Cartellate – ricetta tradizionale natalizia

Print Friendly

Le cartellate sono dei dolcetti tipici pugliesi che si preparano per tutto il mese di dicembre. La ricetta che ora vi propongo è la segretissima della mia fidata nonna, che ormai diventerà pubblica; ma poi perchè custodire gelosamente le proprie ricette se è così bello condividerle? La realizzazione non è semplicissima, ma se si impara una volta, poi non si scorda più. Provare per credere! 😉


Cartellate de "Il Parco Dei Matti"

Ingredienti per 150 cartellate:
250 gr di farina 00
250 gr di semola rimacinata
50 gr di olio evo
70 gr di vino bianco
acqua q.b.
700 ml di olio di semi
750 ml di vincotto di fichi
zucchero semolato q.b.

Procedimento:
Iniziare, portando a bollore l’olio con il vino bianco in un pentolino e a parte far bollire un paio di bicchieri di acqua.

Cartellate de "Il Parco Dei Matti"Cartellate de "Il Parco Dei Matti"

Unire in una capiente ciotola la farina e la semola e aggiungere poco alla volta il composto di vino e olio bollenti; all’inizio procedere a mescolare con una forchetta per evitare di ustionarsi.  Amalgamare, lavorando bene e aggiungere poco alla volta acqua per ottenere un impasto liscio e omogeneo, ma non appiccicoso. A questo punto coprire la ciotola con un canovaccio pulito. Prelevare una porzione di impasto di circa 150 gr e procedere a stenderla con la macchina per pasta, posizionando la rotellina al numero 1, o se volete anche a mano.

Cartellate de "Il Parco Dei Matti"

Ricavare dei rettangoli di 6 x 9 cm e ciascun rettangolo dovrà essere nuovamente ripassato in macchina al numero 6, per ottenere un rettangolo molto sottile. A sua volta ricavare delle strisce di 10 x 3 cm. A questo punto si parte con la formazione delle cartellate.

Cartellate de "Il Parco Dei Matti"Cartellate de "Il Parco Dei Matti"

Cartellate de "Il Parco Dei Matti"

Cartellate de "Il Parco Dei Matti"

Cartellate de "Il Parco Dei Matti"Cartellate de "Il Parco Dei Matti"

Pizzicare un’estremità, lasciare un centimetro e pizzicare ancora e continuare così fino alla fine. A questo punto avvolgere su se stessa la striscia a formare una rosa pizzicando per farla restare bene unita. Lo so, sembra davvero difficile, ma non lo è; più che altro è difficile da spiegare, ma aiutatevi con le foto, che dovrebbero essere abbastanza chiare. Procedere con il resto dell’impasto nello stesso modo. Alla fine porre su una rete le cartellate ottenute e lasciarle seccare due notti. Trascorso il tempo necessario friggere le cartellate in abbondante olio di semi per pochi secondi da entrambi i lati;

Cartellate de "Il Parco Dei Matti"Cartellate de "Il Parco Dei Matti"

successivamente riscaldare il vincotto con 2 cucchiai di zucchero e portarlo a bollore, abbassare al minimo la fiamma  e porvi le cartellate, che dovranno essere rigirate per qualche secondo e poi tirate via, con il vincotto che sarà rimasto tra i fori della pasta.

Cartellate de "Il Parco Dei Matti"

Mettere i dolcetti in una capiente ciotola e far raffreddare bene prima di servire. Bon Appetit!


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*