiare :) …. io ho cominciato col blog per mettere le ricette che preparo per la mia famiglia(magari a qualche ragazzina di questi tempi verrà la voglia di cucinare),ho cercato di migliorare con le foto,ma solo per dare una accoglienza buona ai miei visitatori (come si fa quando aspetti qualcuno e pulisci casa :) )..all’inizio partecipavo ai contest,cucinavo apposta …. ora sono quasi passata all’opposto ..che dire durante il cammino si impara dagli errori e comunque da blogger ho conosciuto amiche vere tra cui tu … e questo è una mia nota di grande soddisfazione.
    Tu vai avanti con il tuo linguaggio semplice e le tue ricette.
    Un abbraccio.

  9. Ciao Eva, ti hanno fatto proprio arrabbiare, vero? Purtroppo, in ogni ambiente c’è del marcio, non ci badare e vai avanti per la tua strada, fiera di come sei. :D
    P.s. Se qualche volta hai bisogno di sfogarti, io ci sono sempre, magari, non avrò la soluzione, ma so ascoltare, un abbraccio, Cinzia.

    • Sai cos’è? Che mi sono stufata di incontrare persone false e sfruttatrici, visto che nella vita reale ultimamente ho avuto calci, non ne voglio subire anche qui! Non mi faccio mettere i piedi in testa! Se a qualcuno non va come sono ciao!

  10. Nemmeno io ho mai incontrato di queste blogger ancora (sarà che sono su GialloZafferano solo da un mese?) ma posso dire con certezza che invidia verso altri blog, non l’ho ancora provata, e nemmeno ho intenzione di iniziare a provarla :)
    Concentriamoci sulla vita vera, sù! Chi vive di blog è un illuso (lo dico sempre anche al mio super-tecnologico ragazzo :D).
    Mi sono avvicinata a questa realtà per noia, perché il cibo è il mio lavoro, e lavoro tutto il giorno con il cibo. Postare mi distrae dalla mia routine (è la mia mezz’ora di respiro da tutte le mie faccende :)) mette in gioco le mie capacità, mi fa scoprire ricette nuove che propongo anche nei menù del mio locale e che faccio conoscere alla mia famiglia. Amo trovare gusti nuovi, combinazioni nuove e sì, perché no? Mi piace anche dare consigli spassionati, senza mai offendere però, perché ognuno ha le sue convinzioni, le sue ricette locali, i suoi gusti, ed è bellissimo e giustissimo che sia così.
    Volevo passarti una frase, che è anche il motto del mio blog, eccola:
    “Esiste una ricetta per ogni giorno, per ogni animo, per ogni umore; dal medesimo piatto assaggiato da dieci persone diverse riceveremo dieci pareri differenti. E’ questa sua prospettiva soggettiva, surreale, eppure così vera, che mi ha fatto innamorare follemente della cucina.”
    Non bisogna mai dare niente per scontato in cucina, ricette che qualcuno può trovare fenomenali, a qualcun’altro possono non piacere ed è sbagliatissimo offendere per questo, o credersi superiori (è il motivo fondamentale per cui odio i concorsi di cucina, specialmente quelli con giudici pluripremiati e spocchiosi, anche se ammetto che per certi tipi di premi si può scendere a compromessi :))
    Spero che un consiglio da una persona così giovane non ti offenda, ma anch’io ne ho sentite di tutte, anche dalla mia famiglia (una ragazza di 20 anni a capo della cucina di un ristorante? Mi ridevano in faccia, poi assaggiavano i miei piatti, e non erano più tanto spiritosi) quindi ti consiglio di non prendertela, il mondo è bello perché è vario.
    Tra i miei amici si dice “a chi piace tirarsela, lasciagliela tirare” cioè: a chi piace vantarsi, lasciali vantarsi, lo fanno perché ne hanno bisogno, perché hanno solo quello forse, sono persone da compatire e non invidiare.
    Continuiamo per le nostre strade, giusto Eva? Hai fatto una scelta giustissima che condivido e ti sono vicina, un bacio, laura.

    • E come diceva un mio amico quando giocavamo a Mario Kart, il mondo è bello perché Wario! e si!! hai ragione! ormai gli spocchiosi li ho messi alla porta! Volevo vedere quante persone la pensavano come me! e vedo che sono molte!

  11. Eva,cosa ti è successo?non sono una fb ,ma seguo sempre le tue deliziose ricette.Forza,non fartene una malattia,il mondo è pieno d’invidiosi.Se sei una brava fb sono sicura che sfonderai.abbi pazienza.Ti faccio tanti auguri per il tuo futuro.Un abbraccio

    • grazie cara! il problema è ben altro! La gente dovrebbe iniziare a farsi un esame di coscienza, e a capire ed ascoltare di più le persone. Viviamo in un mondo troppo triste, troppo frenetico dove nessuno si pone la domanda giusta….dove nessuno si interessa agli altri. Per me la cucina è un metodo per potare un sorriso, per dare amore alle persone…ma non tutti la pensano così. Sciocche rivalità, sciocchi modi ti pensare….speriamo che magari chi legge inizia a porsi delle domande…..

    • ma è solo uno sfogo…mi sono abbastanza scocciata dell’ipocrisia…siamo tutte amiche e poi invece c’è chi sgomita…peggio per loro!

  12. In questi due anni ho letto FB “puzza sotto al naso”, ho ammirato foto bellissime che molte hanno sui loro blog, ho letto rimproveri per le modifiche alle ricette e liti per ricette copiate.
    IO non sono una decoratrice, non ho foto strabilianti, le mie ricette sono normalissime, ricette “da tutti i giorni”, ma quello che faccio lo faccio con passione e amore, cucino per la mia famiglia, secondo i gusti di marito e figlio.
    Ho trovato molte amiche, e quelle che non lo sono o non mi piacciono le lascio in disparte. Ognuno viva nel suo mondo, anche di ipocrisie.
    Un bacio :)

    • brava! così si deve fare! Ormai siamo arrivati ad un punto che ci sta chi se la tira, e che se ne stia per i fatti suoi! Potrà essere brava..ma se te la tiri prima o poi la gente ti evita! Soprattutto chi dice che si manca di umiltà, e poi sono le prime ad credersela ahahahah

  13. Cercavo altro in verità e mi sono imbattuta in questo bel post che va oltre la rabbia. Food blogger per caso e poi per passione. Passione che ha coinvolto piacevolmente la mia family, anche il mio nome da fb ormai fa parte di me tranne qualche piccola crisi di identità, ne sono contenta ;) cerco di fare del mio meglio e di migliorarmi sempre, di mantenere la passione iniziale e di non farmi coinvolgere da invidie e gelosie…non è facile spesso si resta feriti…ma poi la corazza diventa più spessa e si passa oltre. :)

    • si vero come hai ragione! Alla fine era uno sfogo e forse è servito per capire che ci sono tanti che la pensano come me!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>