Crea sito

Antipasti e Sfiziosità

Crocchette di melanzane con Cuore Filante

Nel mio frigorifero giravano da ormai troppo tempo delle melanzane grigliate e non avevo molta voglia di mangiarle così, in purezza. Allora ho cominciato a spulciare la rete in cerca di una ricetta un po’ sfiziosa che mi permettesse di riciclarle. Come ovvio, non ho trovato nulla che mi soddisfacesse così ho preso un po’ di una e un po’ dell’altra ed ecco cosa è saltato fuori.

(altro…)

Pizzocrette ovvero pizzocheri in un morso!

Pizzocrette… cos’erano costoro??
Beh, una ricetta del riciclo la definirei… Avete presente i pizzocheri nel raviolo dell’altro post?
Era avanzato il ripieno ed essendo ricco di formaggio mi spiaceva un sacco buttarlo via allora ho fatto delle crocchette tipo quelle che vende il pollivendolo al mercato.
Anche in questo caso devo proprio dire che mi sono superata. Erano davvero ottime e filanti. Per intenderci: sono durate giusto il tempo di fare la foto!!!

(altro…)

Una Carota solitaria diventa… INSALATA RUSSA!

Non so quanto tempo mi è rimasta in frigo quella carota solitaria. Non sapevo come usarla dopo che mi è avanzata dall’ultimo soffritto fatto e così ho deciso di cimentarmi di nuovo nella preparazione della maionese.
Diciamo che non è esattamente il mio forte. Nelle puntate precedenti (non ancora documentate in questo blog) mi è riuscita una sola volta, quindi con questa diciamo che siamo a quota due!
Penso di aver trovato la ricetta giusta e ancora una volta a salvarmi è stato giallo zafferano!
Vediamola insieme.

(altro…)

Spighette di Grano Saraceno e Timo di Sara Papa

Finalmente sono riuscita a realizzare una ricetta del libro di Sara Papa “Pane, Dolci e Fantasia”!!! E’ stato un vero calvario se considerate che il libro mi è stato regalato 2 Natali fa! Prima ho cercato le farine Petra, acquistate a Golosaria a prezzo d’oro, poi ho cercato il Germe di Grano (trovato in un supermercato di prodotti bio) e infine, questa mattina, tutta contenta, comincio a pesare gli ingredienti e cosa scopro??? Non ha messo le dosi di acqua.

Siccome è la seconda volta che faccio il pane nel forno e la prima volta non è andata un granchè, ho cominciato una ricerca disperata nel web finchè ho trovato un povero tapino che ha fatto la ricetta e ha scritto quanta acqua ha usato.
Il risultato lo lascio giudicare, almeno visivamente, a voi.

(altro…)

I migliori BURGER BUNS sarete voi a farli!!!

Ebbene si. Ci sono un sacco di prodotti che ci sembrano più buoni se acquistati già pronti. Probabilmente per gli esaltatori di sapore che vengono utilizzati, ma questi panini, credetemi, non hanno nulla da invidiare a nessun altro panino per hamburger o burger buns. E’ vero che sono da fare, e ciò richiede tempo, ma se non vi interessasse non sareste qui a leggere 🙂
Partiamo da un’etichetta: in TV ci insegnano quanto sia importante saperla leggere (Avete presente la flemma di Beppe Bigazzi quando ci spiega con giri di parole che in pratica niente di quello che mangiamo va bene??), allora guardiamo insieme quella dei panini di una nota marca che ho acquistato:
(altro…)

Continuiamo con…. ONION RING!!!!

Come promesso, eccovi la ricetta degli onion ring.
A molti di voi probabilmente non piacciono le cipolle, ma questi vi consiglio di provarli.
La prima volta li mangia in un locale americano e poi in svariati altri posti, ma non erano mai buoni come i primi.
Adesso, avendo a disposizione la mia personale cucina in cui i fritti non sono banditi, ho deciso di provare a riprodurli.
Ad oggi li ho già fatti 3 volte, ma solo in quest’ultima sono venuti davvero buoni: la prima volta, la panatura era ottima ma si sentivano troppo le cipolle; la seconda, le cipolle erano perfette ma la panatura non mi soddisfava; la terza e ultima, quella che vi illustro, è perfetta sotto entrambi i punti di vista.
Le dosi sono in tazze perchè è una ricetta americana, ma se avete pazienza la prossima volta ve la converto in grammi. Se invece siete desiderosi di provare, prendete un misurino graduato per i liquidi: 200ml corrispondono a 1 tazza (cup).

(altro…)

Focaccia di Recco

Eccoci qui… avete passato buone feste?
Vi siete abbuffati?
Beh in casa nostra è stata un’ottima giornata in compagnia di parenti e quadrupedi e da buon cibo. Ognuno ha preparato qualcosa, io le famose lasagne con i 3kg di sugo.
Ma, nonostante il gran pranzo di Natale, la vigilia ho preparato la Focaccia di Recco.
Mi piacerebbe pubblicarvi una foto, ma è finita prima ancora che potesse raffreddare!
E’ venuta davvero bene. Eccovi le istruzioni!

Ingredienti:
400g Farina Manitoba
250ml di Acqua
10g di sale
40ml di Olio

Per il ripieno:
400g di Crescenza o Stracchino
Olio qb
Sale qb

Nella planetaria con la frusta a K o a foglia che dir si voglia emulsionate acqua e olio e scioglietevi dentro il sale. Aggiungete poi la farina, un cucchiaio alla volta, e impastate per circa 5 minuti fino ad ottenere un impasto elastico e compatto. Avvolgete nella pellicola e lasciate riposare in un luogo fresco per almeno 2 ore.
Passato questo tempo, ungete una placca da forno, dividete l’impasto a metà e stendetelo fino ad ottenere uno spessore di 2mm. Aiutatevi anche con il peso dell’impasto, lasciandolo cadere più volte. Trasferitelo nella teglia, cospargetelo con la crescenza a pezzettoni quindi tirate anche l’altra metà dell’impasto e coprite.
Tagliate l’impasto in eccesso quindi, aiutandovi con le dita, pizzicate l’impasto per formare dei buchi. Questo servirà a non farlo gonfiare in cottura. Spennellate con olio e salate la superficie.
Cuocete 10-15minuti a 250°C finchè la superficie non sarà dorata.
Consumatela ancora calda.