Crea sito
  • Pizza

  • Zuppa imperiale

Pizza margherita Bonci 24 ore di lievitazione

 

Argomento ormai di routine ogni volta che vado a fare la spesa vicino a casa al Crai di Federica sono le Chiffon Cake o la pizza, da tempo mi parlava di questa pizza Bonci che lei fa ogni domenica, unica pecca per me era la lievitazione 24 ore che per una persona come me con poca pazienza era infattibile.

Venerdi però mi sono decisa, e per fortuna!!!

Per mangiare la pizza verso le 19.30 l’ho impastata verso le 15 del giorno precedente, ovviamente se non siete a casa nel pomeriggio potete impastarla anche prima, più lievita meglio è.

E’ in assoluto la ricetta della pizza più buona che ho mai fatto, è perfetta.

 

[ultimate-recipe id=”2616″ template=”default”]

      

 

 

 

 

Pizza Bonci

[wpurp-searchable-recipe]Pizza Bonci – – Ingredienti per l'impasto: farina 0, sale, lievito di birra, acqua, zucchero, olio d'oliva, Ingredienti farcitura: passata di pomodoro, olio d'oliva, mozzarella per pizza tritata, sale ed origano, Aggiungere all'impasto un po' di farina in modo da renderlo leggermente meno bagnato (la ricetta originale prevede le pieghe sul tagliere con un po' di farina, ma ho preferito asciugarlo un po' con la farina come mi ha detto Federica ed è venuta buonissima).
Porlo di nuovo nella ciotola e chiuderlo benissimo o con pellicola trasparente o con il coperchio della ciotola se l'avete ermetica. Porre il contenitore in frigorifero per circa 24-26 ore.
; Aggiungere all'impasto un po' di farina in modo da renderlo leggermente meno bagnato (la ricetta originale prevede le pieghe sul tagliere con un po' di farina, ma ho preferito asciugarlo un po' con la farina come mi ha detto Federica ed è venuta buonissima).
Porlo di nuovo nella ciotola e chiuderlo benissimo o con pellicola trasparente o con il coperchio della ciotola se l'avete ermetica. Porre il contenitore in frigorifero per circa 20-24 ore.
; Il pomeriggio seguente verso le 15 ho preso il contenitore con l'impasto, l'ho pesato e diviso in 5 parti uguali, a me la pizza piace molto sottile, ovviamente se vi piace alta con questa dose può venirne anche solo una.
Prendere una teglia tonda (nel mio caso) potete usare quello che avete in casa, usate la quantità d'impasto che serve per la vostra teglia andando ad occhio.
Ungere con olio d'oliva la teglia, prendere la pallina d'impasto, posarla sulla teglia, aggiungere sopra un po' di farina che vi aiutera' a stenderla con le mani. Una volta stesa aggiungere la passata di pomodoro, stenderla con le mani e mettere la teglia a lievitare nel forno spento e chiuso. Fare la stessa cosa con le altre palline.
Verso le 19 estrarre le teglie dal forno, accenderlo a 220°C, farcire le pizze a piacere e quando il forno sarà caldo infornare ogni pizza (io ne inforno 2 alla volta) per circa 10 minuti, una volta pronte mangiarle…anzi prima fare una foto e mandatemela!!
Buon appetito!
; – [/wpurp-searchable-recipe]

/ 5
Grazie per aver votato!

Torta marmorizzata all’olio d’oliva

Questa è ufficialmente la prima torta in cui la mia piccola aiutante ha montato tutti gli albumi ed i rossi d’uovo con lo zucchero semplicemente con un minipimer della Braun. Siamo rimaste senza Bimby e senza Kitchen Aid, il primo ha smesso magicamente di funzionare la scorsa settimana senza motivo…almeno credo 🙂 e la seconda ha smesso d’impastare mentre preparavamo l’impasto delle sfrappole, forse troppo duro, infatti erano immangiabili, la settimana prima, da allora temo che la sventura degli elettrodomestici che mi si rompono mi abbia colpita…era già capitato…e quindi ho provato ad impastare frolla, pizza e torte con le mie manine…anche se devo essere sincera…la frolla della crostata che posterò a breve l’ha impastata la mia piccola aiutante così io non ho dovuto sporcarmi le mani…comunque tornando a noi questa torta da merenda o da colazione è fantastica, soffice, come le torte che faceva mia mamma quando ero piccola…dura circa una giornata…è una torta che ho preso dal libro di Csaba, assolutamente ottima.

IMG_8145

Ingredienti

4 uova

2 cucchiai di cacao in polvere

3 cucchiai di latte

100 gr di farina 00

250 gr di farina di mandorle

200 gr di zucchero

50 ml d’olio d’oliva (gusto delicato)

zucchero a velo a piacere

mezza bustina di lievito

1 bustina di vanillina

Copia di IMG_8138

Accendere il forno a 180 °C, dividere i tuorli dagli albumi, montare a neve gli albumi poi montare in una ciotola i tuorli con lo zucchero, aggiungere ai tuorli e lo zucchero la farina setacciata, il lievito, la farina di mandorle e mescolare velocemente, aggiungere l’olio d’oliva, il latte e gli albumi tenendone da parte 2 cucchiai e mescolare.

Imburrare benissimo una teglia di 28 cm con il buco al centro, meglio se con la cerniera, aggiungere 3/4 dell’impasto.

Aggiungere all’impasto avanzato il cioccolato amaro in polvere e l’albume messo da parte.
Versa l’impasto al cacao sopra quello bianco. Inserisci un cucchiaio nell’impasto e fagli fare il giro dello stampo 3-4 volte, per creare l’effetto marmorizzato.
Inforna la torta 30 minuti in forno ventilato poi sfornarla e  e lasciarla raffreddare completamente prima di toglierla dallo stampo.

IMG_8139   IMG_8143

Capovolta cospargerla con lo zucchero a velo.

Bon apetit.

Posted in Dolci | Commenti disabilitati su Torta marmorizzata all’olio d’oliva

Piadina Riccionese (sottile e sfogliata)

Ce l’ho fatta, ho provato e riprovato, guardato su internet, su libri, ma alla fine la ricetta l’avevo sotto gli occhi…sempre quella della piadina romagnola ma senza lievito…ed è venuta uguale a quella che la domenica a pranzo mangiamo vicino a Viale Dante a Riccione…superlativa…profuma di strutto e sa di buono, lo sò lo strutto non è salutare ma ogni tanto in una sola piadina lo strappo alla mia vita da vegetariana 5 giorni alla settimana lo faccio, non riesco a resistere.

 

Ingredienti per 8 piadine

500 gr farina 00

100 gr di strutto (lo strutto ci va, come dice Barbieri la piadina senza strutto non è piadina)

100 ml di latte intero

15 gr di sale

200 ml acqua

IMG_7679

Impastare tutti gli ingredienti ed ottenuta una palla morbida ed omogenea metterla dentro ad un contenitore e ricoprirlo con la pellicola trasparente. Lasciare in frigorifero almeno 2 ore.

Terminate le 2 ore dividere l’impasto in palline ed iniziare a tirarle formando dei dischi sottilissimi, riscaldare bene una piastra antiaderente e cuocere circa 3 minuti per lato, la piadina si gonfierà, non forate le bolle.

Potete servirla con affettati e formaggio, oppure con un battuto di lardo e rosmarino…una vero abominio per le arterie ma tanto tanto buono mentre la piadina è caldissima….

IMG_7678

Pizza con farina di farro

Nuova prova, nuovo esperimento…sto cercando di sostituire dove posso di più la farina 00 ed anche la farina di farro mi sta dando ottimi risultati..

 

IMG_7017

700 gr di farina di farro

15 gr di sale

10 gr di zucchero

50 gr d’olio d’oliva

35′ gr di lievito madre in polvere

300 ml di acqua

IMG_7020

Mettere nella planetaria tutti gli ingredienti ed impastare, ottenuto un’impasto soffice senza grumi dividerlo in  4 parti ( per 4 pizze sottili, oppure 2 se si preferiscono grosse) e tirare ogni pizza, metterla nel padellone da forno e farcirle a piacere.

Farle lievitare a forno spento almeno 2 ore.

IMG_7022

Togliere 2 pizze dal forno a lievitazione ultimata e lasciarne dentro 2, accendere il forno a 220°C e cuocere le prime 2 pizze circa 15 minuti poi le altre 2 circa 10 minuti. Questa ricetta è sempre venuta con la farina 00 ed ormai tramandata a tutte le mie amiche, se desiderate non usare la farina di farro si può sostituire con 350 di farina 0 e 350 di farina manitoba, verrà più alta e soffice grazie alla farina manitoba ricchissima di glutine.

 

Eccezionale sempre

 

Cookies gocce di cioccolato

IMG_6329

 

125 grammi di burro morbido
100 grammi di zucchero di canna
20 grammi di zucchero
1 uovo
160 grammi di farina
2 grammi di bicarbonato
150 grammi di gocce di cioccolato (o cioccolato a pezzi)

IMG_6330

Miscelare la farina e il bicarbonato di ammonio e tenere da parte.
Lavorare, in una ciotola, il burro morbido, lo zucchero di canna e lo zucchero bianco,  aggiungere l’uovo
poi la farina, il bicarbonato ed infine le gocce di cioccolato.
Formare dei biscotti con le mani, facendo prima delle palle, poi schiacciandoli leggermente, riporli sulla teglia da forno
rivestita di carta da forno, ben distanziati perchè si allargheranno molto.
Infornare a 180° per 12 minuti. Se i bordi tendono a scurire troppo, toglierli un minuto prima.
Sollevarli delicatamente dalla teglia e disporli su una gratella a raffreddare.

Tigelle con farina integrale

I miei esperimenti con le farine alternative alla farina 00 continuano e mi stanno dando grandi soddisfazioni soprattutto perchè stiamo mangiando in modo molto più sano senza rimpiangere i vecchi lievitati…

La ricetta che ho usato è sempre quella di Barbieri ma ho sostituito la farina 00 con quella integrale ed il latte e la panna con latte e panna di soia perchè in casa non avevo latticini, va comunque benissimo usare la stessa ricetta utilizzando latte intero e panna a lunga conservazione.

 

INGREDIENTI

1 kg di farina integrale

1 cubetto di lievito di birra

20 ml olio di semi di Girasole

400 ml Latte di soia

250 ml Panna di soia

15 gr sale

15 gr zucchero

Sciogliere il lievito con un po’ di latte tiepido poi unire tutti gli ingredienti ed impastare con la planetaria fino ad ottenere una palla soffice e liscia, lasciarla lievitare 30 minuti nella ciotola della planetaria coperta da uno strofinaccio.

Dopo 30 minuti stendere l’impasto o con la macchina per stendere la pasta o col matterello con spessore circa di 1 cm.

 

IMG_7435

 

 

Copri le tigelle con uno strofinaccio e lascia lievitare almeno 2 ore.

Quando saranno raddoppiate accendere il fornello, scaldare bene la tigelliera, cuocerle e servire calde.

 

1 4 5 6