Crea sito
  • Pizza

  • Zuppa imperiale

Pizza nel tagliere

Io amo i lievitati e la pizza alla follia ed in realtà è una delle cose che mi riesce meglio. Negli anni ho cambiato tante ricette, questa a mio avviso con un po’ di manualità è la migliore, la ricetta viene dal sito di Bonci, adattata alla mia cucina ed in questo caso con poche ore di lievitazione perchè non sempre ho voglia di prepararla il giorno prima.

Questa ricetta è per una lievitazione di 3/5 ore e la dose è per 3 pizze nel tagliere, o 4 se le preferite ancora più sottili.

INGREDIENTI

1 Kg di farina 0 macinata a pietra

io ne compro una per pizza a San Patrignano ogni volta che ci vado a cena…se ci capitate fatene una bella scorta.

700 ml acqua

20 gr di sale

3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva

10 gr di lievito di birra

Ingredienti farcitura pizza margherita

300 ml passata di pomodoro 

2 cucchiai olio d’oliva

800 gr mozzarella per pizza o fior di latte (a vostro piacimento)

q.b. sale ed origano

_____________________________________________________________________

PROCEDIMENTO

Ora vi indicherò passo a passo come la preparo, probabilmente per chi se ne intende sbaglio dei passaggi ma se ho poco tempo metto tutto nella planetaria nell’ordine descritto,  poi a lievitare ed il risultato vi assicuro è sempre superlativo.

Prendere la ciotola della planetaria, versare all’interno l’acqua ed il lievito e scioglierlo con le mani o con una forchetta nell’acqua.

Aggiungere la farina, il sale, l’olio, azionare la planetaria a velocità media e quando tutto sarà amalgamato, risulterà un impasto bagnato e molto colloso, prendete la ciotola con l’impasto e copritela…chiudetela con un piatto piano e lasciate lievitare se avete tempo 3 ore, io la preparo verso le 2 del pomeriggio per la cena.

Trascorse le 3 ore, prendete le vostre teglie, versatevi sopra dell’olio d’oliva per ungerle, ma non stendete l’olio con il pennello, eventualmente muovetelo sulla teglia un po’ con le mani.

Prendete l’impasto, ricompattatelo, dividetelo ad occhio in 3 parti…se la pizza vi piace molto alta fate solo 2 teglie.

Prendere un pacco di farina, la farina vi aiuterà a stendere la pizza con le mani sulla teglia, prendete la prima palla d’impasto e mettetela al centro della teglia, spolverate sopra la palla e non sulla teglia la farina ed iniziate a stenderla con le mani fino ad ottenere un rettangolo.

Fate la stessa operazione anche per le altre due teglie.

Prendere la passata di pomodoro, stenderla con le mani e mettere le teglie a lievitare nel forno spento e chiuso.

Verso le 19 estrarre le teglie dal forno, accenderlo a 220°C, farcire le pizze a piacere e quando il forno sarà caldo infornare ogni pizza (io ne inforno 2 alla volta) per circa 10 minuti, una volta pronte mangiarle…anzi prima fare una foto e mandatemela!! Buon appetito! E se la pizza non vi viene, giuro vi invito a mangiarla a casa mia…riesce sempre!!!!!

   

  

 

____________________________________________________________________

 

Ciambella Romagnola

La Ciambella Romagnola è una delle torte della mia infanzia, una di quelle che la mia amica Giulia chiama i dolci del cuore, che ad ogni morso o semplicemente il profumo mi fanno sentire a casa, o scatenano nella mia mente i ricordi nella cucina di mia nonna quando ero piccola ma anche di adesso perchè ogni volta che mio marito le fa un favore, lei lo manda a casa con la Brazadela (in dialetto), ma prima gli fa tagliare una fetta davanti a lei e, con aria di sfida gli dice…”ho messo un’ingrediente nuovo” dimmi che cos’è”…sono quasi sempre le mandorle tritate, lei si dimentica ma lui se lo ricorda sempre 🙂

Ecco la ricetta per 2 ciambelle piccole o per una grande.

INGREDIENTI

500 gr di farina 00

100 gr di burro morbido

200 gr di zucchero

3 uova intere

scorza di un limone grattugiato

25 ml di latte per impastare … o ad occhio (deve risultare amalgamata ma lavorabile con le mani)

2 cucchiai di zucchero bianco

 

Accendere il forno a 180°C, mettere nella planetaria burro e zucchero ed impastare a velocità media con la foglia, aggiungere le uova, la farina, il latte, scorza di limone e lievito fino ad ottenere un composto ben amalgamato ed abbastanza sodo.

Creare su una teglia ricoperta di carta da forno una grande ciambella di forma ovale o eventualmente dallo stesso pezzo ricavarne due piu’ piccole e spolverarle con lo zucchero in modo che quando sarà pronta farà una crosta di zucchero dura.

Infornare a forno caldo 180°C per circa 30 minuti.

Lasciar raffreddare e mangiare

Ottima per colazione o se volete fare qualcosa di diverso da servire dopo una cena con la piadina con un buon vino dolce o con il caffè.

 

+

Fluffosa al limone senza glutine

 

La fluffosa è una delle torte più versatili che io conosca, l’anno scorso quando una cara amica ha scoperto di essere celiaca, e non l’aveva mai assaggiata ho pensato che assolutamente dovevo rimediare e provare a prepararla. Io lavoro in una farmacia con un fornitissimo reparto senza glutine ed ho potuto scegliere farina e lievito e la fuffosa è riuscita al primo tentativo…fortuna?

Non so’ rispondere ma è riuscita subito, cresce perfettamente anche con la farina di riso ed il succo di limone copre totalmente il sapore della farina. E cosi’ dato che la mia amica vive a Parigi, la Fluffosa senza glutine al limone, ora è anche un po’ parigina perchè lei la porta  dagli amici a cena e nessuno se ne accorge!!

Buon lavoro e Fluffate sempre!

 

INGREDIENTI

Zucchero extrafine 300 gr

Farina di riso 280 gr

Succo di limone 200 ml

Olio di semi di girasole 120 ml

Uova 6 grandi

1 Baccello di Vaniglia o una bustina di vanillina

Scorza di un limone non trattato

Lievito in polvere per dolci senza glutine 1 bustina

Cremor di tartaro 1 bustina (4 gr)

 

QUESTA TORTA CREA DIPENDENZA 🙂

Prima di tutto accendere il forno a 160°C, setacciare la farina di riso in una ciotola insieme al lievito. Poi aggiungete lo zucchero extrafine ed il lievito. Grattugiate la scorza di un limone non trattato e incidete una bacca di vaniglia per estrarre i semi con la punta di un coltello ,in alternativa al baccello, potete utilizzare l’estratto di vaniglia o la vanillina in polvere ed aggiungetela agli ingredienti di questa ciotola.

In un’altra ciotola, separate i tuorli dagli albumi di 6 uova e mettete da parte gli albumi. Aggiungete ai tuorli il succo di limone (io uso l’estrattore) e l’olio di semi poi mescolate con un cucchiaio.
Unite gli ingredienti liquidi a quelli secchi ed amalgamati bene i composti

        

 

Montate gli albumi, versateli nella ciotola di una planetaria (se non avete una planetaria potete utilizzare uno sbattitore elettrico), quando saranno diventati bianchi ed inizieranno a montarsi versate il cremor tartaro e continuate a montare finchè non saranno duri.

      

 

Versare ora l’impasto nello stampo da chiffon cake, io ho utilizzato uno stampo da 25 cm di diametro che mi raccomando non dovrà essere imburrato, versate e basta poi mettete a cuocere in forno statico a 160°C per 1 ora e 15 minuti posizionando il dolce nella parte bassa del forno, statico.

Una volta cotto, sfornatelo e capovolgete lo stampo utilizzando gli appositi piedini. Lasciatelo raffreddare a testa in giù completamente.

Quando la torta sarà completamente raffreddata, aiutatevi con un coltellino per staccare i bordi, capovolgete lo stampo e spingete la base verso il basso in modo che si stacchi, poi aiutandovi con un coltellino staccate la parte superiore dello stampo.

Spolverizzare con lo zucchero a velo.

 

 

Torta gelato panna e cioccolato

Ho visto per la prima volta la foto di questa torta gelato sulla pagina Instagram di Pan di Spagna, il bellissimo blog di un ragazzo di Ravenna e me ne sono perdutamente innamorata.

La sua ricetta era una torta Tiramisu’, io ho voluto sperimentarla usando i gusti che piacciono ad Alice, rendendola adatta a tutte le età. Semplicissima e super veloce, per assemblarla ci vogliono 25 minuti piu’ il congelamento, si usa lo stampo della Chiffon cake, io ho usato quello da 18 cm per non farla troppo grande, e due gusti di gelato che avevo nel surgelatore, ovviamente potete cambiarla con i gusti che preferite…buon lavoro e sarà un successo assicurato!!!!

INGREDIENTI

16 savoiardi

250 ml latte

2 cucchiai nesquick

250 gr gelato cioccolato

500 gelato panna

250 ml di panna fresca da montare

1 cucchiaio di zucchero a velo

 stampo  chiffon cake da 18

Togliere le scatole di gelato dal surgelatore in modo che mentre iniziamo a preparare la torta il gelato inizierà ad ammorbidirsi.

Prendere la carta da forno, disegnare con una matita la base dello stampo da chiffon cake disegnando anche il buco al centro, ritagliare ed inserirlo nello stampo sul fondo.

In una ciotola sciogliere 2 cucchiai di Nesquick con il latte freddo

     

 

 

 

 

Bagnare i savoiardi uno per uno nel latte al cioccolato disponendoli subito uno alla volta in maniera concentrica lungo i lati dello stampo.

Prendere il gelato, ammorbidirlo con un cucchiaio e iniziare ad inserirlo a strati all’interno dello stampo aiutandosi con un cucchiaio ed una spatola per livellarlo.

Riempire lo stampo fino all’orlo, ricoprire con la pellicola d’alluminio e mettere in surgelatore circa 3 ore. O fino al momento di servirlo.

Prima di servirlo, montare la panna con lo zucchero a velo e metterla in frigorifero.

Far scongelare la torta in frigorifero per 30 minuti se il vostro surgelatore surgela molto (il mio lo fa), oppure riempire una ciotola del diametro simile o piu’ grande dello stampo della chiffon cake con acqua calda, immergere lo stampo un’attimo per aiutare i savoiardi a staccarsi dalle pareti, un’attimo è qualche secondo, se no inizierà subito a sciogliersi.

Capovolgere lo stampo sul piatto da portata, toglierlo dalla torta, ricoprire la cima con panna montata ed una spolverata di cacao amaro. Servire subito 🙂

Buon appetito!!!!

 

 

 

 

Stampo da 18 cm chiffon cake clicca qui 

 

Torta feta e pomodorini

Io accendo il forno anche durante l’estate, ed adoro le torte salate! Super veloci, svuota frigorifero, cena assicurata.

Pomodori ne ho sempre in grandi quantità, ho trovato una pasta sfoglia ed una feta dimenticata in frigorifero ed ecco una buonissima torta salata, veloce veloce, salva pranzo e salva cena.

INGREDIENTI

1 Uovo
200 gr Feta
200 gr Pane grattugiato
1 Pasta sfoglia pronta
300 gr circa Pomodorini cigliegin
1 pizzico zucchero
a piacere Sale e pepe

Accendere il forno a 200 gradi, frullare la feta con un robot da cucina, aggiungere l’uovo e mescolare tutto insieme. Stendere la pasta sfoglia su uno stampo da crostata, aggiungere sul fondo il pan grattato per assorbire il liquido che faranno i pomodorini, la feta con l’uovo e tagliare i pomodorini a metà, aggiungerli alla torta.
Far cadere sulla torta un pizzico di zucchero, un pizzico di sale, pepe ed un cucchiaino d’olio d’oliva.
Infornare per circa 20-25 minuti e servire.

Buon appetit!!!

    

 

Mousse di ricotta e more

Finalmente è arrivata l’estate, il caldo ed a casa mia poca voglia di cucinare…anche se la voglia di mangiare non mi lascerà mai…

La mousse di ricotta e more è un dolce improvvisato che ho fatto per la merenda di questo pomeriggio con quello che avevo in casa, ho usato panna da montare e ricotta ma è sicuramente ottimo anche con panna vegetale o solo con la ricotta…una velocissima merenda o un dolce senza cottura dell’ultimo minuto.

Ingredienti

  • 100 gr ricotta
  • 250 gr panna da montare
  • 2 cucchiai zucchero fine o zucchero a velo
  • 2 cucchiai more
  • 1 cucchiaio nocciole intere o già tritate
  • sciroppo d’amarena facoltativo

 

Mettere nella ciotola della planetaria la panna fredda e lo zucchero e montare bene. Aggiungere alla panna montata con una spatola la ricotta e mescolare dal basso verso l’alto fino ad ottenere una mousse.
Prendere due coppette, mettere la mousse dentro una sac a poche, fare all’interno della coppetta un primo strato di crema, aggiungere qualche mora, un po’ di nocciole precedentemente tritate e se l’avete in casa un cucchiaino di sciroppo d’amarena. Fare un’altro strato di crema e decorare nuovamente con more, granella di nocciola ed amarena. Buona merenda

 

Formentera

Conosco tantissime persone che sono state a Formentera ed ogni anno ci tornano, salutano l’isola anche solo per qualche giorno poi ritornano a casa e lo fanno un anno dopo l’altro. Due anni fa dopo tanti viaggi ci siamo decisi anche noi ed a giugno 2015 siamo partiti, io, il mio aiutante ed Alice con una valigia, 3 trolley un canotto e tante aspettative.

Bologna – Ibiza                          Ibiza – Formentera                      Noleggio auto – inizia la vacanza

 

Io non ci credevo, ho avuto la fortuna di viaggiare tanto e vedere tanti posti ma io la magia che ho trovato appena arrivata non l’avevo mai sentita, nonostante un turbolento arrivo perchè Massimo soffre pesantemente di mal di mare, non appena si esce da La Savina inizia la magia.

L’isola trasuda di colori, di semplicità, perchè se non fosse per i numerosi locali di Es Pujol è mare e sole e blu, aria di sale, sole che brucia.

Noi abbiamo alloggiato ad Es Pujol, in appartamento, non vi dirò mai dove perchè poi ci sono tornata  anche l’anno dopo, spero di tornare almeno ogni 2 anni e non vorrei non trovare posto 🙂

Arrivati a Formentera se siete in appartamento e decidete di non andare subito in spiaggia andate a fare la spesa…il supermercato più fornito dell’Isola è Eroski a San Francisco Javier, venendo da Es Pujol alla rotonda di San Francisco Jiavier si va a destra ed è poco dopo la Farmacia.

Altra cosa fondamentale da comprare è un ombrellone, a Formentera c’è sole ovunque in spiaggia e pochissimi bagni attrezzati.

Tutti i ristoranti e locali che elencherò di seguito sono molti di quelli che ho provato, sono stata benissimo in tutti…

Mattina 

Se potete cercate anche di fare colazione fuori, ci sono tantissimi locali molto belli dove si trovano colazioni anche se non a buon mercato ottime, noi siamo andati tante tante volte da Cafè Matinal, colazione brunch super a San Francisco Xavier, passate anche una mattina al Big Store per una brioche ed un cenrifugato, un ottimo Toast a Can Vent ad Es pujol e tante torte fatte in casa, colazione leggera da Integral o tuffatevi da Claro ad Es Pujol, ottimo tutto, bellissimo locale moderno stile Rimini, colazioni con dolci della casa, Yogurt e muesli super buoni e piadina…poi c’è Martina una simpaticissima ragazza che ti fa sentire in vacanza appena entri…Alice la adora, quest’anno tra l’altro troverete un amico che vive sull’isola da anni, un ragazzo solare con tanta voglia di fare “baracca”.

Claro – Es Pujol

 

Spiaggia

Mappa dell’isola alla mano e girate, visitate le più famose spiagge, la Playa de se Illetes è spettacolare, ma bellissima è anche Levante, Cala Saona e Calo de Mort, girate e cercate ovunque, avventuratevi lungo le stradine sterrate delle pinete e cercate angoli di pace poco affollati, qualsiasi spiaggia è stupenda e scoprirete che Formentera non delude mai.

Sa Roqueta

Aperitivi

Tantissimi i locali, fermatevi dove vi va, ma non saltate Chez Gerdi, il Pirata, il Lucky , la Kasa dei Colori ed il 10.7 dove con un po’ di fortuna potreste trovare anche un matrimonio in corso, ma soprattutto aspettate il tramonto, sull’isola lo vedrete ovunque ma la magia è proprio seduti sulla spiaggia guardare il mare.

Cena

Consiglio sempre di prenotare ovunque.

Se amate la cucina vegetariana Integral è ottimo, fatevi consigliare dalla proprietaria e godetevi un’atmosfera friendly e rilassata…da Integral banditi i cellulari.

Assolutamente non saltate Caterina sulla strada che va verso il faro, locale bellissimo, i proprietari ti fanno sentire a casa e soprattutto coccolato ed in vacanza.

Non perdete la carne da El Gaucho, la paella da Fonda Pepe che  vi immergerà nella storia dell’isola.

Avventuratevi la domenica a pranzo al Pelayo la paella più buona che io abbia mai mangiato, solo di domenica, prenotazione obbligatoria paella per almeno 100 persone.

Non deve mancare un panino con Patanegra Al Gran Iberico ad Es pujol a qualsiasi ora, pizza molto buona da Macondo a San Francesc, sempre pieno ma velocissimi.

Questi sono alcuni dei posti in cui siamo stati durante le nostre vacanze negli ultimi due anni, ovviamente di ristoranti ce ne sono tantissimi e nella maggior parte dei posti si mangia molto bene, a parte alcuni è cara come i ristoranti della mia zona quindi tra pranzo preparato a casa e qualche accorgimento si riesce ad uscire quasi tutte le sere.

 

Caterina

 

Claro Es Pujol
El pilar de la Mola

Posted in Viaggi | Commenti disabilitati su Formentera

Torta Mars

Torta Mars

La Torta Mars in realtà io la chiamo Chocori’ è uno dei cavalli di battaglia della zia Giovanna la zia di mio marito è super veloce e spesso ci si dimentica che esiste…bastano due ore ed è pronta… Buon lavoro!!

Per una teglia 40×40 rettangolare
Se avete una teglia rotonda da 22 dimezzare la dose.

INGREDIENTI

12 mars
120 gr di burro
240 gr di Rice Crispies..

Sciogliere in un tegame il burro ed i mars fino ad ottenere una crema, aggiungete i Rice Crispies e mescolare bene in modo che tutta la crema si attacchi ai cereali.
Stendere il composto in una teglia, io uso una teglia antiaderente nuova e non uso pellicola trasparente o carta da forno ma eventualmente se la teglia è vissuta prima ricopritela di pellicola trasparente o carta da forno poi adagiare  il composto e livellato bene con un cucchiaio.
Lasciare raffreddare bene 1 ora poi tagliarlo a cubetti e mangiare!! Se lo mettete in frigorifero è ancora più buono.

Con questa ricetta il Chocori’ è abbastanza basso se lo preferite più alto mettere 350 gr di cereali

 

Pizza alta e soffice

Posso affermare con sicurezza che questa è la nuvola delle pizze, mi sono imbattuta per caso in questa ricetta qualche settimana fa sul blog di Veronica’S cook and more, una frizzante ragazza che propone sofficissime ricette e dato che io sono una carbs addicted mi ha stregata.

La ricetta di questa pizza è fenomenale e super soffice, l’ho usata, con qualche minima modifica per fare la pizza nella teglia da forno ed anche le pizzette per la merenda di Alice che per la prima volta mi ha detto al ritorno da scuola…”mamma le pizzette erano buonissime” a distanza di ore sono rimaste soffici come appena sfornate.

[ultimate-recipe id=”2783″ template=”default”]

                
          

 

 

Preparate la pancia e buon lavoro!!

Torta al limone glassata

Finalmente è arrivato un po’ di caldo, quale miglior modo per inaugurare il sole con una torta che sa d’estate? Io adoro le torte al limone, ed anche la piccola aiutante e questa torta che ho preso dal sito di Chiarapassion racchiude tutti i profumi ed il sole dell’estate.

Buon lavoro ed iniziamo:

250 g di farina

3 uova intere

250 g di zucchero

250 g di burro

buccia grattugiata di 3 limoni (non trattati)

succo di mezzo limone

10 g di lievito per dolci

pizzico di sale

Per la bagna

70 g di zucchero a velo

succo filtrato di 2 limoni e mezzo

Per la glassa

190 g di zucchero a velo

2 cucchiai di succo di limone

Accendete il forno a 175 °C

Nella planetaria lavorate il burro morbido con lo zucchero, unite un uovo alla volta.

Unite la scorza dei 3 limoni grattugiata, il pizzico di sale, il succo di mezzo limone, la farina ben setacciata con il lievito. Mescolate bene fino a quando il composto è ben amalgamato.

Imburrate ed infarinate una teglia e versate l’impasto all’interno. Fate cuocere a 175° per 45-50 minuti, per controllare la cottura finale della torta fate sempre la prova stecchino, deve uscire asciutto.

Prepariamo lo sciroppo al limone

Mettete in un pentolino il succo di 2 limoni e mezzo e 70 g di zucchero a velo, fate cuocere per circa 3 minuti fino a quando vedrete che lo zucchero è sciolto.

Con una siringa da farmacia senza ago fate tante punture di sciroppo al limone alla torta calda, terminato lasciatela raffreddare bene e poi trasferitela su di un piatto da portata.

Glassa al limone

In una ciotola mescolate bene lo zucchero a velo con 2 cucchiai di succo di limone.  Versate la glassa al centro della torta e lasciate che scenda da sola su tutta la torta. Se la glassa vi risultasse troppo dura aggiungete succo di limone, se troppo morbida invece aggiungete zucchero a velo.

Ed ora bon apetit ♥︎

Posted in Bambini, Dolci, torte | Commenti disabilitati su Torta al limone glassata

1 2 3 4 6