Crea sito

Ricette Etniche

Come promesso: SALSE PER FALAFEL!

Eccoci qui. Oggi vediamo come ho fatto le due salse per falafel che vedete nella foto qui.

Ringraziamo intanto le Cookine di Cookaround per le ricette. OTTIME!
Ingredienti per SALSA THAINA:
100g Semi di Sesamo
50g Olio di Semi di Girasole
1 pizzico di Sale
Questa salsa, tipicamente orientale, utilizzata anche nella preparazione dell’HUMUS, ha un gusto particolare.
Per ottenerla, tostate i semi di sesamo in una padella anti aderente finchè cominceranno a scoppiettare.
A questo punto trasferiteli immediatamente in un piatto in modo che non si brucino.
Quando saranno intiepiditi, metteteli nel bicchiere del frullatore a immersione, unite l’olio, un pizzico di sale e frullate fino ad ottenere una crema densa e piuttosto liscia.
Ecco a voi la salsa pronta.
Ingredienti per la SALSA PHIL-THAIN:
2 cucchiai di Thaina (vedi ricetta sopra)
2 cucchiai di Philadelphia
1 cucchiaio di Succo di Limone
Prezzemolo tritato
Sale
Acqua qb
Mescolate tutti gli ingredienti aggiungendo l’acqua un cucchiaio alla volta fino ad ottenere una salsa liscia e morbida.
Ringrazio per la ricetta che ho preso QUI.
Ingredienti per la SALSA ALLO YOGURT:
1 vasetto di Yogurt Bianco
Olio evo
Sale
1 cucchiaio di Garam Masala
1 cucchiaio di Prezzemolo tritato
Mischiate tutti gli ingredienti e la vostra salsa è pronta!
Sono tutte ricette velocissime che potete servire accompagnate anche a verdure crude o per condire l’insalata. Ovviamente potete modificarle secondo i vostri gusti, questi sono solo suggerimenti!
Dai Golosi è tutto! A presto!

Serata Mediorientale e Vegetariana! FALAFEL & PITA

Ieri sera ho preparato i Falafel con tanto di pane pita e due salsine.
Volete sapere come? Subito dopo la pubblicità!!! 🙂

Ingredienti per i FALAFEL:

250g Ceci secchi
2 spicchi d’Aglio
1 Scalogno
1 cucchiaio colmo di Prezzemolo tritato
1 cucchiaino di Cumino
1/2 cucchiaino di Semi di Coriandolo
1/2 cucchiaino di Bicarbonato
Sale
Olio per friggere

Io ho lasciato in ammollo i ceci secchi per 2 giorni con un cucchiaino di bicarbonato e cambiando l’acqua dopo le prime 12 ore. Molte ricette dicono che bastano 24 ore di ammollo ma non mi sono fidata.
Una cosa importante: per nessun motivo usate i ceci già cotti o quando li metterete nell’olio bollente si sfalderanno.
Detto ciò, frullate i ceci. Non so bene che consistenza debbano avere, i miei erano grumosi, un po’ troppo per i miei gusti, ma quello era il massimo che il mio mixer potesse fare.
In una ciotola mischiate i ceci frullati, l’aglio schiacciato, lo scalogno tritato fine e tutti gli altri ingredienti.
I semi di coriandolo e il cumino io li ho tostati per pochi minuti in un padellino e pestati poi con il mortaio.
Questa operazione serve per esaltarne al meglio i sapori.
Mescolate bene tutto con le mani come quando fate le polpette e ricavate delle palline grandi più o meno come una da golf. Regolatevi perchè poi andranno cotti completamente immersi nell’olio. Come vedete dalle immagini, io le ho fatte leggermente schiacciate e poi si sono leggermente gonfiate in cottura grazie al bicarbonato nell’impasto.
Se avete tempo lasciate riposare una mezz’ora le polpette in frigo per poi friggerle 3/4 minuti in olio a 180°C.
Scolatele su carta assorbente e servite.

Ingredienti per 4 PANI PITA:
250g di Farina 0
150g di Acqua Calda
10g di Lievito fresco
1 cucchiaino di Sale

Per la prima volta ho deciso di non sbattere tutto in planetaria ma di seguire passo a passo la ricette delle Sorelle Simili. Il procedimento è un po’ lunghino ma vi aiuterà a scaricare moooolto stress.
In una ciotola sciogliete il lievito in metà dell’acqua, quindi battendo contro il bordo della ciotola aggiungere un terzo della farina. Unire il sale ed infine la restante acqua alternandola con la farina.
Adesso viene il bello. Mescolate bene tutti gli ingredienti poi sbattete ripetutamente l’impasto sul tavolo per una decina di minuti. Io mi sono limitata a 5, sembrava di essere in macelleria dal rumore…
Fatto ciò, dividete l’impasto in 4 parti uguali, stendetelo di uno spessore leggermente inferiore al centimetro e ponete a lievitare coperto per 30  minuti.
L’impasto sarà leggermente umido quindi se mentre lo stendete notate che si attacca al piano, stendetelo su un canovaccio. Non l’avrei mai detto, ma mi è stato davvero di grande aiuto.
Accendete il forno a 250°C lasciando dentro la leccarda sulla quale andrete a disporre i panini, in modo che sia rovente. Quando il forno sarà caldo infornateli per circa 10 minuti.

A me si sono seccati un po’ troppo, quindi la prossima volta farò un paio di minuti in meno.
Una volta pronti, trasferiteli in un sacchetto di carta che a sua volta metterete in uno di plastica. Lasciate così per mezz’ora. Questa operazione serve a dare al pane la caratteristica consistenza.

In realtà la ricetta aveva le dosi doppie, volendo potete raddoppiarle anche voi e congelare i vostri panini una volta cotti.

Alle salsine dedicherò il prossimo post!

Dai golosi BUON APPETITO!