Macco di fave con cavatelli di grano saraceno

Mi è stato regalato un libro, A tavola senza glutine di slow food editore, e me ne sono innamorata. Data la mia intolleranza al frumento, vedere quelle leccornie mi fa venire voglia di provarle tutte… Per ora ho provato il macco di fave con cavatelli di grano saraceno.

Un letto cremoso e saporito di fave accoglie dei cavatelli, acqua e farina, fatti in casa al momento con farina di grano saraceno.

macco di fave

Macco di fave con cavatelli di grano saraceno

#senzaglutine

Ingredienti x4 persone:

Per il macco:

  • 2 etti di fave (100 gr secche 100 gr fresche)
  • 1 mazzetto di finocchio selvatico
  • 50 gr di parmigiano reggiano
  • olio evo
  • sale
  • pepe

Per i cavatelli:

  • 200 gr di farina di riso
  • 150 gr di farina di grano saraceno
  • 250 ml di acqua (usatela poco per volta)
  • 1 cucchiaino scarso di sale

NB: mettete in ammollo le fave secche, per 1 notte.

I cavatelli, essendo un impasto di sola acqua e farina, sono molto facili da impastare. La cosa difficile da fare è dar loro la forma. Procediamo con ordine: Formate come al solito il vulcanetto con le farine con all’interno l’acqua e il sale. Impastate bene e con molta pazienza andate a dar vita ad un impasto liscio ed omogeneo.

Fatto ciò formate un salsicciotto fine  e tagliate a pezzetti (come se doveste fare gli gnocchi). Prendete un pezzetto alla volta, schiacciatelo con indice e medio e trascinatelo verso di voi, fino a farlo piegare su se stesso. (vedi foto alla fine dell’articolo)

I nostri cavatelli sono pronti!

Una ammollate le fave secche e sbucciate quelle fresche, fatele bollire a fiamma bassa con il finocchietto per 90 min, fino a che le fave non si sbricioleranno.

Mettete a bollire anche una pentola, dove andrete a cuocere la pasta da tirare fuori al dente. La pasta sarà pronta quando verrà a galla.

Finite di sbriciolare le fave, aggiustate di sale e pepe e aggiungete la pasta.

Mantecate con un filo di olio di oliva e con il parmigiano.

Impiattate e gustate!

macco di fave

Vi aspetto su
facebook http://www.facebook.com/vivereunahappylightlife/
Instagram http://www.instagram.com/happylightlife/
Pinterest http://it.pinterest.com/happylightlife
Google+ https://plus.googleapis.com/100050268158484883525/posts/THCGxfiGQua

Fonte:  A tavola senza glutine di slow food editore

Con questa ricetta partecipo alla raccolta L’orto del Bimbo Intollerante di Senza è buono e Una favola in tavola – il mondo di Ortolandia:

12969210_1700025260276694_1713568773_n

Primi piatti , , , , , , ,

Informazioni su happylightlife

ciao! sono una ragazza di 25 anni con la passione per la cucina sana ma golosa. Adoro mangiare..a chi non piace!? e non voglio perdere questo piacere... con questo, però, non significa che io punti a diventare una record woman in fatto di peso :D è per questo che mi diletto, e diverto, in cucina sperimentando ricette e trucchetti sempre nuovi per rimanere in linea e vivere una vita sana senza rinunciare al gusto. dai 16 ai 18 anni ho perso svariati kg (più di 20) e da allora ho imparato a mangiare bene senza cadere nella fissazione. Un'altra mia passione è la moda... ebbene si...per i vestiti ho una vera e propria fissazione. prima che butto un indumento deve essere proprio irrecuperabile perché anche s è rotto o fuori moda, io lo modifico affinché diventi un indumento all'ultimo grido. detto ciò spero che il mio blog vi piaccia...sono qui per condividere e scambiare opinioni. Grazie della visita. Maura

Precedente Pasta frolla light senza glutine e lattosio Successivo Polpo arrosto su crema di piselli

2 commenti su “Macco di fave con cavatelli di grano saraceno

  1. Maura! Ma sai che sei proprio una meravigliosa scoperta?! Questo piatto mi piace davvero tanto, è sano e ricco di gusto…ci hai addirittura dedicato una pasta fatta a mano e con le farine naturali senza glutine non è un’impresa semplice 🙂 sei proprio bravissima! Un abbraccio e grazie per aver partecipato alla raccolta! Leti

    • Grazie mille!!! Sono contenta che le ricette vi piacciano… anche voi siete state una grande scoperta per me! E’ bello far conoscere la cucina “senza” che va incontro a tutte le esigenze tra cui la più importante…le intolleranze! Grazie dei complimenti, di questa bella iniziativa e della possibilità! insomma Grazie di tutto!!! Un grande abbraccio!

I commenti sono chiusi.