‘Il metodo 4C – Cosa Compro Cosa Cucino’ di Luisa Orizio

Un po’ di amiche, il ricettario del nonno e un blog: ecco come nasce ‘Il metodo 4C – Cosa Compro Cosa Cucino’ di Luisa Orizio, blogger di Giallo Zafferano

Luisa Orizio
Luisa Orizio

 

Le vie dei blog di Giallo Zafferano sono infinite. E Luisa Orizio, Giallo Blogger di Allacciate il grembiule! lo sa bene. È infatti stato pubblicato il 18 febbraio ‘Il metodo 4 C – Cosa Compro Cosa Cucino’ (Edizioni Ultra, collana Food District), il suo primo libro di ricette.

Abbiamo deciso di intervistarla per farci raccontare come sia riuscita a far diventare delle ricette ideate per il web un ricettario cartaceo che spicca ora sugli scaffali di tutte le librerie italiane e che sta riscuotendo successo.

Ne è uscita una storia fatta di amiche, ricette del nonno, e un blog e un libro nati quasi per gioco.

Quando è iniziata la tua strada come blogger?

Direi 2 anni fa, con l’apertura di Allacciate il grembiule! dietro la spinta dalle mie amiche che volevano sempre le mie ricette. La cosa buffa è che, come dico anche nel mio blog, non so cucinare…eppure tutti vengono a cena da me! Questo perché ho iniziato ad interessarmi alla cucina solo quando mi sono ritrovata a metter su famiglia e quindi a dover gestire la spesa della settimana e i pasti da cucinare, prima per me e mio marito Simone, e poi anche per la mia bambina. Per evitare di impazzire ho dovuto rimboccarmi le maniche, imparare a organizzarmi e ovviamente a cucinare. Così mi sono ritrovata a mettere in pratica ricette e a proporle alla mia famiglia e, di tanto in tanto, anche alle mie amiche. E nonostante fossero preparazioni poco elaborate, alla fine tutti hanno sempre apprezzato molto, e mi hanno spinto ad aprire un blog, che è nato ufficialmente il 27 marzo 2014.

Quanto il blog ha influenzato da allora la tua vita?

Allacciate il grembiule! ha rivoluzionato tutto. Da quando l’ho aperto e ho iniziato a postare ricette è iniziata un’avventura bellissima, che mi ha portato a farne un impegno a tempo pieno. La mia vita è cambiata in meglio, sono diventata più autonoma, ho potuto creare un lavoro da quella che era diventata una vera passione e sono entrata a far parte della grossa community dei blog di Giallo Zafferano. E poi da tutto questo sono nate, oltre al libro, anche altre iniziative. L’anno scorso ad esempio ho tenuto dei corsi di cucina per bambini.

Chi ispira le tue ricette? Che tipo di cucina preferisci?

Le mie ricette vengono da varie fonti, soprattutto dalla cucina delle donne della mia famiglia, ma la più importante di tutte è il ricettario di mio nonno Mimmi. La mia è quindi una cucina ‘da mamma’, adatta per la vita di una famiglia che, si sa, è spesso molto impegnativa. Preferisco quindi ricette che non richiedano troppo tempo, ma che siano buone.

La copertina di 'Il metodo 4 C - Cosa Compro Cosa Cucino' di Luisa Orizio
La copertina di ‘Il metodo 4 C – Cosa Compro Cosa Cucino’ di Luisa Orizio

Come hai fatto a trasformare il tuo blog in un libro?

Anche qui c’entrano le mie amiche. Visto che continuavano a  chiedermi le ricette che proponevo quando erano mie ospiti a cena, per Natale avevo creato per loro come regalo un piccolo ricettario cartaceo. Ne sono state felicissime, e mi hanno suggerito di provare a ricavare da quel libricino un ebook da proporre in vendita su Amazon. Ho seguito il loro consiglio e dopo poco ho pubblicato il mio primo ricettario online. Il titolo è, ovviamente, ‘Non so cucinare…eppure vengono tutti  a cena da me!’. Al suo interno sono presenti 39 ricette ‘salvatempo’, rivolte a chi si ritrova a dover preparare un pasto veloce ma non vuole rinunciare alla bontà. Pensavo che la cosa sarebbe finita lì, e invece dopo circa 3 mesi una casa editrice, Ultra, mi ha contattata, proponendomi di creare un ricettario cartaceo per la loro collana Food District. Ecco come è nato ‘Il metodo 4 C – Cosa Compro Cosa Cucino’!

Cosa si trova al suo interno?

Volevo che il libro fosse uno strumento di aiuto per coloro che sono nella stessa situazione in cui mi trovavo io i primi tempi in cui cucinavo per la mia famiglia. Ho quindi deciso di prendere spunto da una delle sezioni del mio blog in cui non solo propongo delle ricette ma anche una lista della spesa settimanale con cui realizzarle. Così ho ideato quattro menù settimanali corredati dagli ingredienti da acquistare ogni 7 giorni per la loro realizzazione. Sono in totale 90 ricette, per metà provenienti dal mio blog e per metà inedite, scritte appositamente per il libro.

Cosa provi a vedere il tuo nome sulla copertina di un libro?

È una bellissima emozione! Quando sono stata contattata dalla casa editrice nemmeno ci credevo che qualcuno volesse pubblicare un libro con le mie ricette, pensavo fosse uno scherzo…e invece il libro è stato fatto, eccome! Ed è stato addirittura recensito dalla rubrica di cucina di Rai 2 Eat Parade. Per tutto questo devo ringraziare molte persone. La mia famiglia prima di tutto. Il 18 febbraio all’apertura delle librerie mia madre è andata di corsa in quella più vicina a lei e poco dopo mi ha chiamato commossa, felicissima e con il mio libro acquistato in mano. E che dire delle mie amiche, che si sono fatte addirittura dei selfie in libreria davanti agli scaffali dove era esposto il libro? A loro vanno i miei ringraziamenti più grandi, visto quello che mi hanno portato a creare. E poi un altro grandissimo ringraziamento va alle ragazze del team dei blog di Giallo Zafferano, Martina Spinaci, Antonella Cardonna e Ilaria Frega, che in questi anni mi hanno sempre supportato nella gestione del mio blog: è anche grazie a loro che è nato un lavoro così bello.

Ricordiamo che ‘Il metodo 4 C – Cosa Compro Cosa Cucino’ (Ultra Edizioni, collana Food District) è già acquistabile in libreria o online su Amazon (QUI il link). Per seguire Luisa e le sue ricette visitate il suo blog Allacciate il grembiule! e seguite la sua pagina Facebook.

 

 

 

Scrivo per raccontare storie di persone piene di passione e progetti che hanno un’anima. Con il GialloBlog Magazine accompagno chi legge in un viaggio alla scoperta del mondo unico dei GialloBlogger.
Precedente #previenimangiando: la miglior medicina è il mangiar sano, parola di LILT (e di blogger!) Successivo Enrica Gouthier, Il sole in cucina...e in radio!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.