Chi sono io?

Mi chiamo Daniela ed Alice è la mia piccola manina di 7 anni, viviamo in Romagna, vicino a Ravenna con il nostro aiutante papà ed una gattina di nome Nebbia (Alice tende a specificare “come il cane di Heidi”).

Sono cresciuta con una mamma che cucinava molto bene, ed una nonna che cucinava benissimo e che ogni domenica mattina veniva a casa nostra a “fare la sfoglia” come dice lei, con i cappelletti (perchè mangiavo poco…così dicono), a fare i garganelli con nonna Emma (la mia bisnonna) tutte le settimane, con il latte brulè ed il mascarpone.

Amo il cibo, e mangiare, ed ora la cucina per me è una scelta di vita intesa come cura dell’alimentazione per curare la vita, perchè siamo realmente ciò che mangiamo, cura per la mia famiglia, e soprattutto convivialità e gioia…cosa c’è di più bello nell’entrare in casa e sentire il profumo del pane, di una torta di mele appena sfornata, di regalare una torta alla tua amica più cara, e conoscere i gusti di chi ami per farlo sentire importante.

Così negli ultimi anni ho dovuto far passare un po’ di tempo per avere più tempo per me, per poter intraprendere il sogno di avere un blog tutto mio, ed ho iniziato a scrivere e dopo un po’ a pubblicare le ricette che amo di più per poterle condividere, sperando che altri, cucinandole e mangiandole provino ciò che provo io.

Amo la vita sempre e nonostante tutto, le piccole cose di ogni giorno come il profumo del caffè la mattina, l’odore del pane appena sfornato, mia figlia che canta mentre gioca, la sua buffa manina che ruba un biscotto prima di cena, una telefonata inaspettata, e ridere, ridere di gusto e come dice la mia amica Simona, ridere di pancia.

Altro di me…sono Erborista, da qualche mese una sarta provetta, adoro la cucina giapponese, la pizza e la birra artigianale, comprare libri, il mare e sopra ad ogni cosa la mia famiglia. Adoro viaggiare, Londra prima di tutto, fare colazione su una panchina davanti alla Tate Modern la mattina presto e la sua capacità di darti tutto ciò che desideri,  Parigi e  la cucina francese, perdermi per le strade di Saint’Germain de Pres, o dentro ad i suoi negozi di cucina, il profumo del cibo di strada nel periodo di Natale alla Defence, e soprattutto le spiagge di Formentera che tra tanti viaggi che ho fatto è uno degli unici posti al mondo dove mi sono realmente ricaricata di energia caldo e colori, dove il mare è infinitamente blu ed i colori riempiono il cuore ed i pensieri di tutto l’anno volano via con il vento mentre guardi il mare e tua figlia che gioca con un retino in acqua con il suo papà e capisci che la vita è in quell’istante e non conta altro.

 

“Il risveglio più bello è quello di chi porta dentro di sé la consapevolezza che un giorno da vivere è sempre una fortuna”