Bon bon cocco e Lindor

Bon bon
Dopo le feste, soprattutto dopo la Befana,  ogni anno mi ritrovo con grandi quantità di cioccolato e dolci e se pur con somma gioia della mia gola una regolata ci vuole o comunque, per sentirsi meno in colpa, bisogna condividere con qualcuno.
E così l’altra sera per una cena fra amici ho portato questi bon bon simil Bounty con l’aggiunta nel cioccolato di copertura dei famosi cioccolatini Lindor…

Continue reading

Croccaeffondi al cioccolato

Week-end passato in assoluto relax, in famiglia, a preparare l’albero e gli addobbi come tradizione vuole e dopo ” la fatica” si fa per dire…un buon the alla vaniglia accompagnato da questi biscottini deliziosi…che solo il nome è tutto un programma :-))
croccaeffondi
Le cose da fare sono state veramente tante e per le foto di stamani sono rimasti solo i due…
La ricetta è tratta dal ” Club delle cuoce” ho pero cambiato la ganache che nella ricetta originale era al cioccolato fondente.

Ingredienti x 8 persone
175 gr di burro
125 gr di farina setacciata
50 gr di zucchero vanigliato
25 gr di maizena
25 gr di cacao in polvere ( io ho usato quello amaro perché la farcia è molto dolce, ma potete utilizzare anche quello zuccherato)
un pezzettino di bacca di vaniglia o se preferite estratto di vaniglia

x la ganache:
100 gr di cioccolato bianco
10 ml di panna liquida

Preparazione:

  1. con una frusta elettrica ( o nella planetaria) montate il burro, lo zucchero ed i semini della bacca di vaniglia ( o qualche goccia di estratto, secondo il proprio gusto), aggiungete poco per volta la farina setacciata, la maizena ed il cacao. Se dovesse risultare troppo duro unite qualche cucchiaio di latte per mescolare meglio.
  2. Riempite una tasca da pasticcere con il composto e formate direttamente sulla teglia ( rivestita con carta forno) dei bottoncini, avendo cura di distanziarli sufficientemente. Cuocere in forno preriscaldato a 170°-180° per circa 15 minuti. Trascorso il tempo tirarli fuori e prima di metterli ad  sciugare su una griglia aspettare qualche minuto. E’ normale che appena sfornati siano morbidi, non teneteli di più in forno, tanto poi si induriranno.
  3. Nel frattempo preparate la ganache: spezzettate il cioccolato e mettetelo, con la panna, in una ciotola a bagnomaria, senza far bollire l’acqua sottostante, mescolate continuamente. una volta fuso, lasciate raffreddate completamente, poi spalmateli su metà bocconcini e unite l’altra meta: a questo punto i croccaeffondi sono pronti per essere addentati :-)))

Tartufini panna, nutella e cocco

tartufini
Come ogni anno per il compleanno di mio cognato qualcosa di dolce lo preparo sempre…quest’anno è stata la volta della Torta ciocco-menta, delle palline di Mattia ( che a dir la verità non mancano mai!) e di questa new entry…

In realtà volevo preparare qualcosa di simile ai ” Raffaello”, ma quando sono andata al super ovviamente ho lasciato la lista della spesa e così il cioccolato bianco è rimasto lì! Ormai a casa ho dovuto ripiegare in altro modo visto che qualcosa al cocco lo volevo fare, perché a lui piace, potevo rifare i baci di dama al cocco, ma sono troppo laboriosi e non avevo tempo e così ho pasticciato un po’ ad occhio e alla fine sono venuti fuori questi!


Ingredienti:
panna vegetale Hoplà 250 ml ( in alternativa 250 ml di panna + 1 cucchiaio di zucchero a velo)
generosa quantità di nutella
genorosa dose di cocco rapè + q.b per ricoprirle

Preparazione:
nella planetaria montare la panna vegetale ( non aggiungere zucchero perché già lo contiene) una volta pronta aggiungere il cocco a cucchiaiate fino a raggiungere una consistenza media ( diciamo 4-5 cucchiai colmi) infine versate la nutella ( fatta sciogliere un po’ nel microonde) tanta quanto serve per scurire il composto ( e comunque assaggiate secondo il vostro gusto…io abbondo).
Sia la nutella che il cocco andranno amalgamati alla panna con movimenti dal basso verso l’alto per non smontarla. A questo punto mettete in frigo il composto per una mezz’ora ( anche se vi sembrerà troppo morbido non aggiungete altro cocco perché in frigo si rapprenderà e comunque farete sempre in tempo ad integrarlo).
Trascorsa la mezz’ora riprendete il composto, con l’aiuto di un cucchiaino formate delle quenelle e rotolatele in un piatto dove avrete versate altro cocco. Rimettere in frigo per almeno due ore prima di servirle!

 

Doughnuts ( donuts) glassati al cioccolato al latte

Come promesso nel precedente post eccoci al dessert per la cena in stile fast food…Era da tanto che volevo questa caccavellina, anche se, diciamocelo pure,  potevo farne a meno, perchè volendo le ciambelline di Homar Simpson si fanno anche senza, ma quanto mi piace avere la cucina ed il ripostiglio zeppo di utensili ed elettrodomestici solo chi mi conosce lo sa…però a mia discolpa posso dire che li uso tutti, non sempre, ma li uso!!
Quindi quando Laura sulla sua pagine fb ha segnalato che a Lidl ci sarebbe di nuovo stata questa piastra mi ci sono fiondata immediatamente e appena accaparrato il bottino l’ho messa  al lavoro…50 ciambelline una dietro l’altra…mignon… cosicché il peccato non sembra neanche di farlo anche se in questa maniera se ne mangiano una quantità inimmaginabile!! Ricordiamoci però che non sono fritte ( come prevederebbe la vera ricetta)  quindi qualcuna di più è concessa…:-)
Ho provato due ricette, la prima presa dalla fretta mi sono resa poi conto essere per quelli fritti, ma comunque piastrati sono venuti bene lo stesso anche se un pò più zeppi , la seconda, invece migliore era semplicemente sul  manuale, bastava guardare con calma!! Con questa ricetta vengono delle ciambelline sofficissime e morbidissime.
Riporto entrambe le ricette in questo modo sia che abbiate oppure no la caccavella le ciambelline potete comunque addentarle!!
Ingredienti per doughnuts alla piastra:
  • 260 gr di farina 00
  • 130 gr di zucchero
  • 120 ml di latte
  • 3 uova
  • 5 cucchiai di olio di semi
  • 1 bustina di lievito in polvere
  • zucchero al velo a piacere
  • scorza di limone o arancia oppure vaniglia
Procedere come per i muffin e cioè unire in una ciotola tutti gli ingredienti secchi e in un’altra quelli liquidi, poi versare il liquido sulla parte solida ed amalgamare velocemente fino a formare un composto liscio e senza grumi. Accendere la piastra, in 2 minuti è calda, versare circa un cucchiaio di impasto per stampo, chiudere e cuocere per 3  minuti*.
Togliere le ciambelline aiutandosi con uno stecchino o con le pinze in silicone per non graffiare la piastra.
A questo punto io le ho glassate con del cioccolato al latte ( proveniente dai rimasugli dalle uova di Pasqua :-)) sciolto a bagnomaria e poi le ho cosparse con zuccherini colorati, ma potete sbizzarrirvi come più vi piace, anche nappate con lo sciroppo d’acero non sono niente male. 
ps: su Giallo Zafferano, l’utente Behemot consiglia questa idea furba: “…per versare velocemente l’impasto  usare una bottiglietta di acqua da mezzo litro con il  tappo “squeezable” (quello delle bottigliette per  bimbi, con la “membrana” che strizzando la bottiglia fa uscire i liquidi). Io l’ho provata e devo dire che è un metodo efficacissimo, non si sporca nulla e va giù la giusta quantità.

Ingredienti per i doughnuts fritti presa da qui:

- 10 gr di lievito di birra
- 30 ml di acqua tiepida
- 175 ml di latte tiepido
- 40 gr di burro
- 1 uovo
- 1 cucchiaino di sale
- 45 gr di zucchero
- 370 gr di farina
- 400 ml di olio vegetale (per la frittura dei Donuts)

Per la Glassa:
- 75 gr di burro
- 220 gr di zucchero a velo
- una bustina di vanillina oppure succo di limone o arancia
- 80 ml di acqua calda


Per la copertura al cioccolato:

- 100 gr di cioccolato fondente in gocce o scaglie o cioccolato al latte

Preparazione:

In un recipiente sciogliere il lievito nell’acqua tiepida. Aggiungere il latte, il burro, l’uovo, lo zucchero e il sale. Miscelare gli ingredienti con l’aiuto di una frusta elettrica (anche con una frusta classica va bene) fino ad ottenere un mix molto liscio. Aggiungere metà della farina e miscelare per altri 30 secondi, o comunque finchè non sarà ben amalgamato il tutto e privo di grumi.
Aggiungere la restante farina e finite di impastare a mano.

Lasciate l’impasto nel recipiente e copritelo con un canovaccio. Lasciate riposare per circa un’ora in un luogo tiepido, a fine lievitazione il volume dell’impasto dovrà risultare raddoppiato.

Su una spianatoia, stendete l’impasto fino ad ottenere una sfoglia con lo spessore di 1,5 cm.

Se non avete uno stampino per ciambelle per ritagliare i Donuts, potete usare strumenti che sicuramente avete in casa. Ad esempio lattina di pomodori pelati, svuotata e lavata, andrà benissimo.

Ritagliate dalla sfoglia tutti i donuts, ora per creare il buco al centro usate il tappo di una bottiglia da 1,5 litri di acqua.

Lasciate le ciambelle ottenute sulla spianatoia ben infarinata, copriteli con un canovaccio e lasciateli riposare per altri 45 minuti circa, in modo da far terminare la lievitazione.

In un recipente adatto per friggere, con i bordi abbastanza alti, fate scaldare molto bene l’olio vegetale (semi vari, arachidi, girasole, friol, etc…).

Iniziate a friggere un Donut alla volta, cuocendolo per circa 30 secondi oper lato o comunque finchè la superficie sarà ben dorata, quindi togliete dall’olio e mettete su fogli di carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.

Per la glassa classica  in un recipiente unire e miscelare energicamente il burro con lo zucchero a velo, quindi unire la vanillina o il succo di limone o arancia ed infine l’acqua calda ( meno quantità se avrete utilizzato il succo deglia grumi). Continuare a miscelare fino ad ottenere un composto uniforme e liscio. Versare sui donuts, lasciare asciugare.
Per la glassatura al cioccolato procedere come spiegato nella versione ” cotti alla piastra” più sopra.


Sorrisi di frolla alla ricotta con ripieno alla nutella

E aprile è passato in cavalleria…quasi non me ne sono accorta, tanti sono stati gli impegni ed i nuovi progetti, solo oggi sono riuscita ad avere un pò di tempo per il mio blog e a rendermi  conto che l’ultima ricetta era di più di un mese fa…
Intanto vi scrivo con un anno di più sulle spalle…i famosi “anta” sono sempre più vicini…e per ora sinceramente credo poco a chi afferma : ” è l’età migliore”;  per quanto mi riguarda ritornerei tanto volentieri fra i 25 ed i 30..:-), sarà per deformazione professionale, ma la pelle di quegli anni è tutta un’altra cosa, poi se vogliamo dire che le rughe ci rendono interessanti diciamocelo pure…per il resto sicuramente sono una bella età, perchè ormai si ha la giusta consapevolezza e disillusione e quindi la quasi reale percezione su cosa e chi ci circonda con in più un dicreto bagaglio  di esperienze che ti fanno affrontare e vedere sotto moltiplici sfaccettature ciò che dieci anni prima avresti visto solo con due…Insomma ogni età, come ogni cosa, hai suoi pro e sui contro e siccome è meglio che avanzi tanto vale non lamentarci troppo…
 
Anche la ricetta di oggi hai suoi pro ed i suoi contro…è veloce, buonissima, perfetta per quando si è in tanti perchè può essere preparata in anticipo ed in mille varianti, non contiene uova, zucchero ( nell’impasto!)…ed il contro….??? Uno solo…è un pò, anzi diciamo tanto calorica…ma se rinunciate alla nutella per un ripieno alla frutta anche questo lato migliora :-)

Ingredienti:
300 gr di farina 00
300 gr di ricotta
200 gr di burro
1 bustina di lievito per dolci

x il ripieno, a scelta fra:
nutella
crema gianduia home made
confettura o marmellata
frutta fresca tipo mele o banane

x guarnire:
zucchero al velo

Preparazione con il Bimby:
versare tutti gli ingredienti dell’impasto nel boccale, 20 sec vel 6. Formare una palla e metteral in frigo, ricoperta con la pellicola per 30 minuti abbondanti. Riprendere l’impasto, stenderlo sottile su un piano infarinato ( tende ad essere un pò appicicoso), tagliarlo con un coccapasta, riempire i cerchi con il ripieno scelto, ripiegare, sigillare i bordi con i rebbi di una forchetta. Infornare a 170° per 12 minuti. Servire spolverati con zucchero al velo.
 
Preparazione manuale:
impastare farina, ricotta e burro a tocchetti ( con le mani raffreddate sotto acqua fredda) fino ad ottenere un panetto liscio ed elastico. Formare una palla e metteral in frigo, ricoperta con la pellicola per 30 minuti abbondanti. Riprendere l’impasto, stenderlo sottile su un piano infarinato ( tende ad essere un pò appicicoso), tagliarlo con un coccapasta, riempire i cerchi con il ripieno scelto, ripiegare, sigillare i bordi con i rebbi di una forchetta. Infornare a 170° per 12 minuti. Servire spolverati con zucchero al velo.

 

Nuggets di pollo

Avete presente quei nuggets che vendono ai fast food? Quelli che sembrano cartone pressato, ma che i bambini ci vanno matti? Ecco con quelli non c’entrano niente se non per il fatto che anche questi spariscono alla velocità della luce dal piatto di grandi e piccini, ma in questi sapete cosa c’è dentro, sono buonissimi, velocissimi ed in più li potete anche congelare per averli pronti all’uso.

Questi della foto sono venuti un pò appolpettati, ma se gli date la forma un pò più alta e squadrata sono proprio i classici nuggets. Più piccoli possono essere infilzati in uno spiedino e serviti come sfizioso finger food alternati a pomodorini ciliegia.

Per me la migliore ricetta fin’ora mai provata, perfetti anche in versione spinacina se  mettete un pò di spinaci nell’impasto.
Ingredienti:
200 gr di petto di pollo tagliato a tocchetti
1/2 cucchiaino di sale
1 spicchio di aglio fresco
2 fette di pane in cassetta senza crosta
60 gr di Philadelphia
60 gr di latte
 
per la panatura:
1 uovo sbattuto con 50 gr di acqua calda
100 gr di pangrattato

Preparazione con il Bimby:
mettere il petto di pollo, l’aglio ed il sale nel boccale 10 sec vel 7, riunire sul fondo, aggiungere gli altri ingredienti, 10 vel 7. Con le mani bagnate formate delle polpettine, passate prima nell’uovo sbattuto con l’acqua e poi nel pangrattato. Cuocete fino a doratura in una padella larga con olio evo o di semi a vostra scelta. Prima di servire passarli su carta assorbente.

Preparazione con il mixer:
mettere il petto di pollo, l’aglio ed il sale nel mixer, frullate qualche secondo, riunire sul fondo, aggiungere gli altri ingredienti,frullare di nuovo fino a quando tutto sarà amalgamato.. Con le mani bagnate formate delle polpettine, passate prima nell’uovo sbattuto con l’acqua e poi nel pangrattato. Cuocete fino a doratura in una padella larga con olio evo o di semi a vostra scelta.  Prima di servire passarli su carta assorbente.
 

Baci di dama salati con burro al salmone home made

Ci sono, ci sono…e anche il pdf dell’Eat Parade fra poco ci sarà, vi chiedo solo ancora un pò di pazienza, perchè realizzarlo è stato più impegnativo del previsto devo riadattare tutti i caratteri, copiare le foto…insomma lo sapete…e quindi il poco tempo al computer l’ho passato a fare questo fra una partita a Ruttzle ( che ormai mi ha completamente preso) e l’ultimo libro di Benni che in un giorno mi sono divorato metà e poi c’è tutto il resto, anche un nuovo progetto che partirà forse da fine marzo, ma di questo parleremo un’altra volta!
 
Ma veniamo alla ricetta, per la quale devo ringraziare Monique, la rappresentante che mi ha venduto il Bimby. Più ricette in un colpo solo perchè con il burro oltre per i baci di dama ci si può condire anche la pasta o farcire dei sandwiches.
E se poi volete i baci di dama dolci, quelli li trovate qui.
Ingredienti per i baci di dama:
100 gr di mandorle pelate
80 gr di parmigiano
100 gr di farina
80 gr di burro
1/4 di misurino di vino bianco secco
sale q.b
 
Preparazione:
mettere le mandorle nel boccale tritare 5 secondi vel 5 o cmq fino a ridurle in polvere, aggiungere il parmigiano a tocchetti, altri 5 secondi vel 5. A questo punto aggiungere tutti gli altri ingredienti e impastare per 2 minuti. Avvolgere il panetto nella pellicola e farlo riposare mezz’ora in frigo. Poi formare i baci di dama e cuocerli per circa 15-20 minuti in forno ventilato già caldo ( 180°).
 
Per il burro al salmone:
500 ml di panna fresca
100 gr di acqua fredda
100 gr di salmone affumicato
 
Preparazione:
posizionare la farfalla versare la panna fresca, montare 4 minuti vel 4 o cmq fino a quando guardando la panna dal boccale vedrete come un anello denso. A questo punto aggiungete l’acqua fredda e montate sempre a vel 4 per un altro minuto. Rimuovete la farfalla, posizionare il cestello e buttare il liquido, Con le mani compattate il composto ottenuto, rimettelo nel boccale, aggiungete il salmone tagliato a striscioline e amalgamate per 10 secondi vel 3-4.
 
Se non vi piace il salmone potete aromatizzare il burro con delle foglioline di erbe aromatiche ( timo, rosmarino, erba cipollina) oppure prosciutto cotto o ancora pepe rosa o nero.
 
Ottima soluzione per riciclare la panna prossima alla scadenza, perchè poi può essere anche congelato.

Palline di Mattia

Casualmente le due ricette che ho scelto per partecipare al contest di Squisito sono di persone a cui ho voluto veramente tanto, ma tanto bene, la ricetta salata era di mia nonna Mimma, mentre questa dolce di mia zia Clara.
Sono dei tartufini al cioccolato molto semplici, ma per me squisiti, non so se sia anche per la valenza affettiva, ma io non ho mai trovato una ricetta più buona, ogni volta ritorno a questa. Spero piacciano anche a voi…la ricetta completa la trovate qui.

Frittelle di mele

Il “Mondo di Milla” è sbarcato su facebook, da oggi quindi potete seguirmi anche qui!! Grazie a chi si è già aggiunto e a chi vorrà farlo :-)))

Oggi protagonista del post è la mela, frutto simbolo del trentino Alto Adige dove regna sovrana. Ogni tanto mi piace addentarne una, ma confesso, da irrimediabile golosa,  che mi piace  di più nei dolci…;-)

Queste frittelline possono essere servite  come dolce a fine pasto o come merenda, oppure, per i più temerari come contorno a piatti a base di carne, preferenzialmente di maiale (in questo caso ovviamente senza spolverarle di  zucchero e possono anche essere fredde). A me, in estate,  piace abbinarle al gelato al cioccolato bianco ed inverno ad una crema inglese, ma sono buonissime anche da sole.
Anche questa ricetta proviene direttamente dai monti,  perchè ogni anno quando torno dalle vacanze porto con me una nuova ricetta…Canederli, Kaiserschmarren, Gelato alla vaniglia con frutti di bosco caldiBuchteln…
In extremis, perchè scade oggi partecipo con questa ricetta alla raccolta di Morena

Ingredienti base:

2 mele renette
succo di 1 limone
zucchero semolato o vanigliato o cannella ( a secondo dei gusti) per corspargere le mele  
gelato al cioccolato bianco o alla vaniglia o crema inglese ( facoltativi)
per la pastella: 
farina 150 gr
latte 200 ml
sale 1 pizzico
2 uova di gallina che razzola
1 bustina vanillina
zucchero 20 gr
  
Sbucciate le mele, togliete il torsolo e tagliatele a fettine dello spessore di 1/2 cm,  irroratele con il succo di limone per non farle annerire e mettetele da parte. Nel frattempo preparate la pastella* sbattendo con le fruste ( o la planetaria)  i tuorli, il latte,  un pizzico di sale, la vanillina e la farina setacciata. Amalgamate bene fino ad ottenere un composto liscio e denso.  Tamponate le mele con della carta da cucina, passatele nello zucchero semolato e successivamente  nella pastella, poi tuffatele nell’olio caldo (circa 180 gradi) rigirandole su entrambi i lati. Cuocetele fino a quando diventeranno dorate, poi scolatele, asciugatele con della carta assorbente e servite caldissime cosparse con zucchero a velo ed un pò di cannella. Se vi piace potete accompagnarle con del gelato  alla crema o alla vaniglia.
ps: * per una pastella ancora più soffice, montate a neve ferma gli albumi ed incorporateli per ultimi alla pastella con movimenti dal basso verso l’alto.