Dado vegetale due versioni

Chi di voi compra ancora il dado al super mercato? io non più, io ormai il dado lo faccio a casa (in verità lo fa mamma e poi me lo da… quindi la ricetta è sua). Preparare in casa il dado, di certo è utile e sicuramente è molto più sano dei dadi pieni di conservanti che si trovano in commercio. Se non avete il bimby non è importante, potrete utilizzare la vaporiera e un frullatore ad immersione e se avete in casa un omogeneizzatore potrete omogeneizzarlo, altrimenti non fa nulla.

Dado vegetale due versioni
Dado vegetale due versioni

 

Ingredienti:

  • 200g di sedano
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 1 pomodoro
  • 1 zucchina
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 manciata di funghi freschi
  • 1 foglia d’alloro (facoltativo)
  • poche foglie di basilico, salvia, rosmarino
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 30g di vino bianco secco
  • 1 cucchiaio di olio
  • 200g di sale grosso
  • 50 g di parmigiano grattugiato

Procedimento Bimby:

  1. Lavate e asciugate le verdure, quindi Tritatele nel boccale per 10 secondi a velocità 7.
  2. Unite il sale, l’olio e il vino. Cuocete tutto con il Varoma per 20 minuti, a velocità 2. Tenete il misurino inclinato.
  3. Infine aggiungete il parmigiano e portare poco a poco a velocità 6.
  4. Omogeneizzare il tutto.
  5. Se necessario, addensare ulteriormente il dado continuando la cottura Varoma a velocità 2 fino a quando non otterrete la consistenza desiderata.

 

Procedimento senza Bimby:

  1. Lavate e tagliate a tocchetti tutte le verdure, quindi procedete con la cottura a vapore per 20 minuti circa (potete utilizzare i cestelli appositi che si posizionano sulle pentole, oppure potete utilizzare la vaporiera).
  2. Togliete le verdure dal cestello e mettetele in una pentola. Aggiungete il sale, l’olio, il vino e il parmigiano
  3. Tritate tutto con il frullatore ad immersione e fate cuocere ancora per 15 minuti a fuoco lento ( se avete l’omogeneizzassero utilizzatelo per omogeneizzare), fino a quando non avrete raggiunto la consistenza che desiderate.

Potrete metterlo nel portaghiaccio e quindi surgelarli in cubetti, per poi tirarli fuori al momento in cui vi servirà, oppure potrete mettere il composto nei vasetti sterilizzati

 

Comments are closed.