Crea sito

Spaghetti alla chitarra con pendolini e ricotta

spaghetti alla chitarra con ricotta e pendolini (2)

Cari lettori,

oggi vorrei consigliarvi unna ricetta velocissima, da fare al volo, con pochissimi ingredienti, ma comunque sfiziosa e appagante: gli spaghetti alla chitarra con pendolini e ricotta. Per questo primo piatto ho utilizzato degli spaghetti alla chitarra, dei pomodori pendolini e della ricotta vaccina cremosa.

 

INGREDIENTI PER DUE PERSONE

200 g di spaghetti alla chitarra

100 g di ricotta vaccina cremosa

20 pomodorini circa

1 spicchio d’aglio

Olio extra vergine di oliva q.b.

Parmigiano grattugiato q.b.

Basilico fresco q.b.

Sale

Pepe

spaghetti alla chitarra con ricotta e pendolini (1)

PROCEDIMENTO

Mettere a bollire l’acqua e nel frattempo lavare e tagliare a metà i pendolini.

Scaldare un filo d’olio in padella con uno spicchio d’aglio e saltare i pendolini per cinque minuti circa, salandoli a inizio cottura.

Aggiungere, a fuoco spento, la ricotta al sugo di pendolini e amalgamare bene. Aggiustare di sale e pepe. Aromatizzare con del basilico fresco.

Una volta cotta la pasta, farla saltare nel sugo preparato, a fuoco acceso ma basso. Aggiungere eventualmente dell’acqua di cottura della pasta per legare il condimento.

Ultimare con del parmigiano grattugiato, un filo d’olio a crudo, del pepe e del basilico.

Un primo piatto semplice, adatto anche ai bambini, digeribile, leggero e molto veloce da preparare.

Buon appetito con i miei spaghetti alla chitarra!

*gelso*

Potete seguirmi anche sulla pagina Facebook

Una blogger in cucina

e anche su Google+ e Twitter ;)

Grazie!

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Altre ricette che possono interessare..

2 comments on Spaghetti alla chitarra con pendolini e ricotta

  1. vera
    22 febbraio 2012 at 5:21 pm (7 anni ago)

    hei hei heiiiiiiiiiiiiiii!!!
    potrei morire davanti a questo piattooo!!
    che fame!!

    Rispondi
    • Gelso
      22 febbraio 2012 at 5:58 pm (7 anni ago)

      Grazie!!!

      Rispondi

Leave a reply to vera Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *