Peperonata in agrodolce..piatto tipico siciliano

SAM_1987

Se siete stati in Sicilia saprete che, oltre ai paesaggi, al mare cristallino ed a posti incantevoli da visitare, il cibo ha una sua importanza in questa terra piena di odori e sapori diversi. Probabilmente non sarete andati via senza prima assaggiare una specialità siciliana: la granita accompagnata dalla brioche col tuppo, la cassata oppure, per quanto riguarda il salato, la pasta alla norma, gli arancini ( arancine se siete a Palermo) fino ad arrivare alla caponata.

Una pietanza che mi piace molto che però è difficile che qualche ristorante tipico la proponga è la peperonata in agrodolce, un’alternativa alla famosa caponata.

La peperonata in agrodolce si differenzia dalla caponata per via degli ingredienti,infatti, mentre la caponata viene preparata utilizzando le patate, le melanzane, i peperoni e la cipolla con l’aggiunta di pinoli e/o uva passa, la peperonata ha come unico ingrediente il peperone ( a volte insieme alla cipolla).

La peperonata in agrodolce la preparo spesso e la servo come contorno ad una fettina di carne oppure la mangio come piatto unico accompagnandola con (tante!) fette di pane: devo ammettere che la preferisco alla caponata.

Ingredienti per 2 persone ( servita come piatto unico):

  • 4 peperoni di colore diverso ( io ne ho utilizzato 2 gialli e 2 verdi)
  • 1/2 cipolla ( facoltativa)
  • 2 cucchiai di aceto di vino rosso
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • Olio, sale

Procedimento.

Mondate e tagliate i peperoni a bastoncini ed affettate la cipolla.

In una padella dai bordi alti, versate un giro di olio, aggiungete la cipolla ed i peperoni e fate cuocere a fuoco basso per 15 minuti o fin quando i peperoni risulteranno teneri, mescolando spesso. Salate.

Una volta che i peperoni saranno cotti,abbassate ulteriormente il fuoco e spolverizzate lo zucchero quindi sfumate con l’aceto ed alzate la fiamma per qualche secondo.

Mescolate e spegnete. Lasciate riposa 5 minuti e servite tiepido.

La peperonata in agrodolce è buona anche il giorno dopo da gustare a temperatura ambiente.

SAM_1989

E voi l’avete mai assaggiata? No? Allora dovete rimediare!! Provate questa ricetta. 🙂

Ciao e alla prossima,

-Elena-

Precedente Farcitura golosa per tramezzini in attesa di San Valentino! Successivo Ciambella variegata per un dolce San Valentino