Crea sito

La parigina…napoletana ;)

La parigina, anche se cosi’ potrebbe far pensare il nome, non e’ per niente un piatto francese, bensi’ napoletano :) Non ve l’aspettavate, eh?!

In pratica e’ una specie di focaccina farcita con prosciutto e mozzarella, molto ricercata nelle pizzerie al taglio per un pranzo al volo. Essendo a base di pizza, la considero un piatto unico per una cena tra amici o in famiglia: una validissima alternativa alla pizza al forno. Ecco quindi la ricetta :)

Ingredienti

  • 250ml di acqua tiepida;
  • 500g farina;
  • 12,5 g di lievito di birra (mezzo cubetto);
  • 3 cucchiai di olio;
  • 1 cucchiaino di sale;
  • 1 cucchiaino di zucchero;
  • 250g mozzarella (del giorno dopo);
  • 200g prosciutto cotto affettato;
  • 400g concentrato di pomodoro;
  • olio e sale;
  • 1 rotolo di pasta sfgolia;
  • 1 uovo.

Procedura

Iniziate con la preparazione dell’impasto per la pizza, che andra’ a formare la base della vostra parigina. Impastate quindi acqua, farina, lievito, olio, sale e zucchero come spiegato nella ricetta della Pizza Margherita. Lasciate quindi riposare l’impasto in un luogo caldo per circa 2 ore e vedrete che sara’ piu’ o meno raddoppiato.

Una volta lievitato, prendete quindi l’impasto della pizza e stendetelo su carna da forno, in modo da ricoprire completamente il fondo di una teglia da forno (avra’ quindi una forma rettangolare). Lo spessore non dovra’ superare il cm, mi raccomando! Mettete quindi un attimo da parte la base e preparate la salsa per il ripieno.

In una ciotolina, mischiate il concentrato di pomodoro con un cucchiaio di olio e un pizzico di sale e fate in modo che la salsa diventi omogenea. Spalmate quindi meta’ della salsa al pomodoro sulla base della pizza; coprite quindi con uno strato di mozzarella a fettine ed uno strato di prosciutto cotto affettato. Infine spalmate la restante salsa al pomodoro. E’ importante che la mozzarella non sia particolarmente fresca, possibilmente del giorno dopo, in modo che risulti leggermente piu’ asciutti e non cacci troppo latte durante la cottura.

Srotolate ora la pasta sfoglia e fate in modo che ricopra perfettamente la pasta di pizza con i vari di livelli di pomodoro, mozzarella e prosciutto. Adagiatela quindi sulla superficie, e spennellatela con un uovo sbattuto in modo da conferire un bell’effetto dorato dopo la cottura.

Infornate in forno preriscaldato a 200C per circa 30 minuti. Togliete quindi la parigina dal forno ed aspettate che si raffreddi. Benche’ la voglia di divorarla sia incredibile, vi consiglio di lasciarla riposare per almeno 5-10 minuti perche’ sara’ ultra bollente ;)

Suggerimento

Vi risulta difficile stendere la pasta della pizza sottile? Utilizzate un mattarello infarinate. Se la pasta e’ bella asciutta ed elastica, vi risultera’ semplicissimo!

Inoltre, se volete dare un pizzico di sapore in piu’ alla vostra parigina, vai col pepe!!! O magari sostituite la mozzarella con un provolone morbido tagliato a fette. :)

 

Related posts:

Tags: , , , ,

5 Responses to “La parigina…napoletana ;)”

  1. Vincenzo P
    1 November 2012 at 12:13 #

    Ciao Alba complimenti per la ricetta (non facile) della parigina, pare sia stata inventata alla fine dei ’70 in una rosticceria di Afragola ed è stata mia degna compagna di innumerevoli “filoni”!

    Un saluto dalla Pianura Padana!!

  2. Alba
    1 November 2012 at 12:31 #

    Grazie 1000, Vincenzo! E’ stato il primo esperimento…e devo dire e’ riuscito non male ;) . Non sapevo fosse nata ad Afragola. Qui sentivamo la mancanza dei buon vecchi piatti di casa nostra e quindi, piano piano, li stiamo rifacendo tutti. La prossima sfida sara': la Parmigiana di melanzane! :)

  3. Vincenzo
    1 November 2012 at 22:31 #

    La mancanza dei piatti di casa viene pure a me! Però non sono bravo con pizze & co. ma me la cavo con la spigola all’acqua pazza haha!
    Ok allora poi pubblicherai anche la ricetta della parmigiana!

    Ciao, a presto!

  4. 23 December 2012 at 15:57 #

    Che bello! Da quando mi sono trasferita al Nord per lavoro, ogni tanto provo a spiegare cosa è una “parigina”, ma nessuno mi capisce…ahahah! ed ora che sono incinta ho una voglia di mangiarla che non so quantificare!!!
    E cosi ho deciso che me la preparo da sola :)
    Grazie per la ricetta! E buon Natale!

  5. Alba
    23 December 2012 at 16:19 #

    Ciao Giovanna! Anche io ho difficolta’ a spiegare cos’e’ una “parigina” alle persone che non sono delle nostre parti. Vivendo ormai lontana da casa, ho deciso di risfogliare un po’ le ricette di alcuni piatti tipici perche’, proprio come te, ogni tanto si sente la mancanza. Cosa c’e’ di meglio che cucinarseli da se’? Forse li mangi anche con piu’ piacere e soddisfazione ;)
    Un augurio di Buone Feste anche a te e…anzi, doppi auguri per il prossimo e splendido “arrivo”! :)

Leave a Reply

*