Crea sito

I migliori BURGER BUNS sarete voi a farli!!!

Ebbene si. Ci sono un sacco di prodotti che ci sembrano più buoni se acquistati già pronti. Probabilmente per gli esaltatori di sapore che vengono utilizzati, ma questi panini, credetemi, non hanno nulla da invidiare a nessun altro panino per hamburger o burger buns. E’ vero che sono da fare, e ciò richiede tempo, ma se non vi interessasse non sareste qui a leggere 🙂
Partiamo da un’etichetta: in TV ci insegnano quanto sia importante saperla leggere (Avete presente la flemma di Beppe Bigazzi quando ci spiega con giri di parole che in pratica niente di quello che mangiamo va bene??), allora guardiamo insieme quella dei panini di una nota marca che ho acquistato:
(altro…)

Continuiamo con…. ONION RING!!!!

Come promesso, eccovi la ricetta degli onion ring.
A molti di voi probabilmente non piacciono le cipolle, ma questi vi consiglio di provarli.
La prima volta li mangia in un locale americano e poi in svariati altri posti, ma non erano mai buoni come i primi.
Adesso, avendo a disposizione la mia personale cucina in cui i fritti non sono banditi, ho deciso di provare a riprodurli.
Ad oggi li ho già fatti 3 volte, ma solo in quest’ultima sono venuti davvero buoni: la prima volta, la panatura era ottima ma si sentivano troppo le cipolle; la seconda, le cipolle erano perfette ma la panatura non mi soddisfava; la terza e ultima, quella che vi illustro, è perfetta sotto entrambi i punti di vista.
Le dosi sono in tazze perchè è una ricetta americana, ma se avete pazienza la prossima volta ve la converto in grammi. Se invece siete desiderosi di provare, prendete un misurino graduato per i liquidi: 200ml corrispondono a 1 tazza (cup).

(altro…)

Non troppo Fast Food: le patatine fritte

Non so il tempo di essere andata a mangiare in un fast food. Perchè? Forse perchè le patatine fritte hanno ben 17 ingredienti? Leggete qui.
Oppure perchè i suoi hamburger non si decompongono? Guardate questo video e sappiate che ne esistono di analoghi per le patatine.
Badate bene: questa non vuole essere un’arringa nei confronti dei fast food, fate ciò che volete, ma se ve li fate in casa guadagnate in salute e in gusto. Anche la vostra fatica verrà pienamente ricompensata.
In questo post parliamo delle patatine. (altro…)

Tips: Il cestello di bambù

Eccoci qui con il primo consiglio sulla gestione degli utensili in cucina. Di certo non sono onnisciente, ma quando  acquisto qualcosa di nuovo ed “esotico” mi documento sempre un po’ prima di rovinare succulente pietanze.
L’oggetto di oggi è il Cestello di Bambù per la cottura a vapore.
Beh cosa c’è da dire oltre che è bellissimo??

(altro…)

Focaccia di Recco

Eccoci qui… avete passato buone feste?
Vi siete abbuffati?
Beh in casa nostra è stata un’ottima giornata in compagnia di parenti e quadrupedi e da buon cibo. Ognuno ha preparato qualcosa, io le famose lasagne con i 3kg di sugo.
Ma, nonostante il gran pranzo di Natale, la vigilia ho preparato la Focaccia di Recco.
Mi piacerebbe pubblicarvi una foto, ma è finita prima ancora che potesse raffreddare!
E’ venuta davvero bene. Eccovi le istruzioni!

Ingredienti:
400g Farina Manitoba
250ml di Acqua
10g di sale
40ml di Olio

Per il ripieno:
400g di Crescenza o Stracchino
Olio qb
Sale qb

Nella planetaria con la frusta a K o a foglia che dir si voglia emulsionate acqua e olio e scioglietevi dentro il sale. Aggiungete poi la farina, un cucchiaio alla volta, e impastate per circa 5 minuti fino ad ottenere un impasto elastico e compatto. Avvolgete nella pellicola e lasciate riposare in un luogo fresco per almeno 2 ore.
Passato questo tempo, ungete una placca da forno, dividete l’impasto a metà e stendetelo fino ad ottenere uno spessore di 2mm. Aiutatevi anche con il peso dell’impasto, lasciandolo cadere più volte. Trasferitelo nella teglia, cospargetelo con la crescenza a pezzettoni quindi tirate anche l’altra metà dell’impasto e coprite.
Tagliate l’impasto in eccesso quindi, aiutandovi con le dita, pizzicate l’impasto per formare dei buchi. Questo servirà a non farlo gonfiare in cottura. Spennellate con olio e salate la superficie.
Cuocete 10-15minuti a 250°C finchè la superficie non sarà dorata.
Consumatela ancora calda.

Il piatto della domenica: Polenta

Oggi la polenta è considerata un piatto della festa, magari accompagnata da un ottimo spezzatino oppure con un gorgonzola buonissimo sciolto nel mezzo. Anni fa, nel nord Italia, era considerata il pane dei poveri.

Certo, per molti la polenta non è nulla di che. Per me è ottima. Certo non sto parlando di polenta precotta pronta in 15 minuti. La vera polenta, come mi ha insegnato mia nonna veneta, va cotta per quasi un’ora. Secondo sua mamma, quindi la nonna bis, andava continuamente mescolata, secondo noi invece va mescolata di tanto in tanto, in modo da dare il tempo alla farina di cuocere. Non lasciatevi ingannare se occorre un po’ di tempo a prepararla, ne vale davvero la pena.

Polenta

(altro…)

Torta di Carote

Ieri ero davvero sfinita per scrivere tutto ciò che era uscito dalla mia cucina!
Una torta salata ai porri, una torta dolce di carote e ben 3kg di ragù per le lasagne di Natale.
Sì, avete capito bene e non ho sbagliato a scrivere 3 CHILI!!!
Da dove iniziamo?
Direi dal dolce visto che per avere la ricetta del ragù della nonna dovrete passare sul mio cadavere 🙂
La ricetta della torta di carote è della mia mamma che quando si tratta di dolci….

(altro…)