Coniglio alla trentina

Avendo in casa dell’ottima carne di coniglio portata dalla nonna di mio marito (direttamente dall’allevamento nel Canavese in provincia di Torino) ho deciso di provare il coniglio alla trentina o in dialetto “cunél”. Ci sono disparate ricette e variano essenzialmente di qualche ingrediente oppure si differenziano per quanto riguarda la cottura: chi in padella chi in forno.
La preparazione è lunga, richiede almeno mezza giornata di marinatura e due ore di cottura a fuoco molto basso. Si serve quasi sempre con la polenta. E’ un piatto conviviale, l’ideale quando per una domenica in famiglia.

Ingredienti (per 4/6 persone):

  • 1 coniglio di circa un kg e mezzo
  • 1 cipolla
  • chiodi di garofano
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • sale e pepe
  • 250 g di polenta taragna istantanea

Preparazione:

  • Per la marinatura: mettere il coniglio un una pirofila con acqua salata, 1/2 bicchiere di vino bianco, la cipolla tagliata a fette spesse e infilzata con dei chiodi di garofano, sale e pepe.
  • Lasciare riposare per almeno mezza giornata in frigorifero.

20150224_212433

  • Scaldare una pentola senza aggiungere grassi.
  • Togliere il coniglio dalla marinatura e, senza lavarlo, metterlo in pentola insieme ad alcuni pezzi di cipolle e farlo rosolare.

20150225_171619

  • Sfumare con 1/2 bicchiere di vino bianco e ultimare la cottura ( circa 2 ORE) con il liquido della marinatura passato con il colino.

20150225_172257

  • In un’altra padella far rosolare le frattaglie e frullarle con un goccio di liquido di marinatura per creare una salsina densa.

20150225_184250

  • Per la polenta: portare a bollore 1 litro di acqua salata e versare a pioggia la farina taragna.
  • Mescolare energicamente e appena riprende a bollire togliere dal fuoco.
  • Servire il coniglio con il suo sughetto , la polenta e le frattaglie tritare.

comiglio e polenta

 

 

 

(Visited 3.087 times, 1 visits today)
Precedente Spatzle de poia con pesto e mandorle Successivo Crumble di mele e cocco