Crea sito

Patatas bravas

Patatas bravas (1)

Cari lettori,

oggi vi porto in Spagna, partendo però da un ingrediente del territorio: la patata lombarda della valle incantata! Vi presento le patatas bravas, un contorno o antipasto caldo che ha riscosso tanto successo al mio corso di cucina “Il giro del Mondo in 8 piatti”!

Si tratta di una tipica tapas spagnola aromatizzata alla paprika (dolce, piccante o anche affumicata) e servita in tegamini di coccio. Il titolo di questo piatto letteralmente significa “patate selvagge” proprio per la loro estrema semplicità di preparazione e versatilità. In alcune versioni si trovano accompagnate con una salsa a base di maionese, pomodoro e aglio o con salse piccanti con peperoncino o tabasco.

separatore

Patatas bravas

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 1 Kg di patata lombarda della Valle Incantata Ortoqui
  • 2 cucchiai di aceto di vino rosso
  • 2 cucchiai di passata di pomodoro
  • Paprika (dolce, piccante o affumicata)
  • 6 cucchiai di olio extra vergine di oliva (oppure olio di semi per friggere)
  • Sale
  • Pepe
  • (eventuale aglio)

Patatas bravas (2)

PROCEDIMENTO

Sbucciate e tagliare le patate a cubetti, poi cuocetele in olio abbondante (circa 6 cucchiai) fino a che non saranno dorate.

In alternativa è possibile friggerle in olio di semi profondo per due volte: la prima a 120 gradi, per ammorbidirle; poi si scolano e si lasciano raffreddare, infine si friggono per la seconda volta in olio bollente senza superare i 180 gradi.

Mischiate  passata di pomodoro e aceto e, a cottura quasi ultimata, versateli sulle patate insieme alla paprika in polvere. Lasciare asciugare e gustate ben calde. Servte le patatas bravas in ciotole di coccio con appositi stuzzicadenti e salse in accompagnamento.

Buon appetito da Ortoqui, la cucina a portata di tempo, tasche e territorio 😉

*gelso*

logo ORTOQUI-COOP

*gelso*

Seguitemi anche sulla mia pagina facebook e sui social, ci conto!

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Altre ricette che possono interessare..

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *