Pane semplice con lievito di birra

Impastare è la cosa più bella del mondo, poi quando la passione incontra la necessità di avere pane in casa…beh allora tutto è giustificato 🙂

Questo, come dice il titolo, è un pane semplice con lievito di birra e per farlo ho utilizzato semola rimacinata di grano duro e spolverina di grano duro “le 5 stagioni”, il risultato è ottimo.

La sploverina è la semola usata da panettieri e pizzaioli per spolverare il banco da lavoro, si presenta assolutamente impalpabile e non assorbe più del 70% d’acqua se utilizzata negli impasti, almeno per quanto riguarda la mia esperienza personale.

Un’altra farina da spolvero è quella denominata “granito” deriva a differenza della spolverina, da grano tenero.

Risultano ottime anche utilizzate per impanare cibi da friggere.

Il mio è stato un acquisto errato dovuto a distrazione, avrei dovuto prendere “le 5 stagioni” da pizza, ma la mia amica continuava a parlare e ho tirato su il sacco sbagliato. Ma non tutti i mali vengono per nuocere, quindi il tutto si è rivelato una splendida sorpresa.

Il pane fatto completamente con la spolverina già lo avevo sperimentato qui

Questo con metà rimacinata si presenta molto morbido all’interno come piace alle mie locuste.

Ho usato un’idratazione del 75% con cottura in giornata in pentola di ghisa, che trovo splendida nel mio forno che purtroppo a causa di un guasto alle guarnizioni, presenta una notevole dispersione di calore.

Dovrò cambiarlo al più presto, ma di certo voi sarete i primi a saperlo!

 

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    1 giorno
  • Cottura:
    75 minuti
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Semola di grano duro rimacinata 300 g
  • Farina Spolverina 300 g
  • Acqua (75%) 450 g
  • Lievito di birra fresco (0.5%) 3 g
  • Sale (1.5%) 9 g

Preparazione

  1. Step 1. Autolisi delle farine
    Miscelare le farine e aggiungere il 55% dell’acqua sul totale previsto dalla ricetta (in questo caso 248g per arrotondamento). Mescolare il tutto per qualche secondo, il composto deve risultare sabbioso.
    Per chi usa la planetaria, inserire la frusta k
    Lasciare il composto a riposo x 1h
    (Il tempo è variabile da 30min a 24h a seconda del tipo di farina utilizzata e dalla quantità dell’impasto)

  2. Step 2. Riavviare la planetaria, e dopo aver fatto sciogliere il lievito nella restante acqua (202g), aggiungerla a filo poco alla volta, all’impasto autolitico.

    Non aggiungere acqua fino a che quella versata precedentemente, non sia del tutto assorbita.

    Il video dello Step 2 lo potete trovare qui

  3. Step 3. quando l’impasto è perfettamente incordato, vale a dire che non si attaccherà più alle pareti della ciotola dell’impastatrice, spegnete e fate riposare 10 min

    riavviate a velocità minima ed inserite il sale, fate impastare ancora qualche min e spegnete

    Il video completo dello step 3 lo trovate qui

  4. Step 4. Trasferite l’impasto in una ciotola oleata, chiudete ermeticamente e lasciate riposare fino al raddoppio

  5. Step 5. Inizio delle pieghe in ciotola

    Una volta raddoppiato l’impasto, inziamo la prima serie di pieghe a 3 in ciotola, le serie totali sono 3 da ripetersi ogni 30 min

    Dopo l’ultima piega mettete a riposare l’impasto altri 30 min

    Il video completo dello step 5 lo trovate qui

  6. Step 6.

    Dopo l’ultimo riposo, rovesciare delicatamente l’impasto sul piano di lavoro e formare la vostra pagnotta.

    Riporla nel cestino di lievitazione bene insemolato (io ho quello in foto) e lasciate riposare fino a completa maturazione.

    Dopodichè Rovesciate la pagnotta su un foglio di carta forno che vi aiuterà a traferirla in pentola

  7. Ultimo step

    Cottura

    Preriscaldare il forno al max con dentro la pentola vuota chiusa dal suo coperchio, e un pentolino d’acqua sul fondo.

    Quando il forno sarà arrivato a temperatura, estrarre la pentola, fare i tagli sul pane ed introdurlo nella pentola aiutandovi con la carta forno, coprite col coperchio ed infornate al max per 30 min

    Togliete il coperchio ed il pentolino con l’acqua

    cuocete a 200° per 20 min

    poi a 180° per 20 min

    poi a 160° con funzione ventilata se la si ha e coperchio del forno aperto a spiffero

    Seguici nel gruppo fb Il CuOCO Giulivo

Precedente Fusilli con melanzane e mandorle Successivo Sofficini Giulivi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.