Crea sito

Il mio pane con “pasta di riporto”

Vi siete mai chiesti “E ora che faccio con questa pasta della pizza avanzata”? A me e’ capitato un sacco di volte! L’impasto che vi avanza prende il nome di “pasta di riporto” e lo si puo’ conservare (ben chiuso) fino anche ad una settimana in frigo (o se volete lo potete anche congelare). A differenza del lievito madre, e’ molto piu’ facile da conservare e per persone come me che hanno appena iniziato a lavorare i “lievitati” e’ certamente meglio.

A partire quindi dalla pasta della pizza, oggi vi vostro una ricetta per il pane semplice ma leggermente lavorata, che richiede tempi di lievitazione un pochino piu’ lunghi rispetto all’utilizzo del lievito di birra. Per essere la prima volta, mi ritengo piu’ che soddisfatta. Una mollica eccezionale! Provate anche voi ;)

Ingredienti

  • 150g pasta di riporto;
  • 400g farina;
  • 150-200ml acqua tiepida;
  • 2 cucchiai di olio;
  • 1 pizzico di sale.

Procedura

Prendete da frigo la vostra pasta di riporto, che avrete precedentemente conservato completamente sigillato in un barattolo ermetico o coperto con della pellicola trasparente. Se l’avrete conservata per bene, non noterete la formazione della crosticina in superificie dovuta all’aria, l’impasto risultera’ ancora elastico e asciutto, e noterete ancora la presenza di tutti gli alveoli formatisi durante la lievitazione precedente.

Sciogliete la pasta di riporto in un bicchiere di acqua tiepida, come se fosse un cubetto di lievito di birra. Ponete meta’ farina su una spianatoia, formate un buco al centro e versatevi all’interno l’acqua con la pasta disciolta. Impastate quindi per bene fino ad ottenere un impasto omogeneo. Aggiungete quindi l’olio e il sale, quindi il resto della farina e dell’acqua.

Continuate ad impastare finche’ non otterrette un impasto liscio ed elastico. Formate una palla e ponetelo in un recipiente coperto con della pellicola trasparente. Lasciate quindi riposare l’impasto in un luogo caldo e asciutto per almeno 6-8 ore. Noterete che l’impasto sara’ raddoppiato dopo il tempo di lievitazione.

Sgonfiate quindi lentamente l’impasto con le mani e rilavoratelo per 1 minutino per formare le cosiddette “pieghe”, ovvero ripiegate 3-4 volte l’impasto verso il centro come se voleste fare un nodo al fazzoletto. Ponete quindi l’impasto su una teglia (io uso direttamente quella che poi infornero’), coprite con un panno e fatelo nuovamente riposare al caldo per almeno altre 2-3 ore. Noterete che l’impasto sara’ di nuovo raddoppiato e avra’ iniziato a formare le caratteristiche “crepe” del pane.

Preriscaldate il forno a 250C ed infornate la vostra teglia per circa 15 minuti; abbassate quindi la temperatura a 200C e continuate a cuocere per altri 25-30 minuti. E voila’! Ditemi voi: il mio pane non ha un aspetto invitante?

Related posts:

Tags: , , ,

8 Responses to “Il mio pane con “pasta di riporto””

  1. 11 December 2012 at 15:32 #

    Bella questa! non l’avevo mai sentita ma prover√≤. Brava e grazie.

  2. Alba
    11 December 2012 at 19:38 #

    Grazie Silvia! Ero in effetti un po’ scettica quando ci ho provato all’inizio, ma devo dire che il pane e’ venuto ancor meglio di quando ho usato il lievito direttamente… ho riprovato anche con una brioche dolce (ricetta che postero’ a breve :) ) ed e’ stato un successone!

  3. gemi
    12 December 2012 at 17:41 #

    Un genio…non vedo l ora di farla!come tutte le altre

  4. Alba
    12 December 2012 at 19:05 #

    Grazie Gemi :) . Fammi sapere come va, mi raccomando!

  5. Sara
    19 January 2013 at 18:02 #

    Alba, ma che meraviglia questo blog!!! Sei una cuoca provetta…complimenti!!!

  6. Alba
    19 January 2013 at 18:11 #

    Grazie Sara! Ho iniziato per scherzo, ma mi sto proprio appassionando ora! :) E’ praticamente diventato il mio hobby fisso!

  7. alessandra
    16 June 2013 at 15:49 #

    Mio marito ha provato questa ricetta ieri notte, stamattina l’abbiamo infornato ed √® a dir poco fantastico!!!grazieee

  8. Alba
    17 June 2013 at 08:37 #

    Ciao Alessandra! Sono davvero supercontenta che vi sia piaciuta la ricetta! Grazie per il commento!

Leave a Reply

*