Carpaccio di zucchine ai pistacchi

Carpaccio di zucchine ai pistacchi, una tipica preparazione in versione vegetariana!

carpaccio di zucchine

Oggi si celebra la Giornata Nazionale del Carpaccioevento promosso da Aifb. L’ambasciatrice di oggi è Lara Bianchini di La barchetta di carta di zucchero.

Banner Calendario

Perché il carpaccio non è solo di carne…

Lo possiamo trovare in tantissime versioni e io oggi ve lo vorrei proporre in veste total green. L’estate mi ispira questi piatti colorati, vivaci e leggeri. Son l’ideali per mantenersi in forze anche quando il caldo fa la sua apparizione. In più la verdura cruda mantiene tutte le proprietà nutritive che in cottura vanno perse.

Con la croccantezza data dai pistacchi e la sapidità della feta, ecco un piatto bello da vedere e buono da mangiare!

CARPACCIO DI ZUCCHINE AI PISTACCHI

Ingredienti (per 4 persone):

  • 600 g di zucchine
  • 30 g di pistacchi non salati
  • 150 g di feta
  • 1 limone bio e non trattato
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 6-7 foglie di basilico
  • sale e pepe

Preparazione:

  1. Per prima cosa prepariamo un’emulsione con olio, limone, 4 foglie di basilico, sale e pepe. Versiamo il tutto il un barattolo, chiudiamo ermeticamente e agitare fino ad amalgamare bene gli ingredienti. Mettere da parte.
  2. Lavare le zucchine e con il pela patate ricavare delle losanghe che adagerete sui piatti di portata. Su ognuno versate un po’ di emulsione e lasciate insaporite per 15 minuti.
  3. In questo tempo tritate grossolanamente i pistacchi e la feta.
  4. Ora finire il carpaccio di zucchine ai pistacchi. Prima di servire cospargere con un po’ di pistacchi e con la feta. Spolverizzare con le rimenati foglie di basilico tritate a coltello e versate ancora un po’ di olio evo.

carpaccio di zucchine-1

(Visited 3.937 times, 1 visits today)
Precedente Biscotti con grano saraceno e miele Successivo Trofeo Vergani-Ballotta 2016..il seguito

6 commenti su “Carpaccio di zucchine ai pistacchi

  1. E hai ragione, perché limitarsi? In fin dei conti questi piatto è nato dalla fantasia del Cipriani, un uomo di genio, quindi sicuramente uno che avrebbe saputo apprezzare la fantasia e il genio altrui. Grazie per questo piatto che è un’interpretazione colorata e sfiziosa 😉

I commenti sono chiusi.