Pita gyros

pita gyrosBuongiorno a tutti. Oggi una ricetta internazionale, adattata, però, ai gusti della mia famiglia: i pita gyros.

Il gyros è un cibo da strada tipico della Grecia ripieno di carne di maiale (io, invece, ho usato il petto di pollo) e di verdure.

La ricetta originale prevede l’uso della salsa tzatziki come condimento, io invece ho usato lo yogurt greco. Il risultato è stato comunque eccezionale: è piaciuto molto anche ai bambini. Che dire: un modo alternativo per far mangiare loro la carne e le verdure.

Buona giornata a tutti!

 

Ingredienti

Per l’impasto

  • 250 gr di farina bianca
  • 250 gr di farina manitoba
  • 1 bustina di lievito di birra
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • 300 ml di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino colmo di sale

Per la farcitura

  • 1 petto di pollo grigliato a julienne
  • 2 carote a juliene
  • 250 gr di yogurt greco
  • rucola tritata

Setacciare le farine in una terrina larga ed aggiungere il lievito di birra. Al centro del mucchio pratica una buca e versarvi zucchero e olio. Amalgamare il tutto con l’aiuto di una forchetta, aggiungendo poco per volta l’acqua tiepida e il sale. Lavorare l’impasto, porlo in una terrina infarinata che chiuderete ermeticamente con pellicola trasparente e lasciarlo lievitare in un lugo tiepido finchè il volume non sarà raddoppiato.

Dividere l’impasto lievitato in 8 parti uguali, formare delle palline e lasciarle riposare su un vassoio infarinato per 10-15 minuti. Con l’aiuto di un mattarello stendere ogni parte in un disco dello spessore di 2-3 mm. Cuocere ogni disco di pasta in una padella antiaderente a fiamma vivace, finchè entrambi i lati sono dorati, Farcire i piy con il pollo grigliato e le carote tagliate a julienne. Completare con yogurt greco mescolato alla rucola.

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Trofie con pesto di basilico e sugo di pomodoro Successivo Torta fredda ai cereali

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.