Crostata meringata al limone senza lattosio

Print Friendly, PDF & Email

 

 

Avendo sempre più amici con intolleranze varie ho dovuto iniziare a pensare a come modificare qualche ricetta in modo da consentire a tutti di gustarsi un buon dessert con tranquillità ……perchè il dolce non può essere negato a nessuno! 🙂 In questo caso chi è intollerante al lattosio potrà mangiare una fetta di crostata senza nessun problema perchè ho eliminato completamente i latticini. La frolla, infatti, l’ho preparata con olio extravergine d’oliva anzichè con il burro e ho sostituito il latte della crema con il succo di limone. La meringa poi è preparata solo con acqua, zucchero e albume perciò è il perfetto completamento di questa crostata deliziosa anche per chi intolleranze non ne ha 😉

PresentazioneCrostata meringata al limone senza lattosio

 

Ingredienti per 6/8 persone:

per la frolla

  • 300 gr di farina;
  • 100 gr di zucchero a velo;
  • 100 ml di olio e.v.o.;
  • 1 uovo intero + 1 tuorlo;
  • scorza grattugiata di un limone;
  • 1 cucchiaino raso di lievito;
  • 1 pizzico di sale

per la crema

  • 2 tuorli d’uovo;
  • 120 gr di zucchero;
  • 50 gr di farina;
  • 300 ml di succo di limone;
  • scorza di 1 limone

per la meringa all’italiana

  • 80 ml acqua circa (l’importante è che lo zucchero sia coperto);
  • 200 gr di zucchero;
  • 2 albumi;
  • 1 pizzico di sale.

 

 

Per la frolla all’olio il procedimento è analogo a quello per la preparazione della normale frolla con la sola differenza che invece di aggiungere il burro a pezzetti si aggiungerà l’olio extravergine di oliva (se preferite un gusto più delicato andrà bene anche quello di semi).

Iniziate mettendo nel robot da cucina la farina, lo zucchero a velo, un pizzico di sale e di lievito setacciati quindi unite la scorza di limone e le uova. Date una prima mescolata veloce per ottenere un composto sabbioso.

7 8 9

Ora aggiungete l’olio e azionate di nuovo il robot lavorando l’impasto sino ad ottenenere la famosa “palla”. Se non dovesse formarsi non preoccupatevi perchè è sufficiente che l’impasto cominci a compattarsi, a quel punto potrete trasferirlo in una terrina e finire di lavorarlo a mano. Non esagerate ad impastare perchè sarà sufficiente lavorare la frolla giusto il tempo per formare il panetto…ricordate che il segreto per una frolla friabile è sempre quello di non lavorarla troppo. Coprite la pastafrolla con della pellicola e riponetela in frigorifero per almeno mezz’ora.

Mentre la frolla riposa preparate la crema al limone….Con le fruste lavorate i tuorli d’uovo con lo zucchero e un terzo del succo di limone sino ad ottenere un composto bello spumoso quindi aggiungete la farina setacciata e amalgamate bene il tutto.

1 2 3

Versate il restante succo di limone e mescolate bene poi ponete il pentolino sul fuoco e, sempre mescolando, cuocete la crema per una decina di minuti o comunque sino a che si sarà addensata. Una volta raffreddata leggermente copritela con della pellicola facendola aderire alla crema in modo che non si formi la fastidiosa pellicina quindi riponete in frigo per farla raffreddare leggermente.

4 5 6

Trascorsi i 30 minuti di riposo, prendete la frolla dal frigo e stendetela sino a formare un disco dello spessore di 2/3 mm con cui fodererete una teglia da 24 cm precedentemente ricoperta di cartaforno (oppure direttamente antiaderente).

10 11 12

Bucherellate tutta la superficie della frolla con i rebbi di una forchetta poi versateci la crema al limone. Infornate e cuocete in forno statico pre-riscaldato a 180°C per 30/40 minuti (la cottura può variare in base allo spessore della frolla e al vostro forno). Una volta cotta sfornate la crostata e lasciatela raffreddare completamente prima di toglierla dalla teglia poi trasferitela in frigorifero per almeno mezz’ora.

Nel frattempo preparate la meringa mettendo a bollire l’acqua con lo zucchero in un pentolino sino a che raggiungerà la temperatura di 121°C. Per questo passaggio, se non avete dimestichezza, dovrete armarvi di un termometro alimentare.

19 20 21 

Unite lo sciroppo di zucchero agli albumi e continuate a montarli sino a che saranno a neve ferma e lucida e la ciotola si sarà raffreddata completamente quindi riponete la meringa in frigo per 15/20 minuti.

13 14 15

A questo punto potrete prendere la crostata dal frigo e spalmarci sopra la meringa aiutandovi con una sac à poche o semplicemente con una forchetta, come ho hatto io, poi fiammeggiatela con un cannello da cucina oppure posizionatela per un paio di minuti sotto il grill alla massima potenza e con lo sportello del forno aperto.

 

Precedente Frittata con asparagi e pomodori ciliegini Successivo Padellata di patate e cipolle

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.