Maritozzi baresi, treccine con lo zucchero

Maritozzi baresi, treccine con lo zucchero,  sono dei lievitati dolci per la prima colazione o la merenda, semplicemente deliziosi.

maritozzi baresi

Chi è cresciuto a Bari e provincia pensando ai maritozzi inevitabilmente pensa alla propria infanzia perché spesso rappresentava la nostra merenda mattutina.

Ricordo che da bambina, nel percorso per andare a scuola, accompagnata da mia madre, si faceva sosta dal panificio e me lo comprava. Lo zucchero semolato lo ritrovavi dappertutto 🙂

Ancora adesso capita di prenderli qualche volta quando acquistiamo il pane, perché svegliarsi la mattina con queste bontà da forno significa iniziare la giornata con il piede giusto.

Era da tempo che avevo intenzione di provare a farli in casa ma non conoscevo la ricetta e così mi sono messa a cercarla su internet. L’ho trovata casualmente sul blog Miele di Lavanda della mia bravissima amica Nunzia quindi sono andata sul sicuro. Ho giusto modificato un po’ le dosi in base ai miei gusti ma in linea generale ho rispettato l’originale.

Ingredienti per maritozzi baresi (per 8-9 pezzi)

250 gr di farina manitoba

250 gr di farina 0

90 gr di zucchero

60 gr di burro

150 ml di acqua

150 ml di latte

25 gr di lievito madre essiccato o 12 gr di lievito di birra fresco

3 gr di sale fino

1 cucchiaino di miele

acqua e latte q.b. per spennellare

zucchero semolato per decorare

Preparazione

Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida con un pizzico di zucchero. Aggiungere 100 gr di farina mescolare e lasciare riposare per una decina di minuti.

Impastare tutti gli ingredienti con il lievitino ad esclusione del burro che va aggiunto solo alla fine a pezzetti e a temperatura ambiente. Se usate l’impastatrice unire il burro poco alla volta aspettando che venga incorporato quello inserito precedentemente.

Impastare per una quindicina di minuti finché non si ottiene un composto elastico.

Lasciare lievitare per 2 ore in una ciotola infarinata, coperta da un canovaccio e in luogo riparato (preferibilmente nel forno chiuso e spento).

Quando l’impasto sarà raddoppiato prelevare dei pezzetti da 30 gr ciascuno e creare dei cordoncini.

Prendere 3 cordoncini e creare la treccia, proseguire fino ad esaurire l’impasto.

Disporre le trecce su una teglia foderata da carta e rimettere a lievitare per un’ora.

Trascorso questo tempo spennellarle con un’emulsione composta da acqua e latte e lasciar lievitare per un’altra mezz’ora.

Ripassare ancora con acqua e latte e mettere in forno pre-riscaldato statico a 180 °C per circa 20 minuti.

Quando le vedrete cresciute e ben dorate saranno pronte per essere sfornate.

Spennellare subito ancora  una volta con acqua e latte e poi cospargere con abbondante zucchero semolato.

Lasciar raffreddare almeno quindici minuti prima di consumare.

Potete conservarli per un giorno ben chiusi nella busta di carta del pane oppure congelarli nelle buste di plastica per alimenti.

maritozzi baresi

Print Friendly, PDF & Email

Se ti è piaciuta la ricetta e vuoi ricevere gli aggiornamenti sulle prossime, vai alla pagina facebook del blog e clicca su “Mi piace”

Gli sfizi di Manu

Mentre preparate la ricetta vi consiglio l’ascolto di:

10 thoughts on “Maritozzi baresi, treccine con lo zucchero

    • glisfizidimanu il said:

      Questa ricetta l’ho provata con il lievito madre essiccato ma una mia amica blogger l’ha eseguita con il lievito madre solido e mi ha detto che sono venuti buonissimi. Mi ha dato queste indicazioni: bastano 100g di lievito madre, far lievitare 6 ore l’impasto e 3 ore le trecce. Non ha ancora pubblicato questa ricetta ma ne ha tante di lievitati con lievito madre che magari possono interessarti http://blog.giallozafferano.it/cuinalory/

  1. Ciao Manu,
    molto carino il tuo sito.
    Doemnica proverò a fare i maritozzi baresi.
    : ) …… potremmo scambiarci qualche ricetta..io adoro cucinare!

    • glisfizidimanu il said:

      Ciao Gabriella purtroppo non ho mai utilizzato il li.co.li. e non saprei come convertire le quantità di lievito tradizionale. Hai dato un’occhiata sul web se ci sono degli schemi che aiutano in questa procedura? A presto e spero di riaverti tra le mie lettrici 😉

Lascia un commento