Taralli con lievito madre

I taralli sono una croccante golosità da gustarsi in qualunque momento….e come dicono tutti: creano una seria dipendenza!

taralli

I taralli sono un prodotto da forno originario della Puglia, della Basilicata, Calabria, Campania e Sicilia. Ognuno con la propria versione, ma normalmente è un cerchio di pasta non lievitata fatto con farina, acqua o vino, olio e sale.

Ecco, prima di leggere queste cose, io mi ero gia lanciata sul farli con il mio lievito madre. Ne avevo lette così tante versioni che ho immaginato che fosse la ricetta classica, invece no! E pazienza, io mi sono fatta i miei, con il mio Girardengo e sono tanto buoni e croccanti. CI divertiamo io e mia figlia a fare i “serpentini” come li chiama lei, e poi attorcigliarli. Forno caldo e quando si sfornano rilasciano un profumo delizioso! Unica pecca, alla quale ero scettica, è la dipendenza. Mi chiedevo come questi piccoli biscotti potessero essere mangiati cosi voracemente…e mi sono risposta dopo il primo morso….

E ora provateli voi, così scoprirete il segreto!

TARALLI CON LIEVITO MADRE

Ingredienti (per circa una trentina di taralli):

  • 140 g di farina 00
  • 100 g di semola di grano duro
  • 60 ml di olio evo
  • 100 ml di vino bianco
  • 90 g di lievito madre
  • 4 g di sale

Preparazione:

  1. Nella planetaria con il gancio (si può anche impastare a mano) versare le farine con l’olio, il vino e il lievito madre. Azionare alla velocità minima e far amalgamare gli ingredienti. A questo punto aggiungere il sale e impastare per 10-15 minuti. Il composto deve risultare liscio. Ora metterlo coperto e lasciarlo lievitare per circa un’ora.
  2. Passato il tempo necessario, ricavare dall’impasto dei bastoncini del diametro di circa 1 cm e lunghi 7-8 cm. Unire le due estremità e appoggiarli su carta da forno.
  3. Cuocerli in forno ventilato a 180° per 15 minuti, fino a quando non saranno dorati in superficie.
  4. Servire i vostri taralli con lievito madre come antipasto insieme a qualche buona salsina.

taralli 1

 

 

(Visited 2.842 times, 1 visits today)
Precedente Torta del pastore di Gordon Ramsay Successivo Zuppa di ceci e pomodori