Namelaka al cioccolato fondente ricetta senza lattosio

La namelaka al cioccolato fondente è stata una scoperta, un trionfo di cioccolato racchiuso in una crema morbidissima, dal sapore inconfondibile. Per prepararla ho aspettato di avere gli ingredienti giusti, una panna vegetale che fosse priva di grassi idrogenati, un buon latte di soia che avesse un sapore delicato, ma non ricordasse il legume da cui deriva. Spesso infatti, ciò che compromette il risultato di un piatto privo di grassi animali, è proprio la scarsa qualità delle materie prime vegetali; perché diciamolo, non tutto ciò che è vegetale o vegano è buono. Invece con gli ingredienti giusti si raggiungono livelli ottimi, come questa fantastica namelaka al cioccolato fondente, Vediamo come procedere:

Namelaka al cioccolato fondente ricetta senza lattosio

Ingredienti:

  • 340 gr cioccolato fondente
  • 200 gr latte di soia
  • 400 gr panna vegetale
  • 8 gr agar agar
  • 20 gr acqua
  • vaniglia

Procedimento:

  1. Fondere il cioccolato a bagnomaria o in microonde. Io preferisco sempre il microonde, è pratico, veloce e perfetto, l’unica cosa importante è scegliere la temperatura più bassa e azionare pochi secondi per volta, in modo da sciogliere senza bruciare.
  2. Aggiungere l’agar agar al latte di soia e portare ad ebollizione, far cuocere un paio di minuti in modo da azionare l’agar agar, poi spegnere e aggiungere il cioccolato fuso. mescolare energicamente con la frusta, in modo da amalgamare perfettamente.
  3. Versare la panna vegetale nella cioccolata e mescolare di nuovo perfettamente, quindi coprire con pellicola per alimenti e mettere in frigo a riposare per 12 ore.
  4. Trascorso il tempo di riposo la namelaka al cioccolato fondente si presenterà come una crema compatta, ma morbida. Montatela con le fruste elettriche fino ad avere una consistenza morbida e spumosa come quella che vedete in foto.
  5. Potete usare la namelaka al cioccolato fondente per farcire e decorare torte o preparare dessert al cucchiaio.

Possono interessarti anche:

Precedente Gnocchetti al pesto di asparagi e anacardi Successivo Budino alle fragole

Lascia un commento