Risotto ai funghi aromatizzato al tartufo

Il Risotto ai funghi aromatizzato al tartufo è un modo semplice,veloce e alternativo per mangiare il solito Risotto ai funghi. Può essere preparato anche quando tornate tardi dal lavoro, Università o altre commissioni e avete poco tempo per realizzare la cena.

Sponsorizzato da Casa Sapori

  • Preparazione: 5 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • 4 cucchiai olio al tartufo (di Casa Sapori)
  • 1/2 Cipolla
  • 200 g Funghi (anche surgelati)
  • 200 g Riso
  • q.b. Sale
  • q.b. Peperoncino (o Pepe (facoltativo))
  • 1 ciuffo Prezzemolo (tritato)
  • 1 l Brodo vegetale

Preparazione

  1. Per realizzare il Risotto ai funghi aromatizzato al tartufo iniziamo pulendo i funghi se sono freschi; prendete una padella e mettete 2 cucchiai di olio al tartufo insieme alla cipolla tagliata a fettine sottili. Fate rosolare per 2 minuti e aggiungete i funghi tagliati a dadini (per questo tipo di cucina sono ottimi sia i Funghi freschi che i Funghi surgelati). Fate cuocere ed amalgamare insieme per 4 minuti girando con un mestolo di legno per evitare che quest’ultimi si attacchino. A questo punto mettiamo il riso e aggiungiamo 2 cucchiai di brodo vegetale (potete prepararlo come preferite, io personalmente per le cucine veloci utilizzo il Dialbrodo). Fate cuocere a fuoco medio e quando vedete che il brodo si asciuga aggiungete altro brodo.Procedete in questo modo fino alla cottura del riso (quando vedrete che il riso è quasi cotto a questo punto non aggiungete altro brodo e fate finire di consumare il brodo messo precedentemente). Una volta cotto, aggiungete i rimanenti cucchiai di Olio al tartufo insieme al prezzemolo tritato precedentemente lavato. Mischiate il tutto e servite caldo.

Note

/ 5
Grazie per aver votato!
biologico, funghi, riso, senzaburro, senzalatte, senzalattosio, senzauova, vegan, vegetariano

Informazioni su Giulia Carlini

Salve, sono Giulia Carlini una studentessa al secondo anno del Dipartimento di Scienze Politiche, ho 20 anni e amo tutto ciò che riguarda il sociale (infatti il corso di studi è Servizio sociale); amo la fotografia, la cucina e gli animali. Ho un cane Yoshi e un gatto Hero di cui non posso farne a meno. Vivo in un piccolo paesino in Umbria e, in questo blog pubblicherò sia cucine tipiche Umbre ma anche altre cucine (alcune cucine vanno bene per persone che adottano un regime alimentare vegetariano e vegano). Ah, mi sono dimenticata di dire una cosa, AMO I DOLCI.

Precedente Pasta con spinaci e pancetta Successivo Ciambelle al forno

Lascia un commento