Ciaccia di Pasqua dolce all’anice


ciaccia dolce di Pasqua

E già siamo a Pasqua…il tempo è proprio volato…quest’anno  non volevo mancare di postare questa ciaccia tipica delle mie parti perché con l’uovo di cioccolato o con un velo di panna o semplicemente così come è va assolutamente assaggiata, insomma sulla tavola di Pasqua o nel cesto della scampagnata di Pasquetta  la ciaccia dolce all’anice non può mancare.

La ciaccia di Pasqua dolce all’anice si  caratterizzata da una pasta morbidissima e molto profumata.

Se poi preferite la tradizionale ciaccia di Pasqua salata al formaggio la trovate qui

E allora mettiamoci al lavoro…

Ingredienti:
6 uova
1/2 litro di latte fresco intero
200 gr di burro
250 gr di lievito madre
75 gr di lievito di birra
1750 gr di farina 00
600 gr di zucchero
i semini di una stecca di vaniglia oppure una bustina + mezza di vanillina
15 gr di semi di anice
30 gr di rosolio di cannella o di menta ( a vostra scelta) oppure mezzo bicchiere fra acqua di rose e rosolio
2 fialette di fiori di arancio
la scorza di un limone
1 cucchiaino di cannella

Preparazione:

La sera prima rinfrescare il lievito madre e  fondere il burro, lasciarlo intiepidire e poi aggiungerci i semi di vaniglia, in questo modo avrà modo di  profumarsi. Alla mattina mettere il lievito madre nella planetaria, aggiungere un po’ di latte farlo sciogliere del tutto, a questo punto aggiungere anche il lievito di birra sbriciolato, con la planetaria in movimento aggiungere a cucchiaiate la farina alternandola con il latte, una volta esauriti cominciare ad aggiungere uno per volta le uova ( non aggiungere il successivo fino a quando il precedente non sarà amalgamato)  poi aggiungere lo zucchero, tutti gli aromi ed infine il burro aromatizzato ( aggiungere il burro a crema non freddo di frigo). Formare una palla, incidere, coprire con un panno umido e lasciare lievitare per 3 ore in forno preriscaldato a 50° e poi spento. Trascorso il tempo riprendere l’impasto, senza lavorarlo dividerlo in due/tre parti uguali , formare delle palle, chiuderle sotto e metterle ciascuna in uno stampo di carta ( quelli per panettoni). Lasciare lievitare nuovamente al caldo (sempre coperte da un panno umido per evitare che la superficie si secchi e non lieviti)  fino a quando saranno poco al di sotto del bordo dello stampo,  a questo punto preriscaldare il forno a 170°/180° ventilato, spennellare la superficie con un tutolo d’uovo sbattuto con poco latte ed infornare fino a cottura ( poco meno di un’ora, comunque fare la prova stecchino).

N.B.: la superficie tende a scurirsi velocemente, è una caratteristica di queste ciance, in caso fosse troppo, abbassare il forno oppure coprirle con un foglio di alluminio.

Vi invito a diventare fan della mia pagina Facebook per essere sempre aggiornati sulle mie nuove ricette e restare in contatto con me.  Per farlo cliccate QUI e poi mettete MI PIACE.

11 thoughts on “Ciaccia di Pasqua dolce all’anice

  1. l’ho assaggiata una volta buonissima, brava ti è venuta proprio bene, è perfetta, anche se non me ne intendo tanto, un bacione e buon venerdì

  2. Ammazza quanto ti è venuta bene!!!!!!! io l’ho assaggiata una volta.. m’era tanto piaicuta!!! baciotti e buon w.e. delle palme.. .-)

  3. Ciao Serena, non conoscevo questa ciaccia… sembra davvero morbidissima e quei semini di anice la rendono sicuramente squisita…brava!!!
    bacioni, buona serata…

  4. Just want to say your article is as amazing. The clarity on your publish is just nice and i could assume you are
    an expert on this subject. Fine along with your permission allow me to grasp your RSS feed to stay up to date with impending
    post. Thank you 1,000,000 and please keep up the rewarding work.

    Here is my web-site – similar Minecraft

  5. Howdy! This is kind of off topic but I need some help from
    an established blog. Is it difficult to set up your own blog?
    I’m not very techincal but I can figure things out pretty fast.
    I’m thinking about creating my own but I’m not sure where
    to begin. Do you have any tips or suggestions?
    Many thanks

    my blog post :: Forbrukslånguiden

Comments are closed.