Mousse di pesche al bicerin

Oggi vi propongo la mousse di pesche al bicerin. Un fresco dessert, perfetto per l’estate con un ridotto contenuto di calorie.

Ma conoscete il bicerin? E’ una piccola delizia piemontese che nel 2001 è stato riconosciuto come “bevanda della tradizione piemontese” con la pubblicazione sul bollettino ufficiale della regione Piemonte.

Il bicerin, che in piemontese significa “bicchierino”, è il nome di una tipica bevanda analcolica torinese che prende origine da un’altra bevanda del ‘700 dal nome “bavareisa” composta da caffé, cioccolato e creama di latte e servita in bicchierini tondi e trasparenti. Il gusto avvolgente di questa bevanda con il suo mélange caldo di cioccolata e caffé ha conquistato il cuore dei torinesi e di molti personaggi illustri come Camillo Benso Conte di Cavour e lo scrittore Alexandre Dumas.

Gli ingredienti sono facili da individuare: caffé espresso caldo appena fatto, cioccolata fatta in casa e crema di latte (anche se in altri utilizzano panna montata, la ricetta originale prevede la crema di latte), ma sono le dosi della ricetta a variare e ad essere tenute segrete dal caffé torinese. Al contrario degli altri caffé o bevande calde, il bicerin non viene servito in tazza ma in bicchieri o calici di vetro che permettono di osservare le sfumature date dalla diversa densità e dal diverso colore degli ingredienti usati.

Nei negozi e nei supermercati potete trovare delle bottiglie di bicerin, ma attenzione non si tratta della stessa bevanda. Il bicerin venduto negli scaffali è infatti un liquore a base di crema di Gianduia ed è quello che ho usato per creare questa ricetta.

In questo liquore, infatti, il caffè è stato sostituito dalle nocciole  così da ricordare il cioccolatino “giandujotto” famoso ed apprezzato in tutto il mondo. Questa ricetta ebbe origine nei primi anni del ‘800 quando il caffè e il cacao erano troppo cari da importare dai paesi d’oltreoceano così, essendo il Piemonte una regione ricca di nocciole, si pensò di tagliare il cioccolato con le nocciole piemontesi per diminuire i costi e da questa miscela nacque il cioccolatino”giandujotto” e appunto il nostro liquore Bicerin di giandujotto. Da quel periodo la ricetta non fu più cambiata.

Tratto da: http://www.guidatorino.com/il-bicerin/ http://www.thedrinkshop.it/store/index.php?main_page=product_info&products_id=1315

mousse pesche verticale

Ingredienti (per 6 persone):

  • 150 ml di liquore al bicerin
  • 10 g di gelatina in fogli
  • 8 + 3 pesche gialle
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna bio
  • 2 cucchiai colmi di miele
  • 6 amaretti secchi

Preparazione:

  1. Mettere a bagno separatamente 4 g e 6 g di gelatina, in acqua fredda. Scaldare il liquore e unire i 4 g di gelatina strizzata e farla sciogliere. Filtrare il composto e suddividerlo nei 6 bicchieri. Mettere in frigorifero e far raffreddare per un’ora.
  2. Sbucciare le pesche, togliere il nocciolo e utilizzarne 8 per ricavarne circa 450 g di polpa che andrete a frullare con il miele. Scaldare 5-6 cucchiai e unirvi il resto della gelatina strizzata che si dovrà sciogliere. Le tre rimanenti tagliarle a cubetti e mischiarle con un cucchiaio di zucchero di canna.
  3. Unire le pesche frullate con quelle scaldate per sciogliere la gelatina, mischiare e suddividere il composto nei bicchieri. Lasciate rassodare in frigorifero per 6 ore.
  4. Servire suddividendo nei bicchieri le pesche tagliate precedentemente e gli amaretti sbriciolati.

mousse pesche

(Visited 1.386 times, 1 visits today)
Precedente Verdure dell'orto con uova barzotte Successivo Polpette di tofu alle verdure con crema al melone