Lasagne alle melanzane

Le lasagne alle melanzane sono una variazione delle mie lasagne alle verdure, buonissime e più leggere delle lasagne tradizionali ( magari più adatte al periodo invernale ma sempre gradite ).  Le migliori melanzane si trovano infatti in estate e si possono usare per preparare piatti spettacolari, come la moussaka, le polpette, la parmigiana ( nella mia versione vegan ) o ( nella versione destrutturata )melanzane in agro, imbottite, ecc.. e sono buone in qualsiasi qualità, tonde, violette, messinesi, bianche, zebrina, zuccherine, ovali, nere, lunghe. Le lasagne alle melanzane sono perfette per chi mangia tutto, ma adatte anche a chi come noi non può assumere lattosio e per chi è allergico al nichel, perché preparate con ingredienti consentiti.  Nel presentarvi la ricetta darò due diverse indicazioni, per chi può assumere delattosati e per chi, come me, deve rivolgersi a prodotti alternativi; in quest’ultimo caso sono perfette anche per chi ha scelto un regime vegan, purché preparate con pasta semplice.

Vi rubo ancora un minuto, perché è proprio con questa ricetta che entro ufficialmente a far parte del circuito Lactose Free Expo 2017. Non so se conoscete l’iniziativa, per noi  sicuramente molto interessante, che si svolgerà a Rimini dal 18 al 21 Novembre 2017 e in cui verranno presentati tutti i prodotti senza lattosio e le alternative vegetali, già presenti sul mercato o di prossima distribuzione. Vi ho lasciato il link in cui troverete tutte le informazioni e se come me siete interessati, potrete avere uno sconto sul biglietto d’ingresso, presentando il codice  R5BLL. Io ci sarò, voi verrete? Intanto vediamo come preparare le nostre:

Lasagne alle melanzane

Ingredienti per 4-5 persone:

  • 3 melanzane grandi
  • 2 scalogni
  • 1 l di besciamella ( con latte ad alta digeribilità con lattosio inferiore allo 0,01 % ) o con latte vegetale
  • 250 g sfoglie per lasagne
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • Parmigiano invecchiato a 36 mesi o formaggio vegetale tipo Prosociano

Procedimento:

  1. Potete preparare la sfoglia per la pasta da soli, seguendo la ricetta che trovate QUI, oppure potete acquistarla già pronta in comode confezioni; sceglietela sottile, in modo che assorba meno besciamella e renda le lasagne più delicate.
  2. Lavate le melanzane e privatele  della buccia aiutandovi con un pelapatate affilato. Se scegliete la qualità più dolce non serve farle spurgare, altrimenti tagliatele a fette spesse 1/2 cm e cospargetele di sale grosso, quindi sistematele in un colapasta per circa 1 ora, in modo che perdano il liquido amaro che le contraddistingue.
  3. Intanto preparate la besciamella, scegliete il metodo che preferite, quella classica la trovate QUI  mentre QUI trovate la versione senza derivati del latte; se siete allergici al nichel, usate latte di riso e 100 g di farina 00. La besciamella, in entrambi i casi, sia vegetale, che con delattosati, deve essere piuttosto morbida per bagnare bene la pasta. Se quando si sarà raffreddata dovesse essere un po’ troppo solida, aggiungete un pochino di latte freddo e mescolate.
  4. Trascorso il tempo di riposo lavate molto bene le melanzane, in modo da portare via tutto il sale e asciugatele.
  5. Pulite gli scalogni e tagliateli a cubetti piccoli, quindi fateli soffriggere in una padella antiaderente con due cucchiai di olio extravergine d’oliva.
  6. Mentre lo scalogno soffrigge a fuoco basso, tagliate a cubetti anche le melanzane e quando lo scalogno avrà assunto un bel colore dorato, aggiungete i cubetti di melanzane, mescolando.
  7. Cuocere le melanzane a fuoco basso e mescolando spesso per almeno 30 minuti, quindi verificate che siano giuste di sale e spegnere il fuoco.
  8. Grattugiate il formaggio e iniziamo ad assemblare le nostre lasagne alle melanzane.
  9. Versate due cucchiai di besciamella sul fondo di una pirofila, adagiatevi la pasta, quindi coprite con due cucchiai di salsa alle melanzane e due di besciamella; spolverate con il formaggio ( giusto un velo, non deve ricoprire la salsa ). Ricominciate da capo, pasta, salse e spolverata di formaggio, fino ad esaurire gli ingredienti.
  10. Infornate a 200° per circa 30 minuti.

E’ buona calda e fredda, ma tiepida esalta tutto il sapore.

 

Possono interessarti anche:

Precedente Bon bon gelato alle pesche Successivo Schiacciata con l'uva senza glutine

Lascia un commento