Ciaccia di Pasqua dolce all’anice


ciaccia dolce di Pasqua

E già siamo a Pasqua…il tempo è proprio volato…quest’anno  non volevo mancare di postare questa ciaccia tipica delle mie parti perché con l’uovo di cioccolato o con un velo di panna o semplicemente così come è va assolutamente assaggiata, insomma sulla tavola di Pasqua o nel cesto della scampagnata di Pasquetta  la ciaccia dolce all’anice non può mancare.

La ciaccia di Pasqua dolce all’anice si  caratterizzata da una pasta morbidissima e molto profumata.

Se poi preferite la tradizionale ciaccia di Pasqua salata al formaggio la trovate qui

E allora mettiamoci al lavoro…
Continue reading

Torta di mele caramellata con cuore di crema pasticcera

tortamele Era da tanto che volevo provare a fare la torta di mele perfetta per me e finalmente ci sono riuscita. Credo che non modificherò mai più questa ricetta, perché il risultato mi ha esaltato e spero faccia lo stesso effetto anche a voi…Volevo un dolce con una parte croccantina, ma non troppo e poi una pasta morbida, ma non mallopposa ed un cuore di crema. Per riuscirci ho utilizzato come base la ricetta della ” ciambella alla panna” di mia zia, arricchita con le mele e la crema pasticcera il tutto versato su mele caramellate.
Può sembrare laboriosa, ma in realtà si fa abbastanza velocemente soprattutto se avete il Bimby, ma al solito vi spiego la ricetta anche senza.

Se poi come me siete golose di dolci alle mele vi consiglio di provare anche:

Torta di mele con farina di castagneFrittelle di mele, Crostata di mele e mandorle, Crostata meringata di mele verdi e arance

Continue reading

Bottoni alla nutella con smarties

bottoni alla nutella2
Lunedi cercavo qualcosa di diverso per la merenda di Luca, in genere alterno una merenda più sana (tipo pane/olio, pane/pomodoro/ frutta etc) con una merenda più golosa e siccome per lui merenda golosa corrisponde a nutella/cioccolato, cercando nel sito del Bimby mi sono imbattuta in questa di Monica, pochissimi ingredienti e cottura velocissima.
Non ho modificato nulla, a parte aggiungere uno smarties su ognuno ( tanto per continuare a consumare le scorte della Befana...) Risultato approvato a pieni voti, biscottino morbidissimo…unica pecca spariscono alla velocità della luce!!
Al solito trovate anche la versione senza Bimby…

Continue reading

Bon bon cocco e Lindor

Bon bon
Dopo le feste, soprattutto dopo la Befana,  ogni anno mi ritrovo con grandi quantità di cioccolato e dolci e se pur con somma gioia della mia gola una regolata ci vuole o comunque, per sentirsi meno in colpa, bisogna condividere con qualcuno.
E così l’altra sera per una cena fra amici ho portato questi bon bon simil Bounty con l’aggiunta nel cioccolato di copertura dei famosi cioccolatini Lindor…

Continue reading

Biscotti ripieni di confettura di ciliege

biscotti ripieni2
Con tutto quello che si mangerà certo anche un biscottino con il caffè o il thè del pomeriggio forse non c’entrerà…ma forse ci sarà anche chi sarà più ligio e contenuto e allora potrà servire ai suoi ospiti un caffè accompagnato da questi biscottini golosi che si sciolgono letteralmente in bocca.
Con questa ricetta vi auguro un Felice e Sereno Natale, per la prima volta dopo tanti anni sono riuscita a fare le cose con più calma, non dico con calma, ma un po’ di più rispetto agli anni precedenti si…ho fatto tutti i regali in largo anticipo scegliendoli con cura ed evitando l’acquisto compulsivo…adesso approfitterò delle vacanze natalizie per ultimare il corredino per il mio bimbo in arrivo e finalmente riprenderò in mano anche ago e filo senza sensi di colpa perché c’è sempre da impiegare il tempo in qualcosa di più fruttuoso! Adesso non c’è niente di più importante a parte la mia famiglia…

Buon Natale con tutto il cuore
biscotti ripieni
 Ingredienti:
225 gr di farina bianca 00
150 gr di burro
70 gr di zucchero
1 cucchiaio di scorza di limone grattugiato finemente
2 cucchiai di succo fresco
2 tuorli
1 pizzico di sale
confettura di ciliegie o quella che preferite q.b

Preparazione:
Setacciare la farina con il  pizzico di sale in una ciotola, aggiungere il burro a pezzetti fino a ottenere un composto granuloso. Unite lo zucchero, la scorza ed il succo di limone e i tuorli in modo da ottenere una pasta dura. Formata una palla, avvolgetela nella pellicola e passatela in frigo per 30 minuti. Trascorso il tempo accendete il forno a 180° circa. Ricoprite due leccarde di burro oppure con carta forno, stendete la pasta sulla spianatoia infarinata in una sfoglia di circa 3mm e con formine che più vi piacciono ricavate tante forme, unendo di volta in volta i ritagli fino ad esaurimento della pasta. Trasferiteli sulla piastra e cuoceteli per circa 6-8 minuti. Poi fateli raffreddare su una griglia ed infine spalmateli con la confettura e sovrapponetevi la metà aperta. Servirli così o spolverizzati con zucchero a velo.

Cantucci toscani

 
cantucci bi
 
Questo biscotto rappresenta il tipico “chiudi pasto” toscano da servire con un buon “Vin Santo” ovviamente sempre toscano e possibilmente del contadino… siccome è un biscotto secco che ben si conserva ( anche per settimane in scatole a chiusura ermetica) ben si presta per essere inzuppato nel liquore.
Non sono fra i miei biscotti preferiti ( ormai lo sapete io sono per tutto ciò che è cioccolatoso e farcito), ma da noi è tradizione sotto le feste farli e proprio perché è usanza, anche la ricetta è tramandata ormai da decenni nella mia famiglia così come quella dei cavallucci, altro dolce tipico che sotto le feste in casa mia non manca mai (…grazie mamma :-))
 
Ad essere sinceri l’avevo postata agli albori del blog, ma le foto erano veramente indecenti ( anche se all’epoca mi sembravano passabili) e poi non l’aveva vista quasi nessuno ed invece secondo me merita, anche perché come già accennato si fanno velocemente e si conservano a lungo.

ps: se vi piacciono i pistacchi vi suggerisco di provare anche questa variante…buonissimi!!
 

cantucci toscanicantucci2
Ingredienti
4 uova
500 gr di farina
400 gr di zucchero + q.b per cospargerli
la buccia di 1 limone grattugiato
250 gr di mandorle non pelate ( perchè così le mandorle si vedono) oppure pistacchi
1 presa di sale
 
Preparazione:
ho utilizzato l’impastatrice con il gancio a K, ho messo tutti gli ingredienti ad eccezione delle mandorle, ho impastato velocemente ed appena si è formata la palla ho aggiunto le mandorle tagliate molto grossolanamente ( più o meno a metà) e poi ho formato dei cordoni lunghi tutta la teglia del forno e larghi circa 7-8 cm, spolverizzarli con lo zucchero semolato e poi li ho cotti a circa 170° per 12-15 minuti, utilizzando carta da forno ( attenzione alla cottura, dipende dal forno, il risultato devono essere dei cordoni dorati, non bruciati, ma neanche troppo bianchi). Una volta sfornati dovete tagliarli immediatamente prima che si induriscano, taglio obliquo di circa 2 cm di larghezza per biscotto. Eventualmente vi accorgeste di averli tirati fuori troppo presto, potete rimetterli in forno a biscottare dopo tagliati.

Brioches col tuppo

Sempre viste, mai assaggiate, fino allo scorso anno a Taormina, perchè credo che una ricetta tipica debba essere assaggiata, possibilmente, dove nasce e così è stato. Gustata nel più classico dei modi: pucciata nella granita al caffè sormontata di panna, che se me lo avessero detto non ci avrei mai creduto ed invece è buonissima come colazione…
Innamorati immancabilmente della cucina siciliana,  quando siamo tornata dalla vacanza abbiamo scovato un ristorantino tipico a Roma, “ Capricci siciliani“, frequentato ormai assiduamente negli utlimi mesi, perchè hanno una cucina tipica strepitosa e non sazi un bar altrettanto tipico, ” Il catanese” vicino a Piazza Cavour, dove si può iniziare la giornata con una brioches farcita alla ricotta oppure con le classiche brioches col tuppo…
 
E quindi ormai assuefatti a questi sapori, ho deciso di replicare almeno queste famose brioches, ho cercato e trovate varie ricette, ma nessuna fino in fondo mi convinceva. Perchè da ciò che ho carpito le uova non ci vanno ed invece alcune ricette le riportavano, quindi da scartare…poi altre che però avevano vari aromi artificiali e anche queste non andavano bene, insomma ho fatto un mix ed il risultato è stato ottimo, uguali uguali nel sapore ed anche molto semplici da realizzare. Principalmente le fonti sono state una ricetta di Giuseppe Deiana ed un’altra di Jenys82 ( utente Bimby).
 
Noi le abbiamo gustate farcite con gelato home made e l’immancabile nutella, ma potete provarle anche con confetture o con la granita, anche se per quella ci vuole il sole siciliano almeno per me!!
 
Ingredienti:
250 gr di farina 0
250 gr di farina 00
250 gr di latte fresco intero
50 gr di olio di mais
70 gr di zucchero
10 gr di miele millefiore
 un pizzico di  di sale
1 cubetto di lievito di birra
1 tuorlo sbattuto con un pò di latte
un pezzettino di bacca di vaniglia o se preferite la scorza di un’arancia grattugiata
un pizzico di zafferano ( facoltativo, io non l’ho messo) viene aggiunto per rendere l’impasto più giallo visto che non vi sono uova.
 
Preparazione con il Bimby:
Inserire nel Closed lid latte, olio di mais, lievito e zucchero 1 min. 37° vel.4.
Aggiungere tutti gli ingredienti: miele, i semi di vaniglia o la scorza dell’arancio, farina e sale impastare 1 min. e 30 sec. vel. dough mode.
Fare lievitare, nel forno preriscaldato a 50° e poi spento,  per 1 ora, coperto con pellicola.
Dividere l’impasto formando delle palline di circa 60 gr, lasciare un pò di ipasto per le palline più piccole (il “tuppo”), sovrapporre le palline piccole in quelle grandi e lasciare lievitare per altri 30 min. sempre al caldo. Prerscaldare il forno ventilato a 200°, spennellarle con il tuorlo ed il latte e cuocerle per 15min stando attenti che non si scuriscano troppo, in caso abbassare a 180°.
Preparazione manuale:
mettere la farina e lo zucchero in un recipiente oppure nella planetaria, aggiungere il latte, l’olio, il miele, i semi di vaniglia o la scorza dell’arancio ed il pizzico di sale  cominciare ad impastare, fino a formare un panetto liscio. Fare lievitare, nel forno preriscaldato a 50° e poi spento, per 1 ora, coperto con pellicola.
Dividere l’impasto formando delle palline di circa 60 gr, lasciare un pò di ipasto per le palline più piccole (il “tuppo”), sovrapporre le palline piccole in quelle grandi e lasciare lievitare per altri 30 min. sempre al caldo. Prerscaldare il forno ventilato a 200°, spennellarle con il tuorlo ed il latte e cuocerle per 15min stando attenti che non si scuriscano troppo, in caso abbassare a 180°.
 

Torta al cioccolato

Questo è uno dei dolci preferiti di Luca, non è facile vederlo mangiare dolci se non sono  ” neri” o generosamente spalmati di nutella, se non ci sono queste due opzioni  sicuramente preferisce un bel piatto di verdura cruda per la sua merenda e questa è una gran fortuna.
Lo stesso vale per la colazione a scuola, dove molto abitudinariamente va per la maggiore la ciaccia olio e rosmarino [5/10/2013 finalmente sono riuscita a postarla), a meno che la mamma non abbia fatto la torta al cioccolato e allora una bella fetta non la baratta con niente!
La ricetta me l’ha passata la mamma di una compagna di scuola di Luca anche lei Bimby addicted…ma si può fare anche tradizionalmente e vi garantisco che è molto buona anche farcita e decorata, perfetta come torta di compleanno!!

Ingredienti:
200 gr cioccolato fondente
200 gr zucchero
200 grburro
150 gr farina 00
4 uova codicie 0
1 bustina di lievito
1 banana ( facoltativa)*

* se avete una banana matura o molto matura e quindi prossima al cassonetto potete aggiungerla all’impasto, il sapore del dolce non cambia, ma l’impasto si manterrà morbido e umido per più giorni.

Preparazione con il Bimby:
Tritare il cioccolato 30” vel 8, aggiungere il burro 4′ a 50° vel 4. Aggiungere uova, zucchero ( ed eventualmente la banana tagliata a tocchetti)  vel 5 per 30”.Unire la farina 1′ vel 6 ed infine il lievito 10” vel.6.
Versare in uno stampo imburrato ed infarinato, con uno stecchino da spiedino disegnare una spirale ( in questo modo il dolce non farà la montagnetta centrale), infornare in forno già caldo, ventilato  per 50′ a 180°. Prima di sfornare fare la prova stecchino.
 
Preparazione tradizionale: fondere a bagno maria il cioccolato fondente ridotto a pezzi insieme al burro, a parte montare i tuorli con lo  zucchero poi aggiungere il cioccolato ed il burro, la farina ed il lievito ( eventualmente la banana schiacciata molto bene con una forchetta) . Per ultimi aggiungere gli albumi montati a neve ferma. Versare in uno stampo imburrato ed infarinato, con uno stecchino da spiedino disegnare una spirale ( in questo modo il dolce non farà la montagnetta centrale), infornare in forno già caldo, ventilato per 50′ a 180°. Prima di sfornare fare la prova stecchino.

N.B:

  1. Il dolce può essere anche congelato.
  2. Se lo volete utilizzare come base per un dolce di compleanno vi consiglio di dividerlo a metà, bagnarlo con latte e cacao, spalmarlo con uno strato di nutella a sua volta ricoperta da uno strato di panna  montata ( leggera eh…:-))) e poi decorarlo con panna montata colorata e zuccherini!
  3. Per un dolce da farcire o se semplicemente vi piace bello alto utilizzate come me uno stampo da 24 cm, così verrà circa 6 cm di altezza.

Meringhe cioccolato e mandorle

Oggi la Miry è arrivata dopo pranzo con un piatto colmo di meringhe ed un vassoio di brighelle al cioccolato e alla crema, tanto per addolcire il caffè :-))

Qualche giorno fa eravamo insieme in una rinomata pasticceria di Montecatini dove c’erano delle meravigliose meringhe,  che sembravano ripiene con pezzi di cioccolato e mandorle…peccato però che fosse uvetta…e così avevo espresso il desiderio di mangiarle con il cioccolato…detto fatto…la mamma non si è fatta attendere…TVB :-)))
 
Spettacolari e goduriose…se avete qualche albume in avanzo vi consiglio di correre in cucina…
 
Ingredienti ( orientativi, basta rispettare le proprozioni)
1 hg di albumi
1 hg di zucchero semolato
1 hg di zucchero  a velo vanigliato
1 cucchiaio di aceto bianco
lamelle di mandorle q.b
gocce di cioccolato q.b
(in alternativa uvetta e mandorle oppore senza niente)
 
Preparazione:
Nella planetaria cominciare a montare gli albumi, dopo qualche minuto iniziare ad incorporare a cucchiaiate lo zucchero semolato, dopodichè quello vanigliato, poi il cucchiaio di aceto. Quando saranno fermissime e lucideaggiungete il cioccolato e le mandorle in lamelle secondo il vostro gusto. Ricoprite una teglia con carta forno e distibuirvi sopra il composto a cucchiaite o se preferite un risultato più preciso ( la sac à  poche), distanziando di qualche cm perchè in cottura aumentano di volume. Cuocere un’ora abbondante a 110° ventilato con sportello leggermente aperto ( frapporre un mestolo). Non devono scurirsi, ma solo asciugarsi bene bene.

Ciambelline al vino, anice e nocciole

Prima di passare alla ricetta vi ricordo che la mia raccolta “ Eat Parade 2012” sta per scadere quindi se volete ancora partecipare avete tempo fino alla mezzanotte del 31 gennaio….

Finalmente sabato….stasera festeggeremo il compleanno del mio amore, con qualche giorno di ritardo, ma prima non si poteva….il menù è ancora un pò nebuloso, ma nente di complicato, sicuramente sfizioso e goloso, molto goloso, i dolci previsti sono tre la meringata, il semifreddo allo zabaione  e la torta di rose alla nutella per i più piccini, ma non solo…e poi volevo fare dei piccoli cupcakes al lemon curd e meringa, ma poi sono stati sostituiti dai crogetti ( visto che carnevale si avvicina…) che  preparerà la mia mamma e per finire un pò di queste ciambelline, che con il Vin Santo ci stanno sempre bene…Spero di riuscire a fotografare decentemente i dolci che ancora non ho postato.
La ricetta è di una mia amica ( la Sere delle Coste :-)) che mi li ha fatti assaggiare un pò di tempo fa e poi me li ha anche regalati per Natale…sono buonissime, veloci da fare, si conservano per molti giorni fragranti e quindi possono essere preparate in anticipo.
In alternativa, se volete usare le mandorle, al posto delle nocciole  vi propongo i ” Biscotti della Dandina“. Buon fine settimana …
Ingredienti:
una tazza di zucchero + q.b per cospargerle
una tazza di vino rosso buono
una tazza di olio di oliva extravergine
nocciole a pezzettini e  anice secondo il vostro gusto
farina q.b.

Per comodità indico una tazza, ma rispettando le proporzioni potete utilizzare qualcosa di più piccolo o grande, a seconda il quantitativo che volete ottenere.

Preparazione:
Impastare tutto con la farina, aggiungendola a poco a poco fino a formare una pasta della consistenza giusta per formare un cordoncino che poi andrete a tagliare e a chiudere a ciambellina. Cospargere ogni ciambellina con abbondante zucchero ed infornare a 180° per circa 20 minuti, più un paio di  minuti di grill ( occhio che si scuriscono facilmente).