Gli italiani e la Bresaola


Gli italiani e la bresaola - presentazione
Continua la partecipazione dei GialloBlog agli incontri che illustrano ricerche svolte sulle abitudini alimentari della popolazione italiana.

Mercoledì 22 giugno è toccato alla Bresaola della Valtellina essere posta sotto la lente di un’interessante ricerca Doxa ‘Gli italiani e la Bresaola della Valtellina IGP. Quanti la mangiano, quanto la conoscono‘.

All’incontro, che ha avuto luogo nella bellissima cornice del Four Season Hotel di Milano, hanno partecipato Simona Novarini di La cucina di Lice, Arianna Rallo di Sapore di Arianna, Pamela Mussio di Le ricette di Ciccia Bacilla e Gilda Belloni di Una mamma in cucina.

Gli italiani e la Bresaola - Le GialloBlogger
Le GialloBlogger presenti all’evento

Perché delle GialloBlogger dovrebbero partecipare ad eventi di questo tipo? Bé, i motivi sono due, e molto importanti.

In primo luogo per la possibilità di conoscere a fondo un prodotto che fa parte della tradizione culinaria italiana.

All’incontro hanno infatti preso parte rappresentanti del Consorzio di tutela della Bresaola della Valtellina, che hanno illustrato nel dettaglio tutti i passaggi per la realizzazione di questo pregiato insaccato.

In particolar modo sono stati affrontati i temi relativi alle proprietà nutritive dell’alimento, come anche del processo di produzione della Bresaola, a partire dalla provenienza delle carni impiegate.

Ma questo non è tutto: l’incontro è stato di grande interesse per le GialloBlogger partecipanti per conoscere in esclusiva anche le preferenze alimentari di un campione significativo della popolazione italiana, la stessa che rientra nel pubblico online che

Gli italiani e la Bresaola - Presentazione ricerca Doxa
Presentazione dei dati della ricerca Doxa

quotidianamente si affida anche ai GialloBlog per avere idee e spunti per i propri pasti.

Insomma, due piccioni con una fava.

Ah, non vi abbiamo detto della ciliegina sulla torta: alle partecipanti è stato offerto un ricco buffet a base di Bresaola della Valtellina che ha permesso loro di assaggiare piatti nuovi che la impiegano in modo particolare e lontano dal tradizionale condimento olio, limone, rucola e Grana.

Insomma, la giornata si è rivelata ricca di spunti interessanti, e le quattro GialloBlogger ne hanno fatto tesoro.

“L’evento è stato interessante e dinamico, con la partecipazione di diverse figure rappresentative del mondo della Bresaola IGP come il Presidente del consorzio, i produttori, un nutrizionista e il rappresentante della società di ricerca” racconta Gilda Belloni.

“Ci hanno dato informazioni ben dettagliate su tutto ciò che gravita intorno a questo buonissimo prodotto: l’origine della carne, la lavorazione, le preferenze dei consumatori e il modo migliore per gustarla. La cosa interessante che ho appreso è che il modo migliore per assaporare a fondo la sua

Il lunch
Il lunch

bontà è quello di mangiarla in purezza.

Al termine dell’incontro è stato chiesto a tutti i partecipanti di provare ad ideare delle ricette alternative a quelle tradizionali. Io sono stata pronta ad accettare la sfida, e infatti ho creato la mia personale interpretazione della Bresaola, una millefoglie di carne“.

“I dati DOXA che ci hanno mostrato dicono che i consumi di bresaola negli ultimi 15 anni sono aumentati del 35%, soprattutto grazie alla carne magra che caratterizza il prodotto” spiega Arianna Rallo. “E infatti la Bresaola viene usata molto nelle diete e dagli sportivi.

Purtroppo però dagli studi si nota che molte persone non sanno impiegarla al di fuori delle classiche ricette o semplicemente affettata, senza nulla. Per questo è stato interessantissimo il lunch a cui abbiamo preso parte dopo l’incontro: bellissimi piatti, ottimi sapori e accostamenti insoliti con protagonista la Bresaola.

Tutto questo ha favorito la mia voglia di osare con questo ingrediente, e infatti ho ideato la mia personale ricetta, dei Crostini con Bresaola, ricotta, fichi e miele. Come ogni esperienza anche questo incontro quindi mi ha aiutato a conoscere e crescere”.

“L’evento è stato bellissimo, molto chic” racconta entusiasta Simona Novarini. “E poi la Bresaola mi è sempre piaciuta molto, quindi è stato bello conoscere nel dettaglio come viene prodotta. Mi ha stupito sapere che nonostante la crisi il prodotto ha continuato ad essere richiesto, e che anzi la quantità di Bresaola venduta in tutto il mondo sia in crescita!

Gli italiani e la Bresaola - Menu lunch
Il menù del lunch

L’attenzione è stata posta sul fatto che ancora oggi i consumatori non sanno bene come consumarla, e per questo il Consorzio di Tutela sta cercando di diffondere nuove idee di piatti con questo insaccato come protagonista. Le proposte del lunch a cui abbiamo preso parte sono state strepitose, a riprova del fatto che ci sono soluzioni alternative ai soliti modi di mangiarla. Io sono stata ispirata a creare un piatto nuovo, Teste di porcini avvolte da Bresaola!”.

“I dati della ricerca Doxa sono stati molto interessanti” dice Pamela Mussio. “Abbiamo potuto conoscere meglio chi la produce e chi la consuma. E abbiamo scoperto anche il rapporto che i consumatori hanno nei suoi confronti: non quello che si ha con un prodotto di moda, ma quello che si crea con un prodotto della tradizione riconosciuto come sano.

Altra cosa importante che ci è stata spiegata è il suo impiego per esaltarne al meglio il sapore: non come si potrebbe pensare condita con olio e limone ma al naturale o abbinata a sapori che non coprano ma che si adattino. Ecco perché al lunch a cui abbiamo preso parte abbiamo assaporato una miriade di piatti diversi tutti a base di bresaola: dall’antipasto passando per primi e secondi le proposte sono state tante e tutte ottime. Dall’aperitivo al risotto passando per crespelle, involtini con formaggio fresco al Bitto, e naturalmente sempre con la possibilità di degustare la bresaola in purezza su una fetta di pane, il tutto annaffiato da un vino a scelta delle migliori cantine lombarde.

Per quel che mi riguarda, un’altra esperienza vissuta appieno in compagnia di colleghe GialloBlogger da cui ho imparato molto. La ricetta che l’incontro mi ha ispirato è stata una proposta per l’aperitivo, una Focaccina alle zucchine con Bresaola”.

Volete conoscere di più sulla Bresaola della Valtellina? Visitate il sito web del Consorzio di Tutela o la sua Pagina Facebook.

—–

Si ringraziano le GialloBlogger partecipanti per le foto dell’evento presenti nel post.
Scrivo per raccontare storie di persone piene di passione e progetti che hanno un’anima. Con il GialloBlog Magazine accompagno chi legge in un viaggio alla scoperta del mondo unico dei GialloBlogger.
Precedente GialloBlogger crescono al quarto Open Day GialloZafferano Successivo Graziella Chiapparo, la GialloBlogger che studia i GialloBlog

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.