Crea sito

Tsoureki

DSC_0498

Cari lettori,

ultimamente mi sto cimentando in nuovi lievitati dalle forme e gusti particolari: oggi ho preparato lo tsoureki, lo conoscete? Si tratta di un pane dolce tipico della Grecia, tradizionalmente preparato in primavera in prossimità della Pasqua, ma io ho voluto provarlo subito, non potevo attendere ancora dei mesi! Mi affascina la sua forma a treccia a quattro capi e il suo aspetto liscio e lucido. Il suo sapore è aromatico grazie alla presenza di alcune spezie nell’impasto tra cui il pimento e il cardamomo. Si impasta facilmente anche a mano e la sua lavorazione non è particolarmente complicata, se seguite il passo passo fotografico!

DSC_0470



INGREDIENTI PER UNO TSOUREKI PICCOLO

240 g di farina 0

40 g di lievito di birra fresco o 20 g di quello essiccato

50 ml di acqua calda

30 g di burro con un pizzico di sale o burro salato

80 g di zucchero semolato

Scorza grattugiata di mezza arancia

4 g di mahlepi/mahleb (noccioli di ciliegie macinati) oppure di pimento in polvere

4 g di cardamomo in polvere

1 uovo medio

Per la superficie: un tuorlo per spennellare

DSC_0485


PROCEDIMENTO

Pesare 40 g di farina dal totale e disporla in una ciotola. Sciogliere il lievito in acqua calda e aggiungerlo alla farina. Mischiare con un cucchiaio ottenendo una pastella (prefermento). Coprire la ciotola con della pellicola e lasciare fermentare per 30 minuti, fino al raddoppio.

Impasto treccia greca (2)

Nel frattempo sciogliere il burro in un pentolino, unire lo zucchero e mescolare a fiamma bassa. Togliere dal fuoco e aggiungere scorza d’arancia grattugiata e spezie. Lasciar raffreddare, quindi aggiungere l’uovo al composto e amalgamare bene.

Trascorsi i 30 minuti, unire al prefermento i restanti 200 g di farina e lasciar riposare per circa 10 minuti. Poi, impastare tirando la pasta verso il centro della palla, per 8 volte nell’arco di una decina di secondi.  Riposare l’impasto coperto per circa 10 minuti. Ripetere le pieghe dell’impasto e relativo riposo di 10 minuti per altre due volte consecutive, quindi lasciar lievitare l’impasto coperto per un’ora.

Impasto treccia greca (3) Impasto treccia greca (4) Impasto treccia greca (5)

Quando sarà raddoppiato, sgonfiarlo e dividerlo in quattro parti uguali e arrotolarle ottenendo dei salsicciotti di circa 25 cm (meglio pesarle per avere la stessa grammatura).

DSC_0424

A questo punto procedere con la creazione della treccia a quattro capi come si osserva dal mio tutorial fotografico.

procedimento treccia greca

Una volta ottenuta la treccia, lasciarla lievitare su una teglia con carta forno e coperta con pellicola  per circa 30-45 minuti, fino al raddoppio.

Accendere il forno a 240 gradi e posizionare un pentolino con dell’acqua sul fondo del forno, per conferire umidità all’ambiente di cottura e simulare un forno a vapore.

Spennellare lo tsoureki con del tuorlo d’uovo e cuocere a 200 gradi (quindi abbassare la temperatura del forno) per circa 20 minuti. Grazie al tuorlo d’uovo puro, e non stemperato con latte, lo tsoureki assumerà la tipica colorazione brunastra.

DSC_0444

Buonissimo tsoureki 😉 A noi è piaciuto tantissimo, da rifare! 😉

Ricetta tratta da Come si fa il pane, di Emmanuel Hadjiandreou, Guido Tommasi Editore, 2011

*gelso*

DSC_0494 DSC_0502

Seguitemi anche sulla pagina Facebook e sui social!

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Altre ricette che possono interessare..

4 comments on Tsoureki

  1. Simona
    4 novembre 2014 at 6:10 pm (4 anni ago)

    ma che bello Federica! Lo avevo visto realizzare in una trasmissione televisiva inglese e mi aveva affascinato la maestria e la velocità con cui i mastri fornai realizzavano questo intreccio e mi ero ripromessa di cercare con calma il procedimento! Adesso posso cimentarmi anche io. Bellissima idea e molto chiare le foto!

    Rispondi
    • Gelso
      4 novembre 2014 at 6:18 pm (4 anni ago)

      Grazie Simona, io lo faccio molto lentamente, invece, ma non è poi così difficile come appare! Se lo provi, fammi sapere! 😀

      Rispondi
  2. Barbara
    6 gennaio 2016 at 4:15 pm (3 anni ago)

    Ciao Federica ma non sono tanti 40 gr di lievito.?

    Rispondi
    • Gelso
      6 gennaio 2016 at 8:57 pm (3 anni ago)

      Ciao Barbara, ti confermo che la ricetta, tratta dal libro citato, prevede questa quantità di lievito di birra! A presto 😉

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *




*