Taralli sugna e pepe

Oggi vi propongo una ricetta tipica napoletana : i taralli nzugna e pepe ( in italiano i taralli sugna e pepe).I taralli hanno una storia antichissima, i fornai per non buttare via lo ”sfriddo”, cioè i ritagli della pasta con cui avevano preparato il pane da infornare,aggiungevano un po’ di “nzogna” (cioè la sugna o strutto) e parecchio pepe.Con questo impasto si formavano dei sottili cordoncini che, intrecciati tra di loro, davano la forma del classico tarallo.Successivamente, nell’800, vennero aggiunte le mandorle a questo impasto ed è questo il tarallo che oggi viene venduto per le strade di Napoli e non solo. L’ideale è gustare i taralli ancora caldi ed è per questo che in passato i taralli venivano messi nelle ceste e coperti per non far disperdere il calore. Detto questo passiamo alla ricetta! Vi consiglio di gustare i taralli accompagnandoli con dell’ottima birra ghiacciata !

 

INGREDIENTI:

500 g farina 00

200 g “sugna” (strutto)

200 g di mandorle sgusciate non pelate

25 g di lievito di birra ( oppure 150 g di lievito madre a 3  ore dal rinfresco o esubero non acido)

180 g di acqua tiepida

1 cucchiaino di zucchero

15 g di sale

4 g di pepe nero

PROCEDIMENTO:

Per preparare i taralli possiamo sia impastare a mano formando la classica fontana con la farina ed aggiungendo gli ingredienti al centro richiamando un po’ alla volta la farina, che usare una planetaria come ho fatto io.

Per prima cosa prendere le mandorle ( escluso le mandorle che ci serviranno per decorare i nostri taralli) ed infornarle per circa 5- 8 minuti a 200 ° fino a farle tostare leggermente (attenzione a non bruciarle).

Lasciarle raffreddare e tritare grossolanamente.

Intanto sciogliere  lo zucchero ed il lievito di birra ( o il lievito madre) in 80 g di acqua tiepida che andrete a sottrarre dai 180 g di acqua.

 

20151018_134503

 

 

 

 

 

 

Aggiungere la farina,lo strutto, il pepe ed il lievito sciolto.

 

20151018_135131

 

 

 

 

 

 

Iniziare ad impastare con il gancio a velocità 1.

 

20151018_135430

 

 

 

 

 

 

Aggiungere la restante acqua un po’ per volta.

 

20151018_135431

 

 

 

 

 

 

Quando avrete versato tutta l’acqua ed avrete ottenuto un impasto come quello della foto seguente, aggiungere il sale e continuare ad impastare.

 

20151018_140350

 

 

 

 

 

 

Per ultimo aggiungere le mandorle tritate.

 

20151018_141713

 

 

 

 

 

 

Lasciar lievitare l’impasto, in una ciotola coperto con la pellicola,in un luogo caldo fino al raddoppio. Ci vorranno circa 2 ore.

 

20151018_162407

 

 

 

 

 

 

Prendere l’impasto e formare tante palline di circa 30 g.

 

20151018_163859

 

 

 

 

 

 

Con ogni pallina formare un cordoncino.

 

IMG-20151019-WA0005

 

 

 

 

 

 

Prendere due cordoncini ed intrecciarli tra di loro come nella foto seguente.

 

IMG-20151019-WA0008

 

 

 

 

 

Continuare ad intrecciare come in foto

 

IMG-20151019-WA0010

 

 

 

 

 

 

Chiudere bene l’estremità per formare i taralli.

 

IMG-20151019-WA0004

 

 

 

 

 

 

Bagnare le mandorle (quelle che abbiamo messo da parte per la decorazione )e disponiamole sui nostri taralli.

 

20151018_170047

 

 

 

 

 

 

 

Mettere i taralli così formati in una teglia ricoperta di carta forno.

I taralli devono essere ben distanti tra di loro perchè in cottura cresceranno un po’.

 

 

20151018_172829

 

 

 

 

 

 

Far lievitare per circa 30 minuti.

Riscaldare il forno a 200°.

Quando il forno sarà caldo infornare i taralli e diminuire la temperatura a 180°.

Dopo 35 minuti aumentare a 200 gradi e far cuocere per altri 15-20 minuti.

Controllare sempre la cottura perchè, in base al forno, posso essere richiesti tempi più lunghi o più brevi rispetto a quelli riportati nella ricetta.

Quando saranno cotti  e ben dorati in superficie sfornarli e lasciarli intiepidire.

 

20151018_182109

 

 

 

 

 

L’ideale è guastare i taralli tiepidi accompagnati con una bella birra ghiacciata!!!

Potete conservarli in un contenitore chiuso ermeticamente per diversi giorni.

Ed ecco le foto dei miei taralli sugna e pepe 🙂

taralli

Se volete potete seguirmi anche su fb cliccando mi piace alla mia pagina che troverete cliccando qui.

 

 

 

taralli1

 

Precedente Pasta choux ( bignè) Successivo Farfalle con salmone e limone

Un commento su “Taralli sugna e pepe

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.