Crea sito

Piatti Unici

Piadina Avocado e Ceci

Piadina Avocado e Ceci

Con questa Piadina Avocado e Ceci ci allontaniamo, ma solo per un’attimo, dalla linea Piadine Gourmet (qui potete trovare la prima dedicata alla Puglia) per andare in giro per il mondo con sapori e profumi unici. Non posso dirvi con precisione la provenienza di questa piadina: avocado, ceci speziati, cavolfiore e yogurt bianco vi faranno fare il giro del mondo!

L’Avocado è un frutto originario del sud America dalle molteplici proprietà: è ricco di grassi”buoni” che aiutano a tenere a bada il colesterolo, di vitamine e di potassio;aiuta a contrastare l’invecchiamento cellulare, per questo è largamente impiegato nella realizzazione di cosmetici ed è molto versatile in cucina data la sua polpa cremosa. Lo troviamo come sostituto del burro in alcune preparazioni oppure come ingrediente principale di alcune salse, vedi la Guacamole. Ciò che bisogna tenere in considerazione però, è che è molto calorico (apporta 230 kcal per 100 g di prodotto) e non è quindi adatto, in grandi quantità, nelle diete.

Dovete assolutamente provarlo in questa ricetta, è squisito e non lasciatevi insospettire dagli ingredienti!

Piadina Avocado e Ceci

Piadina Avocado e Ceci

(altro…)

Gnocchi di Polenta Radicchio e Zola

Gnocchi di Polenta Radicchio e Zola

Io adoro gli gnocchi, ma anche se molti li considerano una banalità, la loro preparazione non è affatto immediata: occorre avere a disposizione la giusta tipologia di patate e poi seguire una serie di passaggi in modo da ottenere la giusta consistenza. Non è raro infatti ottenere dei graziosi sassolini da usare in giardino come decorazione!

Gli gnocchi di polenta radicchio e zola sono la soluzione a tutti i problemi: niente patate, poca farina e una preparazione veloce e senza tranelli. Sono davvero ottimi e fanno subito festa. Portateli in tavola con il sugo che preferite, ma la loro morte è con il gorgonzola e qualche noce spezzettata sopra. Provateli e poi ditemi se non ho ragione!

gnocchi di polenta radicchio e zola

Gnocchi di Polenta Radicchio e Zola (altro…)

Curry di Cavolfiore

Curry di Cavolfiore

Oramai questo piatto mi esce davvero dalle orecchie. Con mezzo cavolfiore ho mangiato 3 giorni di seguito.
Per la carità, era buono, ma l’idea di dover cucinare anche l’altra metà e averne ancora per tre giorni mi affligge.

Desidero condividere con voi la ricetta di questo curry di cavolfiore però, soprattutto perchè vi salva il pasto: da solo, con un semplice pure di patate o con un riso basmati bianco è davvero un ottimo piatto unico.

Curry di Cavolfiore

Curry di Cavolfiore
(altro…)

Polenta e Fagioli

Polenta e Fagioli

Non so da voi, ma oggi qui c’è una temperatura autunnale e ne ho approfittato per fare polenta e fagioli. La ricetta della polenta è più o meno sempre la stessa ma io uso quella della mia nonna, con tanto di trucchi e segreti.
Ci vuole tempo, pazienza e un braccio da muratore, ma il risultato paga.
L’ho accompagnata ai fagioli al pomodoro che io adoro et voilà! La cena è servita!
Il lato positivo della ricetta è che se avete tempo potete preparare fagioli e polenta con i sacri crismi, se avete fretta esiste la polenta istantanea (che io non sopporto) e i fagioli in scatola.

polenta e fagioli

Polenta e Fagioli

(altro…)

Pisarei e Faso Ricetta Vegan

Pisarei e Faso

La ricetta che vi propongo oggi è un classico della tradizione piacentina che ha recentemente fregiatosi del marchio De.Co. (Denominazione Comunale).
Pisarei e faso sono un piatto povero della tradizione, realizzati con farina e pangrattato e conditi con un sugo di fagioli al pomodoro.
Ne esistono numerose varianti, più o meno ricche: la più antica, servita nei monasteri per rifocillare i pellegrini, non prevedeva pomodoro e fagioli borlotti, arrivati solo dopo la scoperta dell’America.
La mia versione, nel rispetto della tradizione povera, non ha molti ingredienti, ma risulta essere molto gustosa. Certo ci vuole il suo tempo per prepararla, ma ne vale la pena.

Pisarei e Faso

Pisarei e Faso

(altro…)

Dahl Speziato di Lenticchie

Ancora una volta la mia foto vi deluderà. Imparerò, spero presto, a scattare foto che valorizzino le mie ricette che nella realtà sono buone.
Sono del parere che la presentazione non è tutto, ma un po’ conta quindi…
La ricetta di oggi arriva direttamente dall’India, è un piatto povero, solitamente servito con del riso bianco, e preparato con le lenticchie rosse. Ne esistono numerose varianti dovute principalmente al fatto che in India ci sono più di 60 varietà di lenticchie e ogni ricetta si differenzia anche in base alle spezie utilizzate.
Di questo piatto si potrebbe dire molto, ma so che a voi interessa la ricetta quindi andiamo al dunque.

(altro…)

Veg Chili di Fagioli Rossi Tex Mex

Eccoci qui con la mia prima ricetta completamente Vegana. Beh devo ritenermi soddisfatta e la consiglio a tutti coloro che sono diffidenti nei confronti di questa cucina che, oltre a essere sana, è Cruelty Free.

Il Chili tradizionale lo conoscono tutti. Io ho voluto rivisitarlo tenendo gli ingredienti tradizionali (eccetto la carne ovviamente) e riproporlo in forma di polpettina.

(altro…)

Sformatone Broccoli Patate e Le Gruyère DOP

Non avevo mai assaggiato questo formaggio svizzero e grazie al concorso “NoiCHEESEamo” ne ho avuta la possibilità.
Che dire se non WoW!!! E’ davvero squisito, il suo sapore deciso ma non impegnativo lo rende ideale per numerose preparazioni.
Alla vista si presenta compatto, con una crosta sottile e dal colore paglierino.
Il profumo richiama i pascoli della verde Svizzera e gli chalet di montagna con il camino acceso.
Che dire invece del suo “fratellino minore” l’Emmentaler DOP?
Beh è il classico formaggio con i buchi, me lo prendeva sempre la nonna sapendo di farmi cosa gradita e poi, ironicamente, mi chiedeva “Quanti buchi vuoi??”.
Il suo gusto dolce lo rende ideale accanto a sapori forti. Personalmente lo prediligo nelle insalate di riso, nei toast e, perchè no, con una bella polenta.

Dopo questa piccola descrizione, passiamo alla prima delle due ricette: uno sformatone!
Generalmente sto sempre indietro con le dosi, ma sta volta ho davvero abbondato!!!

(altro…)

Serata Mediorientale e Vegetariana! FALAFEL & PITA

Ieri sera ho preparato i Falafel con tanto di pane pita e due salsine.
Volete sapere come? Subito dopo la pubblicità!!! 🙂

Ingredienti per i FALAFEL:

250g Ceci secchi
2 spicchi d’Aglio
1 Scalogno
1 cucchiaio colmo di Prezzemolo tritato
1 cucchiaino di Cumino
1/2 cucchiaino di Semi di Coriandolo
1/2 cucchiaino di Bicarbonato
Sale
Olio per friggere

Io ho lasciato in ammollo i ceci secchi per 2 giorni con un cucchiaino di bicarbonato e cambiando l’acqua dopo le prime 12 ore. Molte ricette dicono che bastano 24 ore di ammollo ma non mi sono fidata.
Una cosa importante: per nessun motivo usate i ceci già cotti o quando li metterete nell’olio bollente si sfalderanno.
Detto ciò, frullate i ceci. Non so bene che consistenza debbano avere, i miei erano grumosi, un po’ troppo per i miei gusti, ma quello era il massimo che il mio mixer potesse fare.
In una ciotola mischiate i ceci frullati, l’aglio schiacciato, lo scalogno tritato fine e tutti gli altri ingredienti.
I semi di coriandolo e il cumino io li ho tostati per pochi minuti in un padellino e pestati poi con il mortaio.
Questa operazione serve per esaltarne al meglio i sapori.
Mescolate bene tutto con le mani come quando fate le polpette e ricavate delle palline grandi più o meno come una da golf. Regolatevi perchè poi andranno cotti completamente immersi nell’olio. Come vedete dalle immagini, io le ho fatte leggermente schiacciate e poi si sono leggermente gonfiate in cottura grazie al bicarbonato nell’impasto.
Se avete tempo lasciate riposare una mezz’ora le polpette in frigo per poi friggerle 3/4 minuti in olio a 180°C.
Scolatele su carta assorbente e servite.

Ingredienti per 4 PANI PITA:
250g di Farina 0
150g di Acqua Calda
10g di Lievito fresco
1 cucchiaino di Sale

Per la prima volta ho deciso di non sbattere tutto in planetaria ma di seguire passo a passo la ricette delle Sorelle Simili. Il procedimento è un po’ lunghino ma vi aiuterà a scaricare moooolto stress.
In una ciotola sciogliete il lievito in metà dell’acqua, quindi battendo contro il bordo della ciotola aggiungere un terzo della farina. Unire il sale ed infine la restante acqua alternandola con la farina.
Adesso viene il bello. Mescolate bene tutti gli ingredienti poi sbattete ripetutamente l’impasto sul tavolo per una decina di minuti. Io mi sono limitata a 5, sembrava di essere in macelleria dal rumore…
Fatto ciò, dividete l’impasto in 4 parti uguali, stendetelo di uno spessore leggermente inferiore al centimetro e ponete a lievitare coperto per 30  minuti.
L’impasto sarà leggermente umido quindi se mentre lo stendete notate che si attacca al piano, stendetelo su un canovaccio. Non l’avrei mai detto, ma mi è stato davvero di grande aiuto.
Accendete il forno a 250°C lasciando dentro la leccarda sulla quale andrete a disporre i panini, in modo che sia rovente. Quando il forno sarà caldo infornateli per circa 10 minuti.

A me si sono seccati un po’ troppo, quindi la prossima volta farò un paio di minuti in meno.
Una volta pronti, trasferiteli in un sacchetto di carta che a sua volta metterete in uno di plastica. Lasciate così per mezz’ora. Questa operazione serve a dare al pane la caratteristica consistenza.

In realtà la ricetta aveva le dosi doppie, volendo potete raddoppiarle anche voi e congelare i vostri panini una volta cotti.

Alle salsine dedicherò il prossimo post!

Dai golosi BUON APPETITO!