Crea sito

Pesto alla siciliana

pesto alla siciliana (1)

Cari lettori,

oggi vorrei suggerirvi un pesto dal gusto molto fresco, ideale per condire vari tipi di pasta. Si prepara velocemente con ingredienti a crudo ed è tipico della Sicilia: il pesto alla siciliana, una salsa cremosa e profumata realizzata con pomodoro fresco, basilico, parmigiano grattugiato e tanta ricotta vaccina cremosa.

Esistono varie versioni del pesto alla siciliana: in alcune zone si prepara aggiungendo delle mandorle (pesto alla trapanese), in altre dei saporiti pomodori secchi, versione che io adoro.

INGREDIENTI PER 4-6 PERSONE

250 g di pomodori rossi (ramati)

100 g di ricotta vaccina cremosa

3-4 cucchiai di pinoli

Un mazzo di basilico fresco

50 g di parmigiano grattugiato

Olio extra vergine di oliva q.b.

Sale

Pepe

pesto alla siciliana (2)

PROCEDIMENTO

Per prima cosa, spellare i pomodori tuffandoli in acqua bollente e successivamente in acqua ghiacciata. Se avete fretta è possibile saltare questo passaggio, ma io preferisco farlo.

Eliminare la loro buccia, quindi i semini interni e tagliarli a tocchetti.

Lavare ed asciugare bene il basilico, senza stropicciarlo.

Inserire gli ingredienti in un mixer con lame precedentemente refrigerate, a cominciare dai pomodori, e continuare con basilico, parmigiano, aglio, olio, pinoli, sale e pepe. Aggiungere la ricotta e frullare fino ad ottenere una crema omogenea, incorporando a filo altro olio all’occorrenza.

Aggiustare di sale e di pepe a seconda dei gusti.

Trasferire il pesto alla siciliana in una ciotola in vetro e conservarlo in frigo per uno o massimo due giorni.

Utilizzare il pesto alla siciliana per condire la vostra pasta preferita: consiglio un formato tipico siciliano, come le caserecce o le spaccatelle, ma sono ottimi anche gli spaghetti o le linguine.

Buon pesto alla siciliana!

*gelso*

Potete seguirmi anche sulla pagina Facebook

Una blogger in cucina

e anche su Google+ e Twitter ;)

Grazie!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Altre ricette che possono interessare..

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *