Crea sito

Spezzatino di Bue al Nebbiolo in cestini di polenta

Spezzatino di bue in cestini di polenta ok

Cari lettori,

vi presento con immenso piacere la prima videoricetta del progetto #tudichetagliosei in collaborazione con l’azienda Terraviva, il vignettista Danilo Paparelli e Ideavideo – Agrisapori e Cucina Casa Delfino. Potrete vedere questa e altre videoricette sul web ai link sottostanti e  anche su 150 televisioni locali a partire dal 22 dicembre. Trovate l’elenco completo delle TV sul sito web di Agrisapori.

Clicca qui sotto per vedere la videoricetta #tudichetagliosei dello Spezzatino di Bue al Nebbiolo in cestini di polenta

Clicca qu sotto per vedere l’intera puntata di Agrisapori del  22 dicembre (al 16° minuto trovate la mia ricetta!)


Ecco la ricetta dello Spezzatino di Bue al Nebbiolo in cestini di polenta.

Il bue è una carne pregiata e saporita che viene macellata poco prima delle festività natalizie, intorno alla metà del mese di dicembre. Pertanto, è considerato un piatto tradizionale da portare a tavola durante le feste. Si può preparare in vari modi: dal bollito, al brasato, agli arrosti. Ottima è la lingua di bue al verde.

In questo caso, propongo un piatto delizioso e succulento, un classico invernale: lo spezzatino di bue al Nebbiolo, preparato utilizzando dei bocconcini di reale di bue leggermente infarinati  e portati a cottura sfumando la carne con dell’ottimo Nebbiolo delle Langhe e del brodo vegetale.

Di solito, il bue si serve con della polenta fumante, oppure rassodata, tagliata a bastoncini e grigliata. Questa è una versione ancora più scenografica: per presentare la nostra carne in maniera originale, lo spezzatino di bue è servito dentro dei cestini di polenta, eleganti e molto semplici da preparare.

 

INGREDIENTI PER 6-8 PERSONE

1 kg di Reale di Bue di razza piemontese

1 carota

1 costa di sedano

1 cipolla bionda

500 ml di Nebbiolo

Brodo vegetale q.b.

30 gr di burro

Olio extra vergine di oliva q.b.

Farina q.b.

Sale

Pepe

Aromatiche tra cui: Alloro, Rosmarino, Ginepro, chiodo di garofano

1 confezione di polenta istantanea per la creazione dei cestini

Burro fuso per spennellare

PREPARAZIONE

collage procedimento spezzatino bue

Preparare la carne eliminando il grasso eccedente ed eventuale tessuto connettivo e tagliarla a cubetti non troppo piccoli.

Infarinare leggermente i cubetti prima di metterli a rosolare.

In un tegame capiente, sciogliere il burro con l’olio, quindi rosolarvi le verdure finemente tritate, cominciando dalla cipolla,  per qualche minuto.

A questo punto, aggiungere il bue e sigillare bene la carne da tutti i lati, mischiando con un cucchiaio.

Sfumare con del  Nebbiolo  inserendo il vino a poco a poco. Lasciare evaporare.

Aggiungere le aromatiche e coprire con del brodo vegetale o di carne, salare e pepare. Abbassare la fiamma e cuocere a fuoco dolce per circa un’ora e mezza con coperchio leggermente aperto, aggiungendo, se occorre, dell’altro brodo.  Salare e pepare.

Nel frattempo che il bue cuoce, preparare la polenta e, una volta cotta, versarla in delle cocotte rotonde in ceramica o vetro precedentemente oliate. Disporre una cocotte più piccola al di sopra della polenta stessa, per formare un incavo. Lasciar raffreddare  bene in frigorifero prima di estrarre.

Poco prima di servire, estrarre i cestini di polenta dalla cocotte e disporli su una teglia con carta forno. Spennellare i bordi con del burro fuso e far scaldare in forno.  Quindi, disporre su un piatto e riempire ogni cestino con lo spezzatino di bue al Nebbiolo ben caldo,  decorando con bacche di pepe rosso e foglie d’alloro, per simulare un rametto di agrifoglio.

Buon appetito, buona visione e… buone feste!

*gelso*

Un ringraziamento particolare a Angelo Rosso, Marco Rosso, Alessandro Ramero e tutto lo staff di Terraviva, Claudio Paoletti, esperto macellaio Terraviva che compare in video, Fabrizio Salce e Toni Gavazza di Agrisapori – Ideavideo,  Danilo Paparelli, Barbara Lettieri e Riccardo Sartoris di Cucina Casa Delfino.

Di che taglio sei - Bue al Nebbiolo

Questa ricetta fa parte del progetto #tudichetagliosei in collaborazione con l’azienda buschese Terraviva e il vignettista Danilo Paparelli, un progetto annuale che intende promuovere tutti i tagli di carne bovina attraverso l’ideazione di ricette online, vignette a tema, videoricette e pubblicazione finale. La carne di Razza Piemontese, è considerata oggi tra le più pregiate al mondo grazie alle ottime caratteristiche nutrizionali e dietetiche, essendo una carne magra, tenera e saporita. 
Numerose ricerche scientifiche hanno dimostrato che la carne bovina di Razza Piemontese, dal sapore inconfondibile, è particolarmente povera di grasso: lo 0,5-1% contro il 3% delle altre razze bovine. Ha infatti una concentrazione di grassi saturi piuttosto ridotta (37%) ed elevate percentuali di insaturi (63%), dati che hanno influenzato favorevolmente poi gli indici aterogenico e trombogenico, ponendo questo prodotto sugli stessi livelli del pesce. Si contraddistingue inoltre per una scarsa presenza di tessuto connettivo tra le fibre muscolari, che la rende particolarmente tenera alla masticazione.

Disponibile in tutti i punti vendita Terraviva e shop online con spedizioni nazionali ed internazionali.

Se vi piacciono le mie ricette, potete seguirmi anche sulla pagina Facebook

Una blogger in cucina

Grazie!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Altre ricette che possono interessare..

4 comments on Spezzatino di Bue al Nebbiolo in cestini di polenta

  1. silvia
    19 dicembre 2013 at 9:50 pm (6 anni ago)

    Bravissima!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi
    • Gelso
      19 dicembre 2013 at 10:36 pm (6 anni ago)

      Grazie Silvia 😀 <3

      Rispondi
  2. eleonora
    20 dicembre 2013 at 8:32 pm (6 anni ago)

    video bellissimo e la presentazione fatta nelle cocottine di polenta è bellissima!

    Rispondi
    • Gelso
      20 dicembre 2013 at 8:35 pm (6 anni ago)

      Grazie mille Eleonora 😀 Continua a seguirci, ne pubblicheremo delle alte 😀 <3 A presto e buone feste! 😀

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *