Estrattore: riutilizzare le fibre.

Chi mi segue sui social avrà notato il mio amore smodato per l’estrattore. Ci infilo dentro tutto ciò che è commestibile. Mischio frutta, verdura, aggiungo spezie e polveri… Appena posso, un ricco e prelibato succo non me lo toglie nessuno.

Innanzi tutto vediamo insieme la differenza tra estrattore e centrifuga. La differenza più grande sta nel metodo di estrazione del succo; la centrifuga è dotata di una lama che gira ad altissima velocità e spinge la frutta triturata verso un filtro che separerà la polpa dal succo. L’estrattore è, invece, dotato di una coclea, anche detta vite senza fine, che girando è come se masticasse il cibo. In questo modo il succo sarà più ricco di fibre, rispetto ad un centrifugato, e il meno calore generato dalla coclea manterrà intatte le proprietà del succo.

Ma come possiamo riutilizzare le fibre!? Di certo non possono andare buttate. Guardando la tv, ho trovato la ricetta delle barrette di fibre e voglio condividerla con voi.

estrattore

Estrattore: barrette di fibre

Ingredienti:

  • Fibre; io ho ricavato delle fibre da un’estratto di: kiwi, carota, lattuga, pesca e albicocca.
  • Avena
  • Bacche di goji
  • Miele
  • Zucchero muscovado

Come prima cosa dobbiamo cuocere le fibre. Potete porle in una pentola con un goccio di estratto e lasciar bollire fino a che il liquido non evapora del tutto. Una volta cotte le fibre, potete spengere la fiamma e cominciare ad aggiungere i vostri ingredienti. Io ho aggiunto fiocchi di avena e bacche di goji.

Aggiungete un cucchiaio abbondante di miele e un cucchiaino di zucchero muscovado. Amalgamate per bene.

Prendete una placca e copritela con carta da forno. Stendete il composto in modo che sia un rettangolo di almeno 1.5 cm e infornate a 180° per 15 minuti. Tirate fuori dal forno e, senza toglierle dalla placca, porzionate le vostre barrette tagliando il composto con un coltello a lama liscia.

Rinfornate per altri 5 minuti ed il gioco è fatto-

Per una versione più golosa potete aggiungere gocce di cioccolata, o addirittura, potete optare per una versione salata utilizzando le fibre delle verdure e aggiungendo cereali e legumi. Sentirete che bontà ne verrà fuori ed avrete consumato tutto senza sprecare fibre preziose.

Spero la ricetta vi sia piaciuta.

Vi aspetto anche su

FacebookInstagramGoogle+Pinterest

Alimentazione, Ricette light , , , , , , , , , , , , , , , ,

Informazioni su happylightlife

ciao! sono una ragazza di 25 anni con la passione per la cucina sana ma golosa. Adoro mangiare..a chi non piace!? e non voglio perdere questo piacere... con questo, però, non significa che io punti a diventare una record woman in fatto di peso :D è per questo che mi diletto, e diverto, in cucina sperimentando ricette e trucchetti sempre nuovi per rimanere in linea e vivere una vita sana senza rinunciare al gusto. dai 16 ai 18 anni ho perso svariati kg (più di 20) e da allora ho imparato a mangiare bene senza cadere nella fissazione. Un'altra mia passione è la moda... ebbene si...per i vestiti ho una vera e propria fissazione. prima che butto un indumento deve essere proprio irrecuperabile perché anche s è rotto o fuori moda, io lo modifico affinché diventi un indumento all'ultimo grido. detto ciò spero che il mio blog vi piaccia...sono qui per condividere e scambiare opinioni. Grazie della visita. Maura

Precedente Pane integrale ai semi di lino Successivo Giardiniera in agrodolce