Gelato allo yogurt e cocco

Estate tempo di gelati e sorbetti, prepariamoli in casa con ingredienti freschi e naturali. Con o senza gelatiera. Quello che oggi vi propongo è un gelato allo yogurt e cocco. Buonissimo, fresco e genuino il gelato allo yogurt e cocco. In questa ricetta io ho usato la gelatiera, ma vi darò delle dritte per prepararlo anche senza. Prima di tutto tutti gli ingredienti devono essere, freddi, ripeto freddi non freschi. Quindi per esempio prima di iniziare a preparare il gelato allo yogurt e cocco, mettete una decina di minuti gli ingredienti liquidi nel congelatore. Quando avrete preparato la base, se disponete della gelatiera, il gelato è praticamente pronto basterà attendere che diventi cremoso. Se invece non disponete della gelatiera ecco cosa fare: mescolate prima gli ingredienti, poi poneteli in una ciotola di plastica e lasciateli 1 ora nel freezer. Tirate fuori e frullate il tutto con un frullatore ad immersione, riponete nel freezer lasciate congelare e poi frullate ancora con il frullatore ad immersione. Ripetete l’operazione 4 o 5 volte finchè il gelato non avrà acquistato cremosità. Il mio gelato allo yogurt e cocco, contiene latte vaccino, ma potete sostituirlo con del latte di soia o di riso per renderlo ancora più leggero.

016(7)Gelato allo yogurt e cocco

Ingredienti:

125 g di yogurt al cocco

125 ml panna (se non volete mettere panna aggiungete 125 g di yogurt greco)

450 ml di latte

150 g di zucchero

4 cucchiai colmi di polpa di cocco disidratata

1 pizzico di sale

 

Preparazione:

Prima di iniziare la preparazione del gelato, sciogliete lo zucchero nel latte e mettetelo una decina di minuti nel congelatore. Fate la stessa cosa anche con lo yogurt e la panna oppure con lo yogurt greco. Mescolate poi in una ciotola tutti gli ingredienti freddi e non congelati, amalgamate il tutto e iniziate la preparazione con la gelatiera o senza, seguendo le indicazioni.

Segui Green food & cake anche su Facebook

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Spaghetti di soia con verdure Successivo Calamari ripieni

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.